Ifa 2019, le tv del (prossimo) futuro puntano su 8K, design e sound

Ifa 2019, le tv del (prossimo) futuro puntano su 8K, design e sound

Berlino – I televisori sono sempre stati sotto i riflettori a Ifa (la fiera berlinese che oggi chiude i battenti e dà appuntamento all’anno prossimo), ma in questa edizione si sono voluti prendere la scena per rimarcare un ruolo primario nell’elettronica di consumo. Complice anche una fiera povera di grandi novità, i tv hanno facilmente sedotto il pubblico e gli addetti ai lavori giocando due carte molto efficaci: dimensioni e qualità.

Tutte le principali aziende hanno messo in evidenza soprattutto i modelli “big”, quelli con schermi enormi relegando i 65 pollici alla dimensione minima di partenza. In effetti il mercato più dinamico e in crescita del settore è da qualche anno quello dei televisori molto grandi, che crescono in proporzione di più rispetto alle vendite dei prodotti più standard. Questa impennata è legata anche all’arrivo dei pannelli 8K che sono in grado di offrire ai consumatori un’esperienza visiva adeguata su apparecchi dalle proporzioni così generose.

Basta vedere la rassegna delle novità in casa LG che non ha a caso ha messo in bella mostra il primo tv oled 8K al mondo con misure tutt’altro che trascurabili: ben 88 pollici. Il televisore della linea premium Signature 88Z9 raggiunge una risoluzione di 7680 x 4320, ovvero 33 milioni di pixel auto-illuminanti, equivalenti a 16 volte il numero di pixel di un TV Full HD e a 4 volte quelli di un TV UHD. Molto interessante è il design, non a caso premiato con il Red dot Award, che mantenendo linee pulite ed essenziali riesce a integrare un sistema di altoparlanti da 80 watt di potenza.

Nella corsa alle dimensioni estreme il primato spetta però a Sharp che ha portato in fiera il suo gigantesco lcd 8K da 120 pollici, ovvero 3,04 metri di diagonale. Nella categoria a cristalli liquidi si tratta del più grande TV al mondo. L’obiettivo dell’azienda giapponese è quello di inserire questo ed altri futuri schermi in un progetto più ampio di integrazione tecnologica con il 5G. L’azienda di Osaka punta infatti a realizzare un vero e proprio ecosistema 8K+ 5G per sfruttare al meglio questi asset con l’integrazione di servizi e applicazioni ad hoc.

L’accento sulla tecnologia ha caratterizzato anche gli annunci di Samsung che ha scelto il palcoscenico di Berlino per annunciare la disponibilità dello standard hdr 10+ sui propri schermi 8K. L’azienda coreana ha infatti reso noto che supporterà i primi contenuti hdr 10+ 8K al mondo in collaborazione con i principali servizi di streaming europei. Entro la fine dell’anno Chili, The Explorers e Megogo adotteranno infatti la specifica 8K hdr 10+, aggiungendola ai propri contenuti già esistenti in 4K hdr 10+.

La tecnologia Hdr 10+ ottimizza la luminosità e massimizza il rapporto di contrasto, rendendo le aree luminose più brillanti e le aree scure più intense e profonde. La funzione è disponibile su tutti i modelli di Tv Uhd, inclusa appunto la gamma Qled TV 8K di Samsung tra cui il modello top da 85 pollici. Tra le novità merita una menzione la disponibilità del primo modello 8K con taglio da 55 pollici appena introdotto. È della partita degli 8K anche Sony che ha riproposto i modelli della serie Bravia Master ZG9 disponibili in Europa dalla scorsa primavera, compreso il gigantesco 98 pollici da 80 mila euro.

Philips ha invece puntato molto sulla qualità dell’audio estendendo la già collaudata cooperazione con l’azienda inglese Bowers & Wilkins. Partendo dal paradigma che all’elevato standard visivo offerto dalla tecnologia Oled è necessario accompagnare un’analoga esperienza sonora, il brand di Tp Vision ha mostrato due nuovi prodotti siglati Oled+934 e Oled+984.

Entrambi i modelli, sempre supportati dal processore P5 di terza generazione, montano sistemi di altoparlanti a driver multiplo e ottimizzati acusticamente che mutuano molti dei principi di progettazione e tecnologie proprietarie di tutti i prodotti audio Bowers & Wilkins. La decodifica Dolby Atmos è inclusa in entrambi i televisori, ma l’Oled+ 934 si distingue anche per la scelta estetica che prevede una sound bar sospesa qualche centimetro sotto lo schermo con un tweeter sperato posizionato al centro. Al momento è disponibile solo la versione da 65 pollici e i pannelli sono 4K.

Prova a farsi largo tra i big del settore anche TCL, il marchio cinese ha infatti mostrato a IFA ben 3 nuove serie di televisori studiate per il mercato europeo. Le serie X10 che, top di gamma, è il primo Mini Led Android TV in assoluto ed è anche uno dei televisori con Direct led più sottili al mondo. Molto interessante, soprattutto dal punto di vista del design è la serie X81, 4K Qled, a cui si affianca la serie EC78, ultra slim 4K hdr pro. Tutte le tre nuove gamme di prodotti sono caratterizzate dalla presenza di una sound bar Onkyo integrata e sistema operativo Android Tv.

L’ultima segnalazione spetta al concept tv mostrato da Panasonic, un oled trasparente che aveva già fatto capolino allo scorso Salone del mobile di Milano. Questo prototipo legato a un progetto di ricerca concettuale sviluppato con Vitra punta a capire meglio come è possibile integrare nell’arredamento il televisore anche quando è “tecnicamente” spento. In questo caso infatti il display è in grado di trasformarsi da arredo passivo a elemento dinamico, grazie anche all’elegante telaio in lego che simula una vera e propria cornice.

The post Ifa 2019, le tv del (prossimo) futuro puntano su 8K, design e sound appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Ifa 2019, le tv del (prossimo) futuro puntano su 8K, design e sound