Sony Xperia X Compact, la prova

Sony Xperia X Compact, la prova

Prezzo: 449 euro | Voto: 7,5
Maggiori informazioni: Sony

var galleryContent585a45ba8678c = {
“ID”: “164486”,
“title”: “Sony Xperia X Compact, la prova”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/12/21/sony-xperia-x-compact-prova/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”164498″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164497″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Ergonomia e affidabilità rimangono sicuramente i punti di forza del dispositivo. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164494″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Rispetto ai predecessori della serie Compact qui il materiale impiegato per la scocca purtroppo è la plastica. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164496″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il sensore per le impronte digitali è tra gli aspetti rimasti inalterati: è preciso e veloce, e la posizione è comoda. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164492″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “La fotocamera da 23 Mpixel non ha subito ridimensionamenti e si comporta molto bene. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164493″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “A differenza dei gadget più costosi della serie, su Xperia X Compact si perde la resistenza all’acqua. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164491″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il display è da soli 1280×720 pixel, ma non teme confronti con gli avversari più definiti. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”165350″,
“title”: “I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired”,
“url”: “http://www.wired.it/lol/2016/12/21/commenti-facebook-wired/”,
“timeago”: “3 h”,
“category_name”: “LOL”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lol/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165423,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi-139×139.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167368″,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“timeago”: “20 Dic”,
“category_name”: “App”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/app/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167369,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX–307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
}]};

Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l'ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)Sfoglia gallery7 immagini

Sony Xperia X Compact Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)

globalData.fldNumPhoto = ‘7’;

Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Ergonomia e affidabilità rimangono sicuramente i punti di forza del dispositivo. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Rispetto ai predecessori della serie Compact qui il materiale impiegato per la scocca purtroppo è la plastica. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Il sensore per le impronte digitali è tra gli aspetti rimasti inalterati: è preciso e veloce, e la posizione è comoda. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact La fotocamera da 23 Mpixel non ha subito ridimensionamenti e si comporta molto bene. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact A differenza dei gadget più costosi della serie, su Xperia X Compact si perde la resistenza all’acqua. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Il display è da soli 1280×720 pixel, ma non teme confronti con gli avversari più definiti. (Foto: Lorenzo Longhitano)

Da tempo ormai chi vuole uno smartphone potente e completo deve farsi spazio in tasca per farcelo stare: quasi tutti i produttori puntano su telefoni dai display con diagonali dai 5 pollici in su, e Sony è tra i pochi che ancora crede nelle potenzialità di un gadget potente ma tascabile. Xperia X Compact è l’ultimo prodotto dell’ormai storica serie di smartphone liofilizzati della società, che però a differenza di quanto avvenuto con i predecessori è caratterizzato da tagli strategici operati in alcuni ambiti.

Uno degli aspetti sui quali gli ingegneri Sony hanno lavorato per contenere i costi del telefono è sicuramente il design, penalizzato dalla scelta di utilizzare una scocca in plastica lucida anziché in vetro e alluminio. Le dimensioni contenute e la forma squadrata dagli spigoli smussati, oltre a rendere il telefono estremamente ergonomico, continuano a far sembrare Xperia X Compact un sobrio mattoncino, ma il materiale che lo riveste gli fa perdere tutta l’aura di oggetto di lusso che emanava l’elegante e pregiato Xperia Z5 Compact, trasformandolo in una calamita per ditate dall’aspetto economico.

Il display da 4,6 pollici è uno dei tratti distintivi del dispositivo. Realizzato con tecnologia LCD IPS, il pannello vanta una risoluzione di appena 1280 x 720 pixel: si tratta di un valore inferiore rispetto a quello di molti altri dispositivi, anche di prezzo inferiore, ma è meglio non lasciarsi ingannare da conteggi di questo tipo. Lo schermo di X Compact risulta eccellente per fedeltà dei colori, luminosità e angoli di visione, ma anche la leggibilità e la definizione dei contenuti sono molto buoni: la matrice di pixel è invisibile, documenti e pagine web restano consultabili tranquillamente e le immagini — sia quelle statiche che quelle in movimento — risaltano vivaci.

Il processore è l’altro aspetto oltre alla carrozzeria sul quale Sony ha tentato un’operazione di taglio dei costi: a differenza degli altri modelli Compact che montavano gli ultimi e più potenti ritrovati del settore, quest’ultimo smartphone ripiega su una meno potente CPU Snapdragon 650 che però è lo stesso all’altezza della situazione. Le app si avviano velocemente, animazioni e transizioni non perdono un fotogramma e i 3 GB di RAM che accompagnano il dispositivo bastano a tenere app aperte a sufficienza, faticando solo quando le app aperte in contemporanea superano livelli di utilizzo normali. I 32 GB di memoria interna espandibili tramite schede microSD e una batteria da 2700 mAh capace di tenere il gadget acceso fino a sera contribuiscono a rendere Xperia X Compact anche affidabile, ma in generale possiamo dire che la spending review operata sulle specifiche tecniche è riuscita, e lo smartphone non è solo versatile ma anche potente a sufficienza da soddisfare le esigenze della maggior parte degli utenti.

Se il telefono è reattivo e veloce quasi quanto un dispositivo di fascia alta però non è solo merito del processore, ma anche delle piccole ottimizzazioni che sono state fatte a bordo: il lettore di impronte digitali ad esempio è un tutt’uno con il tasto di accensione laterale e sblocca il telefono in un solo tocco veloce e preciso, inoltre è posizionato in modo che sia l’indice sinistro che il pollice destro possano raggiungerlo facilmente; l’interfaccia grafica finalmente è molto più fedele a quella originale di Android (qui è installata la versione 6, Marshmallow) e le dimensioni dello schermo rendono facile fare tutto con una mano sola senza il rischio di far volare in terra il telefono, un vantaggio troppo spesso sottovalutato.

Dentro a Xperia X Compact infine trova posto un comparto fotografico in linea con quello del fratello maggiore Xperia XZ. In particolare il sensore principale da 23 megapixel con obiettivo grandangolare f/2.0 è veloce nello scatto e nella messa a fuoco ed è in grado di regalare immagini dai colori fedeli e dall’elevato livello di dettaglio nella maggior parte delle situazioni. Le foto e i video catturati in realtà non sono tra i migliori in assoluto del panorama smartphone — al calare delle tenebre il rumore di fondo aumenta considerevolmente e in generale l’assenza di una stabilizzazione ottica si fa notare — ma su un dispositivo di queste dimensioni hanno ben pochi rivali; il tasto a doppia corsa dedicato allo scatto poi è un alleato prezioso per chiunque trovi nella fotografia da smartphone un modo per esprimersi.

L’ultimo telefono della casa giapponese non è dunque perfetto, ma nell’esperienza quotidiana è davvero piacevole da utilizzare. Discreto in tasca ed efficace in mano, ha tutte le carte in regola per soddisfare la grandissima maggioranza del pubblico alla ricerca di uno smartphone di queste dimensioni. Il problema — oltre a un look che può non piacere — è il prezzo, eccessivo per un prodotto di questa fascia: il mercato ormai abbonda di soluzioni più economiche in grado di superare l’offerta Sony sotto diversi aspetti, e l’idea di considerare la sua compattezza come una caratteristica per la quale pagare un costo aggiuntivo rispetto a gadget più ingombranti può non andare a genio.

Wired
Altoparlanti frontali doppi.

Tired
Non è resistente all’acqua come gli ultimi modelli della serie.

The post Sony Xperia X Compact, la prova appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Sony Xperia X Compact, la prova