Tesla Cybertruck, ecco come sono gli interni

Tesla Cybertruck, ecco come sono gli interni

Tesla Cybertruck

Non passa un giorno senza che non si parli del Tesla Cybertruck. L’estetica del pick-up è stata ampiamente analizzata, ma degli interni sappiano molto poco. Grazie a un nuovo video diffuso dall’imprenditore e blogger Hamid Shojaee, registrato durante uno dei giri di prova effettuati dopo la presentazione, è però finalmente possibile dare uno sguardo agli interni del Cybertruck.

L’impostazione del sistema multimediale è la medesima rispetto a quanto abbiamo avuto modo di vedere sulla Model 3, quindi ritroviamo il famigliare maxischermo-tablet, posizionato al centro della plancia, che assolve a tutte le funzioni legate al controllo e al monitoraggio delle varie funzioni della vettura. A differire però è il layout dell’interfaccia utente.

Osservando il filmato sopra si può infatti vedere che la differenza principale rispetto all’interfaccia presente sulle attuali Tesla è che il menu è posizionato sul lato sinistro dello schermo, più vicino al conducente. Non cambia invece la collocazione del tachimetro, in alto a sinistra, la stessa soluzione adottata dalla Model 3.

Leggermente diverse anche le icone (alcune inedite) e il font, che è stato opportunamente aggiornato così da adattarsi meglio allo spirito “futurista” del Cybertruck. Il sistema multimediale del pick-up della Tesla permetterà di controllare anche aspetti come l’altezza delle sospensioni pneumatiche e l’apertura elettrica della copertura del cassone (elettroattuata).

Appare piuttosto chiaro che la Tesla nel Cybertruck vuole portare avanti il paradigma che abbiamo visto sulla Model 3 e che rivedremo anche sul suv Model Y, in uscita nei prossimi mesi; via il quadro strumenti e tutti i tasti fisici, l’interfaccia uomo-macchina è esclusivamente touch. Musk ribadisce il concetto che il nuovo lusso è la tecnologia.

 

The post Tesla Cybertruck, ecco come sono gli interni appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Tesla Cybertruck, ecco come sono gli interni