Ford Mondeo Hybrid, il rilancio (tech) delle station wagon

Ford Mondeo Hybrid, il rilancio (tech) delle station wagon

Mondeo Hybrid è la ricetta studiata da Ford per riaccendere l’interesse dei consumatori verso le station wagon del segmento D e D Premium (cioè le cosidette “medie”). Categorie che – insieme – nel 2018 hanno raccolto poco meno del 3% di immatricolazioni (54.200 unità) del mercato totale. Ma gli ingredienti ideati dall’Ovale Blu per ridare alle familiari l’appeal (perduto a vantaggio di suv e crossover) sembrano essere di qualità. Abbiamo avuto a disposizione per analizzarli i settantacinque chilometri che separano Moltrasio (sul lago di Como) da Milano.

Sotto esame il propulsore ibrido da 187 cavalli che combina un motore a benzina 2.0 a ciclo Atkinson da 140 cv a 173 Nm a un motore elettrico da 120 cv a 240 Nm. A questi si aggiunge un generatore per la ricarica della batteria agli ioni di litio da 1,4 kWh. Ovviamente, come tutte le auto ibride, anche la nuova Mondeo Hybrid recupera circa il 90% dell’energia persa durante la frenata per ricaricare la batteria. Una frenata rigenerativa ben visibile dall’icona rotante del cockpit digitale. Ford dichiara per la sua wagon l’emissione di 101 g/km di CO2 e un consumo di 4,4 l/100 km. Nella pratica, la nostra Mondeo Hybrid si è fermata a 5,5 l/100 km cioè poco più di 18 chilometri al litro. Un percorso misto tra le strade trafficate di Milano e della Tangenziale Ovest e i rettilinei più sgombri della A9 in cui abbiamo toccato più volte i 130 km/h. Una volta entrati in confidenza, siamo riusciti a raggiungere per un breve tratto i 90 km/h solo in modalità elettrica.

Questa motorizzazione probabilmente non incontrerà l’entusiasmo del gentleman driver alla ricerca di adrenalina, ma attirerà di certo l’attenzione del buon padre di famiglia come del professionista (figure che spesso coincidono) a cui serve un’auto brillante, ma dai consumi contenuti per macinare chilometri. Un deterrente al “piede pesante” è senza dubbio l’interfaccia Ford SmartGauge. Il display di destra del cockpit, infatti, monitora in tempo reale l’efficienza dello stile di guida facendo germogliare/cadere delle foglioline verdi (vedi foto sotto). Un deterrente naturale perché dopo la deforestazione dei primi chilometri, abbiamo cercato spontaneamente di preservare le foglie restanti e farne germogliare il più possibile. Il risultato? Un risparmio economico e un piccolo contributo a migliorare la qualità dell’aria che si respira.

Ford Mondeo Hybrid SmartGauge foglioline
L’interfaccia Ford SmartGauge

All’assetto stabile al riparo dalle irregolarità della strada (merito anche dei cerchi in lega da 18″), si aggiungono i diversi aiuti alla guida diventati ormai irrinunciabili. Le due telecamere, i tre radar e i 12 sensori sono alla base dell’Adaptive Cruise Control e dell’Intelligente Speed Limiter che consentono a Mondeo Hybrid di mantenere automaticamente una distanza di guida sicura dai veicoli che la precedono. A questi di aggiunge la modalità Stop&Go che permette di arrestare completamente il veicolo nel traffico. L’abitacolo è ben insonorizzato anche se, quando si preme a fondo sul pedale destro, la trasmissione automatica a variazione continua (cambio CTV) a 8 rapporti si fa sentire.

Gli interni dell’abitacolo nell’allestimento Vignale hanno un aspetto da luxury car. A piacere sono le cuciture della pelle pienofiore dal sapore artigianale abbinate alle rifiniture premium della console centrale e agli elementi decorativi ispirati all’alluminio. Senza togliere gli occhi dalla strada, il volante permette al conducente di accedere a tutti i sistemi di controllo, alla gestione delle chiamate e all’infotainment. Il layout del touchscreen 8″ è una leggera variante del SYNC 3 con funzione Apple CarPlay e Android Auto. Ma a chiudere in bello il piacere di guida è l’inaspettato Multi Contour Seat. Sotto questa dicitura si nascondono (è il caso di dire) 11 cuscinetti inseriti nei sedili anteriori che gonfiandosi in sequenza praticano un massaggio rilassante a schiena e gambe. Funzione lasciata attiva per tutta la durata del viaggio. Decisamente premium anche il sistema di condizionamento del sedile con tre gradi di regolazione sia per il caldo che per il fresco. A differenza di molte case automobilistiche che si stanno dirigendo verso l’assenza di rumore visivo con l'(ab)uso di touchscreen, su Mondeo Hybrid la presenza dei tasti è ancora massiccia: la consolle centrale ne ha ben 20.

Interni Ford Mondeo Hybrid Vignale
Consolle centrale

Alle emissioni e ai consumi ridotti, all’aiuto fondamentale della tecnologia, al sistema attualizzato d’infotainment non potevano che aggiungersi dei piccoli ritocchi estetici, fondamentali per dare a questa Mondeo Hybrid quell’appeal visivo decisivo per ridare lustro alla categoria delle auto famigliari. Sui 487 cm di lunghezza della vettura, ad attirare l’attenzione è decisamente la nuova cifra stilistica dei gruppi ottici: più schiacciati e allungati. Sul frontale si fa notare la nuova griglia che abbraccia i fendinebbia e una fascia paraurti più sportiva grazie allo spoiler inferiore. Lo sbalzo sulle fiancate, invece, porta lo sguardo dritto fino al profilo affusolato del retro in cui spiccano le nuove luci di coda a forma C. Infine il bagaglio che a causa della batteria perde un po’ di capacità fermandosi a 403 litri che diventano 1508 con i sedili reclinati.

Lo scalino nel bagagliaio della Ford Mondeo Hybrid
Lo scalino nel bagagliaio della Ford Mondeo Hybrid

Mondeo Hybrid nella versione wagon prevede due allestimenti: Titanium Business al prezzo di 37.200 € e Vignale a 44.350 €. Per guidare da subito la wagon firmata  Vignale, Ford ha studiato un noleggio a lungo termine all-inclusive interessante. La formula prevede un rateo di 450 € (iva esclusa) per 36 mesi e un massimo di 60.000 chilometri totali senza dover versare alcun anticipo. I servizi inclusi sono diversi: dal bollo, all’assicurazione, passando per la manutenzione ordinaria e straordinaria fino all’assistenza stradale. Ford Mondeo Hybrid wagon si è rivelata una vettura interessante non solo per consumi e confort, ma anche per le sue innovazioni tecnologiche e il pregio degli interni. Una risposta calzante per chi è indeciso tra famigliare e suv.

The post Ford Mondeo Hybrid, il rilancio (tech) delle station wagon appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Ford Mondeo Hybrid, il rilancio (tech) delle station wagon