Quando è il picco d’infettività del coronavirus?

Quando è il picco d’infettività del coronavirus?

infettività
(foto:  tigerlily713 via Pixabay)

Se si scopre di avere il nuovo coronavirus, quando si è più contagiosi e per quanto tempo lo si rimane? Fin dall’inizio della pandemia diversi studi hanno approfondito l’argomento e hanno mostrato che già prima della comparsa dei sintomi – nei due giorni precedenti – si è molto contagiosi, un elemento che non era scontato e che per epidemie del passato, come la Sars e la Mers, non è ben noto. Oggi un ampio studio, condotto dall’università di Glasgow e da altre università inglesi, fa il punto sull’infettività del coronavirus Sars-Cov-2, paragonandola a quella degli altri coronavirus, responsabili di Sars e Mers. I risultati, pubblicati su Lancet Microbe, mostrano che il virus rimane vivo e attivo, dunque capace di replicarsi e di infettare, al massimo per 9 giorni.

Il picco dell’infettività

I ricercatori hanno esaminato 79 studi sul coronavirus Sars-Cov-2, insieme a 8 ricerche su Sars-Cov (causa della Sars) e altre 11 su Mers-Cov. Dai risultati si conferma che la persona è contagiosa già e giorni prima della comparsa dei sintomi e che il picco dell’infettività è molto probabilmente al momento in cui appaiono le prime manifestazioni e fino a cinque giorni dopo. In questo lasso di tempo, infatti, la quantità di particelle di rna virale – la cosiddetta carica virale – è risultata più alta rispetto al periodo successivo e precedente, stando all’analisi dei 79 studi sul tema.

Picco dell’infettività: Covid, Sars e Mers a confronto

La carica virale associata all’infezione da Sars-Cov-2 raggiunge il suo picco nella prima settimana dei sintomi. Al contrario, nella Sars il picco dell’infettività si manifestava fra il 10° e il 14° giorno e nella Mers fra il 7° e il 10° giorno: proprio questo ritardo potrebbe rappresentare una delle ragioni per cui la Sars e la Mers hanno avuto una diffusione molto ridotta – in quei casi si è trattato fortunatamente di epidemie limitate e non di pandemie – se comparata con i numeri dei contagi del Covid-19. Un altro elemento che alimenta questa differenza è il fatto che la mortalità associata a Sars e Mers era molto più alta di quella del Covid e questo ha fatto sì che le due malattie si diffondessero meno, dato che i sintomi erano molto più gravi e i pazienti molto malati non avevano modo di circolare e trasmettere il virus.

Covid-19, contagiosi fino al 9° giorno

La persona con Covid-19 è contagiosa anche prima di avere i sintomi (due giorni) e continua a esserlo fino al 9° giorno dall’inizio di queste manifestazioni, periodo durante il quale il virus continua a risultare attivo. Fra le 79 ricerche considerate, infatti, in nessun caso il coronavirus è risultato ancora vivo dopo il 9° giorno, nonostante frammenti di materiale genetico del virus fossero ancora rilevabili in vari campioni, in gola, nell’espettorato, nelle feci e nel sangue. In particolare, la permanenza media di questo materiale nelle alte vie respiratorie è in media di 17 giorni, con la durata massima rilevata negli studi pari a 83 giorni, quasi 3 mesi.

Come interpretare i dati

Anche se la carica virale del virus Sars-Cov-2 nel tratto respiratorio e nelle feci può essere prolungata”, scrivono gli autori nel testo, “la durata di tempo in cui il virus rimane attivo è relativamente breve”. E non è un caso che lOms e le autorità nazionali in tempi abbastanza recenti (all’inizio di ottobre) abbiano modificato le regole della quarantena dei casi sospetti e dell’isolamento dei casi accertati. Nei mesi precedenti si doveva rimanere in isolamento fino a quando si risultava ancora positivi al Sars-Cov-2, dunque anche per mesi, magari a causa della presenza di piccole tracce di materiale genetico. Attualmente, invece, gli asintomatici (e anche per chi ha avuto sintomi ma non li ha da almeno 7 giorni) sono liberi di uscire anche se ancora positivi al virus dopo 21 giorni, previa certificazione della Asl del fatto che siano trascorse 3 settimane.

The post Quando è il picco d’infettività del coronavirus? appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Quando è il picco d’infettività del coronavirus?