Google, una nuova crittografia rende sicuri anche gli smartphone economici

Google, una nuova crittografia rende sicuri anche gli smartphone economici

(Foto: Google)
(Foto: Google)

Ad oggi quasi tutti gli smartphone di fascia media e alta godono ormai della possibilità di proteggere i dati contenuti al loro interno con sistemi di crittografia — ovvero di rendere le informazioni illeggibili a chiunque non sappia il codice di accesso impostabile alla prima accensione dei dispositivi. Questo grado di sicurezza richiede una capacità di calcolo che non è a disposizione di tutti i telefoni, motivo per cui i gadget Android di fascia più bassa al momento sono tagliati fuori dalla possibilità di proteggere al meglio i dati dei proprietari. Le cose potrebbero cambiare a breve però: in questi giorni Google ha infatti svelato di essere al lavoro su Adiantum, un sistema di crittografia più efficiente di quello impiegato sugli smartphone attuali, che renderà possibile la crittografia completa dei dati anche sui dispositivi meno potenti.

Adiantum si presenta come un approccio nuovo alla crittografia dei dispositivi, che utilizza strumenti e sistemi già esistenti ma riadattandoli affinché funzionino in modo efficiente su tutti i dispositivi smart che non dispongono a bordo di chip specializzati in questo tipo di operazioni; non solo smartphone con chip datati o economici dunque, ma anche smartwatch e altri gadget. Il sistema adottato dalla casa di Mountain View promette prestazioni fino a cinque volte migliori rispetto a quelle garantite dagli algoritmi AES-256 normalmente utilizzati su Android, il che dovrebbe rendere possibile adoperarlo sui telefoni e tablet più abbordabili senza incidere sulle loro prestazioni.

Se le cose dovessero andare come sperato da Google (nei prossimi mesi il sistema verrà inevitabilmente sottoposto ai test di tutti i tecnici informatici che vorranno metterlo alla prova) Adiantum potrebbe mettersi a disposizione dei produttori di smartphone e gadget Android a partire dalla prossima versione del sistema operativo. In tal caso i prodotti con chip che già supportano gli attuali sistemi di crittografia continuerebbero comunque a lavorare con quelli, mentre i produttori di gadget privi delle componenti necessarie avrebbero una scelta: adottare Adiantum oppure rimanere privi di opzioni crittografiche — che anche prossimamente rimarranno facoltative.

The post Google, una nuova crittografia rende sicuri anche gli smartphone economici appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Google, una nuova crittografia rende sicuri anche gli smartphone economici