I migliori personaggi di serie tv del 2016

I migliori personaggi di serie tv del 2016
var galleryContent585a45babecac = {
“ID”: “166255”,
“title”: “I migliori personaggi di serie tv del 2016”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/play/televisione/2016/12/21/migliori-personaggi-tv-2016/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”166364″,
“title”: “JJ DiMeo, Speechless”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”155346″,
“title”: “Luke Cage”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Un supereroe nero era quello di cui il 2016 aveva bisogno”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166365″,
“title”: “Genny Savastano, Gomorra”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Persona orribile, personaggio grandioso”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166367″,
“title”: “Alicia Florrick, The Good Wife”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “L’avvocato ispirata a Hillary Clinton ci saluta dopo sette stagioni”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166427″,
“title”: “Dolores Abertnathy, Westworld”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “L’androide più vecchio di Westworld ha ancora molto da dire”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166368″,
“title”: “Cesei Lannister, Game of Thrones”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Questa è stata la stagione di Cersei, è inutile negarlo”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166433″,
“title”: “BoJack Horseman”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il cavallo antropomorfo più umano di molti umani”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166369″,
“title”: “Kate Pearson, This is Us”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Un personaggio che non ha paura di affrontare la questione”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166431″,
“title”: “Lenny Belardo, The Young Pope”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il giovane papa con pensieri molto poco giovani”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166429″,
“title”: “Eleven, Stranger Things”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Nessun personaggio ha segnato il 2016 quanto lei”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”164486″,
“title”: “Sony Xperia X Compact, la prova”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/12/21/sony-xperia-x-compact-prova/”,
“timeago”: “2 h”,
“category_name”: “Smartphone”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 164498,
“width”: 1920,
“height”: 1136,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”165350″,
“title”: “I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired”,
“url”: “http://www.wired.it/lol/2016/12/21/commenti-facebook-wired/”,
“timeago”: “3 h”,
“category_name”: “LOL”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lol/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165423,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi-139×139.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167368″,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“timeago”: “20 Dic”,
“category_name”: “App”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/app/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167369,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX–307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertenteSfoglia gallery10 immagini

JJ DiMeo, Speechless JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente

globalData.fldNumPhoto = ’10’;

JJ DiMeo, Speechless
JJ DiMeo, Speechless JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente
Luke Cage
Luke Cage Un supereroe nero era quello di cui il 2016 aveva bisogno
Genny Savastano, Gomorra
Genny Savastano, Gomorra Persona orribile, personaggio grandioso
Alicia Florrick, The Good Wife
Alicia Florrick, The Good Wife L’avvocato ispirata a Hillary Clinton ci saluta dopo sette stagioni
Dolores Abertnathy, Westworld
Dolores Abertnathy, Westworld L’androide più vecchio di Westworld ha ancora molto da dire
Cesei Lannister, Game of Thrones
Cesei Lannister, Game of Thrones Questa è stata la stagione di Cersei, è inutile negarlo
BoJack Horseman
BoJack Horseman Il cavallo antropomorfo più umano di molti umani
Kate Pearson, This is Us
Kate Pearson, This is Us Un personaggio che non ha paura di affrontare la questione
Lenny Belardo, The Young Pope
Lenny Belardo, The Young Pope Il giovane papa con pensieri molto poco giovani
Eleven, Stranger Things
Eleven, Stranger Things Nessun personaggio ha segnato il 2016 quanto lei

Se scegliere le migliori nuove serie tv del 2016 è complesso, scegliere i migliori personaggi è quasi impossibile. Il livello di scrittura televisiva è ormai così alto che moltissimi personaggi meriterebbero una menzione, specie se considerati nel loro contesto originale. Così, per scegliere chi doveva figurare in questa lista, abbiamo preso in considerazione i più iconici, quelli che hanno significato qualcosa, che hanno segnato un cambiamento, avuto archi narrativi particolarmente potenti o che, semplicemente, ricorderemo per parecchio tempo come un simbolo televisivo di quest’anno.

Ecco dunque i nostri migliori personaggi di serie tv del 2016.

10. JJ DiMeo (Speechless)jjdimeo

Speechless non è una serie di cui si sia parlato molto in Italia (anche se noi l’abbiamo inserita tra le migliori), ma la comedy della Abc ha provato che rappresentare le minoranze in tv non significa renderle per forza una tematica. Per questo JJ, il protagonista affetto da paralisi cerebrale della serie, è uno dei personaggi più significativi dell’anno: perché ci dice che un adolescente disabile affronta sì problematiche diverse da quelle dei suoi coetanei, ma è lo stesso un adolescente, non uno strumento al servizio del facile dramma.

9. Luke Cage (Luke Cage)luke-cage

La terza serie nata dalla collaborazione tra Marvel Studios e Netflix non ha convinto il pubblico quanto le precedenti, Dardevil e Jessica Jones. Ciò non di meno, Luke Cage (interpretato da Mike Colter) è stato il supereroe giusto al momento giusto. In un anno in cui la comunità afro-americana si è unita nel movimento Black Lives Matter per denunciare gli abusi della polizia, un supereroe di colore, che opera ad Harlem e veste una felpa nera col cappuccio, non è un supereroe qualunque. Qualsiasi siano stati i meriti e i demeriti della serie, Luke Cage è l’eroe dell’anno.

8. Gennaro Genny Savastano (Gomorra – La serie)genny

Dopo un eroe, un antieroe. I personaggi di Gomorra (che è stata eletta terza miglior serie straniera dal New York Times) sono entrati nel nostro immaginario con una potenza raramente raggiunta da una produzione italiana. Al di là delle possibili controversie etiche, stiamo parlando di figure magistralmente scritte, e Genny tra tutti è forse la più terribile e umana.

7. Alicia Florrick (The Good Wife)alicia

The Good Wife ci ha salutati quest’anno, dopo sette stagioni eccellenti. Anche Claire Underwood sarebbe potuta entrare nella lista, ma abbiamo scelto di omaggiare proprio Alicia per il suo lunghissimo percorso, sempre coerente e coraggioso, che ha fatto molto per la rappresentazione delle donne in tv. E poi, quale anno migliore per salutare (o scoprire) una donna la cui vita è ispirata a quella di Hillary Clinton?

6. Dolores Abernathy (Westworld)

Evan Rachel Wood non ha (finora) ricevuto grandi riconoscimenti per le sue capacità di attrice, ma inWestworld sembra aver trovato la sua dimensione. Androide alla ricerca del sé, chiave di volta del mistero della serie e donna che combatte per emanciparsi in un ambiente ostile e patriarcale a ogni livello, Dolores è il simbolo della serie rivelazione dell’anno, e certamente ci accompagnerà anche nella prossime – si spera molte – stagioni.

5. Cersei Lannister (Game of Thrones)cersei

Cersei non è un personaggio facile da amare. A differenza di Tyrion, Jon Snow e Daenerys – che, se vogliamo, sono più ruffiani con lo spettatore -, la regina Lannister non scende mai a compromessi. Spietata, arrivista, vendicativa, ma anche sofferente e complessa, questa è stata senza dubbio la stagione della sua rinascita, e per quanto qualcuno possa aver goduto della sua caduta, di certo nessuno è rimasto indifferente alla sua riconquista. Quella della sua incoronazione come Regina dei Sette Regni è senza dubbio una delle scene più memorabili della serie.

4. BoJack Horseman (BoJack Horseman)

Ne abbiamo già scritto, ma non abbastanza: BoJack è uno dei personaggi televisivi più intensi degli ultimi anni. Rinunciatario, alcolizzato, cinico e malinconico, autodistruttivo e pieno di rimpianto – questo cavallo antropomorfo a cartoni animati ha molta più vita della maggior parte dei colleghi reali, e più coraggio nel mettere a nudo l’animo fragile e contraddittorio del maschio moderno.

3. Kate Pearson (This is Us)kate

Raramente la tv ha dato spazio a personaggi in sovrappeso, se non per farne un uso in qualche modo comico. Kate è diversa. Da una parte è perfettamente caratterizzata come persona al di là del suo peso, ma dall’altra la serie sceglie di non negare il problema, affrontandolo il modo sensibile e umano. Non una mera questione estetica, quindi, ma il risultato di un percorso di vita che si snoda dall’infanzia all’età adulta, rivelando debolezze, piccole e grandi umiliazioni, esperienze, speranze. Un ottimo lavoro, che davvero, ci voleva.

2. Lenny Belardo (The Young Pope)

La serie del premio Oscar Paolo Sorrentino ha diviso il pubblico e la critica, ma che Lenny sia stato uno dei personaggi più vividi e originali di questo 2016, è difficile negarlo. Merito anche di un eccezionale Jude Law, che maneggia con disinvoltura la sceneggiatura verbosa e riesce a renderla intensa e divertente anche dove rischia di piegarsi sotto un peso eccessivo.

1. Eleven (Stranger Things)

Non ci sono dubbi, è lei l’eroina dell’anno. Se Stranger Things è stato (meritatamente) il fenomeno che è stato, il merito è anche del personaggio interpretato da Mille Bobby Brown. Questa meravigliosa ragazzina, che come niente incarna in sé tenerezza e potere, ci ha conquistati tutti, senza esclusioni. Bionda o rasata, in maglietta sgualcita o abito rosa, Eleven è Eleven, e noi la amiamo in ogni caso.

The post I migliori personaggi di serie tv del 2016 appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: I migliori personaggi di serie tv del 2016