Retro City Rampage DX, il GTA per Android

Retro City Rampage DX, il GTA per Android
var galleryContent5858fc9d6cea0 = {
“ID”: “167368”,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”167370″,
“title”: “Retro City Rampage DX”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195657/1482170216_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195657/1482170216_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195657/1482170216_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”167372″,
“title”: “Retro City Rampage DX”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195710/1482170229_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195710/1482170229_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195710/1482170229_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”167369″,
“title”: “Retro City Rampage DX”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”167373″,
“title”: “Retro City Rampage DX”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195717/1482170236_Retro-City-Rampage-DX.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195717/1482170236_Retro-City-Rampage-DX.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195717/1482170236_Retro-City-Rampage-DX.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”167371″,
“title”: “Retro City Rampage DX”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195703/1482170223_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195703/1482170223_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195703/1482170223_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “18 h”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “21 h”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167132″,
“title”: “La Vespa compie 70 anni”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/motori/2016/12/19/70-anni-vespa/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167133,
“width”: 1600,
“height”: 1067,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”166477″,
“title”: “I droni di Star Wars per giocare alle battaglie spaziali”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2016/12/19/droni-star-wars-battaglie-spaziali/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 166483,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars–139×139.jpg”
}
}
}
}
}]};

Sfoglia gallery5 immagini

Retro City Rampage DX

globalData.fldNumPhoto = ‘5’;

Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX
Retro City Rampage DX

Se ti piace Grand Theft Auto, l’ultraviolenza e l’ironia, abbiamo trovato il gioco mobile che fa per te: Retro City Rampage DX. Appena uscito su Android (Su iOS c’era già), si distingue innanzitutto per la sua grafica a 8 bit caratterizzata da quei colori acidi che ti riporteranno indietro nel tempo. Di stampo action, da GTA non prende solo la violenza e l’assassinio ma anche la possibilità di rubare e guidare ogni sorta di mezzo di locomozione, non solo le auto, quindi, ma anche l’immancabile carro armato.

Accompagnati da oltre 25 armi e un personaggio completamente personalizzabile, Retro City Rampage DX offre 60 missioni e 40 sfide arcade portando sullo schermo di tablet e smartphone la stessa dose di divertimento che troviamo nei titoli per console. Non a caso il titolo è uscito un po’ ovunque, dalla Vita alla Xbox 360 passando per la PS 4, il PC e la Wii. La differenza è però nel prezzo, che è da app. Sul Play Store infatti sta a 5,49 euro.

The post Retro City Rampage DX, il GTA per Android appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Retro City Rampage DX, il GTA per Android

ITAtech, capitali al servizio del trasferimento tecnologico

ITAtech, capitali al servizio del trasferimento tecnologico

ricerca
(foto: via Getty Images)

I processi di trasferimento tecnologico, e gli attori che li stimolano, hanno un nuovo propulsore in Italia, in termini di accelerazione e sostegno finanziario: con il lancio della Piattaforma ITAtech, Cassa depositi e prestiti (Cdp) e il Fondo Europeo per gli investimenti (Fei) mettono sul piatto 200 milioni di euro, per un’iniziativa congiunta del tutto nuova di cui è stato firmato l’accordo di lancio.

Un capitale destinato a crescere e a cui devono guardare con interesse tutti i soggetti che animano la ricerca di eccellenza e la correlata dinamica che si attiva nell’ambito del technology transfer: dalle università ai centri di ricerca, dalle startup agli Uffici di Trasferimento Tecnologico.

Grazie a un portafoglio di fondi di investimento, che ITAtech si occuperà di sviluppare con l’apporto di investitori terzi, si mira a facilitare la transizione di risultati dall’accademia al mercato. Non attraverso un modello unico, ma con più soluzioni operative per i diversi contesti: i risultati della ricerca vanno tradotti in impresa, ma diversi possono essere i meccanismi con cui si arriva al mercato (dai contratti di licenza alla costituzione di startup) o si sfrutta la tecnologia oggetto di studio.

I soggetti promotori di trasferimento tecnologico sono quindi i fisiologici portatori di interesse di questa piattaforma che vuole far approdare sul mercato il portato della ricerca italiana, nei settori di eccellenza sui quali è alto l’interesse del mondo del business. ITAtech vuole anche incentivare la costituzione di team dedicati al technology transfer.

Più bridge che hub, ma soprattutto strumento di investimento in equity, con ITAtech i progetti di ricerca e di innovazione tecno-scientifica di ambito pubblico e privato potranno compiere il salto verso una dimensione di impresa, colmando un certo gap tra produzione della ricerca e assenza di investimenti da parte di privati e venture capital.

Un altro tassello si aggiunge dunque nel panorama degli strumenti utili al rilancio della competitività nazionale e la stessa Cassa Depositi e Prestiti ne aggiunge uno tra le iniziative che supporta nel finanziare singoli progetti e piattaforme di investimento, in un piano di respiro europeo per il rilancio dell’economia continentale.

 

The post ITAtech, capitali al servizio del trasferimento tecnologico appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: ITAtech, capitali al servizio del trasferimento tecnologico

Camion contro il mercatino di Natale a Berlino, cosa si sa finora

Camion contro il mercatino di Natale a Berlino, cosa si sa finora

berlino
(foto: LaPresse)

Germania sotto choc ma ancora alla ricerca di risposte dopo i fatti di lunedì, dove, poco dopo le 20, un camion ha fatto irruzione al mercato di Natale di Breitscheidplatz, a Berlino, provocando la morte di 12 persone, secondo l’ultimo bilancio, e 48 feriti, alcuni in condizioni gravi.

Non sono ancora note le identità delle vittime e nemmeno quelle dei soggetti coinvolti in quello che appare, in un’analogia con in fatti di Nizza dello scorso luglio, come un possibile attacco terroristico. L’uomo trovato morto a bordo del camion non era l’uomo alla guida del mezzo, secondo la polizia di Berlino.

È la stessa polizia ad affermare infatti che, secondo le prime valutazioni degli investigatori, il camion sarebbe stato deliberatamente spinto sulla folla presente al mercatino  di Breitscheidplatz. Ulteriori aggiornamenti sono attesi nella giornata di oggi; al via anche i rilievi forensi sul camion che ha fatto irruzione a Breitscheidplatz, di provenienza polacca.

Cautela sulla valutazione dei fatti arriva dal ministro dell’Interno Thomas de Maizière che si astiene dal parlare di attacco, in attesa che si chiarisca il quadro degli eventi.

Solidarietà e sostegno alla Germania e ai berlinesi arrivano da tutto il mondo e sono in molti a stigmatizzare l’episodio e a leggerlo come attacco terroristico. A novembre, il dipartimento di Stato Usa aveva allertato i cittadini sui rischi in Europa, in particolare durante la stagione delle feste, con particolare riferimento ai festival e agli eventi, compresi i mercatini all’aperto. Un avviso tutt’ora valido e destinato a scadere entro il prossimo febbraio.

The post Camion contro il mercatino di Natale a Berlino, cosa si sa finora appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Camion contro il mercatino di Natale a Berlino, cosa si sa finora

Il museo 2.0 secondo Panasonic

Il museo 2.0 secondo Panasonic
var galleryContent5858ee77532b8 = {
“ID”: “163744”,
“title”: “Il museo 2.0 secondo Panasonic”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/gadget/foto-e-video/2016/12/20/museo-2-0-secondo-panasonic/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”163751″,
“title”: “Il Moesgaard Museum”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190708/1480007227_FullSizeRender-4.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190708/1480007227_FullSizeRender-4.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190708/1480007227_FullSizeRender-4.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163753″,
“title”: “La statua di Lucy,”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “forse l’australopiteco più famoso al mondo (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190725/1480007245_FullSizeRender-2.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190725/1480007245_FullSizeRender-2.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190725/1480007245_FullSizeRender-2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163749″,
“title”: “La piroga (vera), l’acqua, e le ombre (proiettate)”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190650/1480007210_FullSizeRender-8.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190650/1480007210_FullSizeRender-8.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190650/1480007210_FullSizeRender-8.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163746″,
“title”: “Lezione in corso”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190625/1480007184_FullSizeRender-3.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190625/1480007184_FullSizeRender-3.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190625/1480007184_FullSizeRender-3.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163745″,
“title”: “Un proiettore Panasonic PT-RZ670”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190616/1480007175_FullSizeRender-6.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190616/1480007175_FullSizeRender-6.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190616/1480007175_FullSizeRender-6.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163748″,
“title”: “L’isola di Santorini,”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “un attimo prima che l’animazione ne mostri l’esplosione (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190642/1480007201_FullSizeRender-7.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190642/1480007201_FullSizeRender-7.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190642/1480007201_FullSizeRender-7.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163752″,
“title”: “Disegni che prendono forma”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “e si animano per raccontare scena di vita quotidiana (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190717/1480007236_FullSizeRender-1.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190717/1480007236_FullSizeRender-1.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190717/1480007236_FullSizeRender-1.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163750″,
“title”: “C’è anche la realtà virtuale”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190659/1480007218_FullSizeRender-5.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190659/1480007218_FullSizeRender-5.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24190659/1480007218_FullSizeRender-5.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163754″,
“title”: “La prigione di Faengslet”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193815/1480009094_FullSizeRender.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193815/1480009094_FullSizeRender.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193815/1480009094_FullSizeRender.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163759″,
“title”: “Mura invalicabili”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193857/1480009136_FullSi.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193857/1480009136_FullSi.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193857/1480009136_FullSi.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163757″,
“title”: “Le ombre del passato”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “si muovono ovunque lungo le pareti (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193840/1480009119_FullSizeRender-2.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193840/1480009119_FullSizeRender-2.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193840/1480009119_FullSizeRender-2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163755″,
“title”: “L’immagine di Sonny Rasmussen,”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “un ex-detenuto diventato guida del museo. (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193824/1480009103_FullSizeRender-3.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193824/1480009103_FullSizeRender-3.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193824/1480009103_FullSizeRender-3.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163761″,
“title”: “Ora d’aria”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24194845/1480009723_foto.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24194845/1480009723_foto.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24194845/1480009723_foto.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163760″,
“title”: “In una cella,”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “del carcerato è rimasta solo l’ombra a dondolarsi sulla sedia (Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193905/1480009144_FullSizeRender-1-2.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193905/1480009144_FullSizeRender-1-2.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193905/1480009144_FullSizeRender-1-2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”163758″,
“title”: “Estremi rimedi”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “(Foto: Alessio Jacona)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193848/1480009127_FullSizeRender-1.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193848/1480009127_FullSizeRender-1.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/24193848/1480009127_FullSizeRender-1.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “17 h”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “20 h”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167132″,
“title”: “La Vespa compie 70 anni”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/motori/2016/12/19/70-anni-vespa/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167133,
“width”: 1600,
“height”: 1067,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”166477″,
“title”: “I droni di Star Wars per giocare alle battaglie spaziali”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2016/12/19/droni-star-wars-battaglie-spaziali/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 166483,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars–139×139.jpg”
}
}
}
}
}]};

(Foto: Alessio Jacona)Sfoglia gallery15 immagini

Il Moesgaard Museum (Foto: Alessio Jacona)

globalData.fldNumPhoto = ’15’;

Il Moesgaard Museum
Il Moesgaard Museum (Foto: Alessio Jacona)
La statua di Lucy,
La statua di Lucy, forse l’australopiteco più famoso al mondo (Foto: Alessio Jacona)
La piroga (vera), l'acqua, e le ombre (proiettate)
La piroga (vera), l’acqua, e le ombre (proiettate) (Foto: Alessio Jacona)
Lezione in corso
Lezione in corso (Foto: Alessio Jacona)
Un proiettore Panasonic PT-RZ670
Un proiettore Panasonic PT-RZ670 (Foto: Alessio Jacona)
L'isola di Santorini,
L’isola di Santorini, un attimo prima che l’animazione ne mostri l’esplosione (Foto: Alessio Jacona)
Disegni che prendono forma
Disegni che prendono forma e si animano per raccontare scena di vita quotidiana (Foto: Alessio Jacona)
C'è anche la realtà virtuale
C’è anche la realtà virtuale (Foto: Alessio Jacona)
La prigione di Faengslet
La prigione di Faengslet (Foto: Alessio Jacona)
Mura invalicabili
Mura invalicabili (Foto: Alessio Jacona)

Aarhus — Ce ne saranno una trentina, quasi tutti biondi, quasi tutti tra i 4 e i 6 anni. Educati, composti, eppure profondamente emozionati, i bimbi si tengono per mano mentre aspettano in fila. Li guardo avanzare verso l’interno del Moesgaard Museum, ad Aarhus, in Danimarca, dove li attende un’esperienza incredibile: il racconto lungo e articolato della vita in epoche remote, dall’età della pietra a quella dei vichinghi. Una narrazione densa e affascinante, straordinariamente potenziata da una miriade di proiettori Panasonic di ultima generazione, installati un po’ ovunque.

Durante la visita, sotto i loro piedi, sopra le loro teste e sulle pareti prenderanno forma la storia e le imprese dei popoli antichi, riprodotte anche grazie alla potenza di sistemi audio/video capaci di generare un’esperienza coinvolgente. “Anche”, perché la bellezza del Museo di Moesgaard risiede soprattutto nel perfetto mix tra oggetti reali, immagini in movimento e suoni. Nella precisione con cui proiezioni dettagliatissime e dai colori vividi si posano su allestimenti realizzati con cura maniacale, creati ad hoc da una task force di venti persone tra designer, ricercatori e archeologi che lavorano stabilmente per il Museo sia alla creazione di percorsi espositivi, sia nei vicini scavi archeologici.

Con loro Panasonic ha lavorato spalla a spalla, realizzando soluzioni mirate e fornendo quasi 80 dispositivi audio-video, dai proiettori avanzati con sorgente di luce laser e obiettivi ultra-short throw, ai display digitali da 80 pollici. In particolare, proprio gli obiettivi ultra-short throw come l’ET-DLE030 si sono rivelati fondamentali per conferire realismo ad alcune installazioni: integrati nei proiettori DLPTM ad alta luminosità di Panasonic, hanno infatti consentito di ridurre la distanza di proiezione circa del 60%, rispetto ai normali obiettivi short-throw, consentendo una gestione molto più efficiente degli spazi espositivi.

La piroga (vera), l'acqua, e le ombre (entrambe proiettate)
La piroga (vera), l’acqua, e le ombre (proiettate) (Foto: Alessio Jacona)

E consentendo effetti speciali notevoli, come quelli che ci aspettano entrando nella “Sala della Guerra”: uno spazio dove il visitatore assiste a una feroce battaglia tra armate vichinghe trovandosi esattamente in mezzo ai due schieramenti. Anche lì, parliamo di un’esperienza immersiva abilitata da cinque proiettori PT-DZ680 con obiettivi short- throw e software di Edge Blending integrato, che consentono di riprodurre scenari ampi e dettagliati su pareti curve e opposte. A fare il resto ci pensa il potente sistema audio che, nei momenti più drammatici dello scontro riprodotto, scuote il petto con bassi potenti cui è impossibile rimanere indifferenti.

Ripenso ai bambini che mi hanno preceduto all’entrata: è chiaro che quest’ultima esperienza non è riservata a loro. Poco male: ovunque nel museo animazioni riportano in vita uomini preistorici, tracciano disegni su sfondi creati ad hoc, riproducono splendidamente cose come l’acqua del fiume che scorre sotto una piroga, e nella quale si riflettono le ombre di un’umanità ancora selvaggia. Oppure proiettano sulle pareti le figure a grandezza naturale di studiosi che manipolano reperti e ne rivelano ogni segreto, con immagini così realistiche da farli sembrare presenti in carne e ossa.

Una guida ci accompagna lungo il percorso espositivo: durante il tour ci spiega che il museo è del tutto nuovo per concezione e realizzazione, che è stato costruito nel 2014 al posto di quello vecchio, raso al suolo per fargli posto. E poi ancora che oggi, nell’era dell’immagine, è fondamentale per un’istituzione come la loro dotarsi di tecnologie visual che sappiano attrarre le giovani generazioni, sempre meno interessate ai musei tradizionali .

In una cella, del carcerato è rimasta solo l’ombra a dondolarsi sulla sedia (Foto: Alessio Jacona)

Finita la visita, un’altra ora di viaggio in autobus ci separa dalla città di Horsens, dove ci attende un’esperienza assai diversa: la visita al penitenziario statale di Faengslet. Chiusa nel 2006 dopo 153 anni di attività, la prigione è oggi un museo dove Panasonic ha installato 56 proiettori, quasi tutti basati su tecnologia laser Solid Shine. Lo scopo è – letteralmente – popolare l’edificio di ombre del passato. Ovunque nelle celle o nei corridoi si scorgono sagome di detenuti e secondini impegnati nelle attività più diverse, dal semplice passeggiare al partecipare a una rissa. Altrove, le pareti ospitano la figura (massiccia) di Sonny Rasmussen, un ex-detenuto diventato guida del museo, che appare per raccontare aneddoti e curiosità sulla vita dei carcerati, oltre che la propria storia di redenzione.

Già, perché il museo di Faengslet, con la sua atmosfera opprimente, i suoi corridoi, le sue celle arredate dove le ombre dei prigionieri ancora si dondolano sulle sedie, è prima di tutto un luogo dove si documenta l’evoluzione degli istituti di pena e dei loro modelli rieducativi in Danimarca. A partire dall’abolizione della pena di morte, raccontata proiettando le ombre dell’ultima esecuzione eseguita a Faengslet proprio nel luogo in cui è avvenuta. Uno spettacolo cui è impossibile assistere senza avvertire un brivido lungo la schiena.

L’immagine di Sonny Rasmussen, un ex-detenuto diventato guida del museo. (Foto: Alessio Jacona)

Un’ombra dopo l’altra, una narrazione alla volta, immagini, parole e suoni raccontano di come la prigione si sia trasformata in un luogo dove rieducare le persone, dopo essere stata un inferno dove semplicemente si impartiva ogni tipo di punizione fine a se stessa.

Un’esperienza unica che, come già il museo di Moesgaard, rende bene l’idea di cosa si possa fare combinando storie, luoghi e tecnologie all’avanguardia per creare uno storytelling del tutto nuovo.

The post Il museo 2.0 secondo Panasonic appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Il museo 2.0 secondo Panasonic

Dead Rising 4, la prova: dagli allo zombie

Dead Rising 4, la prova: dagli allo zombie

Prezzo: 64,90 euro | Voto: 8
Per maggiori informazioni: Dead Rising 4

var galleryContent5858ee775e396 = {
“ID”: “166529”,
“title”: “Dead Rising 4, la prova: dagli allo zombie”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/gadget/videogiochi/2016/12/20/dead-rising-4-prova/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”166536″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155055/1481723454_161214_Dead-Rising-4-recensione_07.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155055/1481723454_161214_Dead-Rising-4-recensione_07.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155055/1481723454_161214_Dead-Rising-4-recensione_07.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166532″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155004/1481723403_161214_Dead-Rising-4-recensione_03.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155004/1481723403_161214_Dead-Rising-4-recensione_03.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155004/1481723403_161214_Dead-Rising-4-recensione_03.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166533″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155034/1481723434_161214_Dead-Rising-4-recensione_04.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155034/1481723434_161214_Dead-Rising-4-recensione_04.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155034/1481723434_161214_Dead-Rising-4-recensione_04.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166534″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155017/1481723416_161214_Dead-Rising-4-recensione_05.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155017/1481723416_161214_Dead-Rising-4-recensione_05.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155017/1481723416_161214_Dead-Rising-4-recensione_05.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166531″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14154955/1481723394_161214_Dead-Rising-4-recensione_02.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14154955/1481723394_161214_Dead-Rising-4-recensione_02.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14154955/1481723394_161214_Dead-Rising-4-recensione_02.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166530″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Un dettaglio della copertina del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155012/1481723411_161214_Dead-Rising-4-recensione_01.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155012/1481723411_161214_Dead-Rising-4-recensione_01.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155012/1481723411_161214_Dead-Rising-4-recensione_01.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166535″,
“title”: “Dead Rising 4”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155024/1481723423_161214_Dead-Rising-4-recensione_06.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155024/1481723423_161214_Dead-Rising-4-recensione_06.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14155024/1481723423_161214_Dead-Rising-4-recensione_06.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “17 h”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “20 h”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167132″,
“title”: “La Vespa compie 70 anni”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/motori/2016/12/19/70-anni-vespa/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167133,
“width”: 1600,
“height”: 1067,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/18124023/1482057622_IMG_5564-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”166477″,
“title”: “I droni di Star Wars per giocare alle battaglie spaziali”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2016/12/19/droni-star-wars-battaglie-spaziali/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 166483,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14133538/1481715337_Propel-Battle-Drones-Star-Wars–139×139.jpg”
}
}
}
}
}]};

Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)Sfoglia gallery7 immagini

Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)

globalData.fldNumPhoto = ‘7’;

Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Un dettaglio della copertina del gioco (Foto: Microsoft Studios)
Dead Rising 4
Dead Rising 4 Uno screenshot del gioco (Foto: Microsoft Studios)

Nell’ormai lontano 2006, il primo Dead Rising prendeva il genere “ammazza lo zombie” e lo rigirava come un calzino, trasformandolo nella più ridicola, gigantesca ed elettrizzante caccia ai morti viventi mai vista su uno schermo. Era un gioco azzeccato, fu un successone e diede il via a una serie prolifica. Il terzo capitolo però era passato a toni più seriosi, cavalcando la tendenza di The Walking Dead: Dead Rising 4, invece, torna alla marmellata di zombie ottenuta a suon di combo ridicole e armi fuori di testa.

La festa di sangue comincia con due ritorni presi di peso dal primo capitolo della saga: il protagonista è il fotogiornalista Frank West, sboccato e sopra le righe come lo ricordavamo, e l’ambientazione è la cittadina di Willamette, in cui si trovava il centro commerciale teatro della mattanza del 2006. La differenza è che questa volta l’epidemia ha colpito l’intera città e dunque l’area di gioco, liberamente esplorabile come da tradizione, è grande quanto quella di Dead Rising 3, ma con un numero maggiore di edifici esplorabili. Fra i quali non poteva mancare appunto un centro commerciale di tre piani, omaggio all’esordio della serie.

Altra ottima notizia è che non c’è il timer per le missioni – caratteristica interessante, ma al tempo stesso seccante, del primo Dead Rising – e che ognuna delle tre armi che puoi equipaggiare ha un suo tasto dedicato. Morale: puoi esplorare a piacimento senza l’ansia delle lancette, il cambio d’arma è immediato (cosa che aiuta soprattutto quando sei circondato da orde di zombie, e capita spesso), e il divertimento ci guadagna.

Funziona meno bene l’inserimento di una trama un po’ forzata: ci ritroviamo davanti al solito stracotto complotto dei militari e del governo e a noiose sezioni di investigazione per recuperare informazioni, di cui non si sentiva il bisogno. È un peccato poi che non si possa giocare la campagna vera e propria in co-op: il multiplayer si limita a una scialba modalità a quattro giocatori con missioni scollegate dalla trama principale.

Alla fine, comunque, più di tutto conta che la strage tocca livelli di assurdità stratosferici. Sei il MacGyver delle armi deliranti e puoi assemblare in un baleno gli oggetti più disparati per ottenere improbabili strumenti di distruzione di massa: un tosaerba spinto da una bicicletta da bambina, per esempio, o un cannone portatile che spara nani da giardino. E c’è pure un esoscheletro che consente di infilare decine di uccisioni in pochi secondi.

I fan di Dead Rising ritroveranno tutto il gustoso e demenziale massacro fine a se stesso che tanto amano, un toccasana per rilassarsi dopo una giornata stressante. È anche vero che la serie avrebbe ormai bisogno di qualche novità più sostanziosa nelle dinamiche di gioco, ma, finché il divertimento regge come in Dead Rising 4, non c’è gioco di zombie più folle ed esilarante di questo.

Wired
L’uso omicida dei veicoli; le abilità speciali delle armi.

Tired
Scontri con i boss troppo facili; grafica deboluccia, soprattutto fuori dal centro commerciale.

The post Dead Rising 4, la prova: dagli allo zombie appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Dead Rising 4, la prova: dagli allo zombie

5 film che hanno ispirato Rogue One

5 film che hanno ispirato Rogue One

Se Il risveglio della forza aveva un’ispirazione unica, forte e molto chiara (specie se si parla della struttura), ovvero Una nuova speranza, il primo film della saga, Rogue One anche in virtù del suo essere uno spin-off, ha guardato molto al di fuori del mondo di Guerre Stellari. Paradossalmente l’adesione quasi maniacale di questo nuovo film di Edwards al primo di Lucas, il suo essere fatto per incastrarsi bene con esso e far tornare tutto, non è combaciata con l’esigenza di fare anche un film simile agli altri.

Guerre stellari è un universo di immagini, idee, storie e personaggi così grande che è sempre bastato a se stesso, non ha mai avuto bisogno di rifarsi ad altri film di fantascienza, ha sempre creato il proprio mondo e le proprie regole. Era semmai dal fantasy, dai film di avventura e dal western che pescava, rimodulando idee sperimentate per la prima volta in quei generi all’interno di una cornice da space opera, nello spazio profondo o nelle astronavi, nei localacci del pianeta Tatooine o nelle distese di Hoth.

Invece Gareth Edwards ha avuto l’ardire di ispirarsi ad altro, cioè di portare garbatamente nel mondo di Guerre Stellari suggestioni visive che vengono da altri film di fantascienza e non. Cinque sono i più evidenti.

1. Dune
Il film di Lynch che ha tentato di mettere in scena personaggi e trame dei romanzi di Herbert, aveva un look molto preciso e un modo unico di mescolare lo spazio con il mondo militare ottocentesco europeo. Per i villain poi Lynch aveva immaginato un set di abiti e una certa carnalità che si misura in dettagli della pelle, difetti fisici, liquidi, e gas che sono rimasti ineguagliati.

Rogue One riprende quest’idea per il villain più grosso di tutti, Vader, che per la prima volta vediamo immerso in un liquido, con tubi attaccati al corpo, esposto nella sua deformità. Tutta un’altra visione rispetto a quella prima volta in Lucas lo mostrava nell’atto di mettersi il casco.

Ma anche la tuta di Forest Whitaker con i suoi bordi alti e il suo respiratore strizza un occhio a Dune. Guerre Stellari è sempre stato un universo pulito, fatto di superfici lucide, uno che non contempla la repulsione con cui giocava Lynch. Ma qui non è così.

2. Alien
Del film di Scott non ci sono certo gli xenomorfi né tantomeno quell’idea di paura nello spazio profondo, ma il design, dettaglio che in un film di fantascienza non è meno importante di tutto il resto. Anzi! Una volta deciso di retrodatare il proprio film per aderire a Una nuova speranza Edwards doveva scegliere con quale stile allestire i set.

A quanto pare ha vinto la corrente Ridley Scott – Micheal Seymour del 1979, cioè quel misto di forme tonde e moderne che dominavano l’astronave Mother di Alien. Lo vediamo subito nella cucina della famiglia di Jyn ma poi tornerà più volte. A parte l’interno della Morte Nera, che ha il design originale che conosciamo, tutto ciò che è stato inventato guarda in quella direzione.

3. Blade Runner
Un esempio molto chiaro di centro abitato c’era e proprio in Una nuova speranza. Quando Luke Skywalker e Obi Wan Kenobi si recano in cerca di informazioni e di un’astronave per lasciare Tatooine affrontano un porto pieno di razze aliene che è poco popolato nella versione originale e più denso di alieni in quella “speciale”. Insomma non mancavano referenti ma Edwards, forse per coerenza con la tendenza Scott degli interni per quegli esterni ha scelto palesemente la folla eterogenea e cupa di Blade Runner, quel mondo poco pulito e molto sporco in cui le persone sembrano morti viventi e più che avere razze diverse hai forme diverse di mostruosità.

4. Tora! Tora! Tora!
Uno scenario dell’Oceano pacifico, un bombardamento. Visuale dall’alto, persone che scappano, mezzi che esplodono, un attacco a sorpresa. È Pearl Harbor e Rogue One ha deciso di andare in quella direzione nel momento in cui si è deciso che l’archivio in cui sarebbero stati rubati i piani della Morte Nera andava situato in un pianeta che si presenta come un’isola hawaiiana. Che poi anche il film viaggi dalle parti del war movie classico è solo segno di profonda accettazione di tutto ciò.

5. Il giorno più lungo
Non c’è però solo il grande bombardamento nel lungo finale battagliero di Rogue One. Se da una parte c’è chi attacca e chi cerca di muoversi nel grande delirio, ci sono anche le truppe di terra ed è tutto un altro film di guerra. Avremmo potuto citare Salvate il soldato Ryan qui, visto quanta spiaggia e sabbia che salta in aria per poi ricadere sulle teste dei soldati c’è, ma sembra più appropriato Il giorno più lungo, il film corale con tante storie diverse nella giornata dello sbarco in Normandia.

Perché anche Rogue One giostra diversi personaggi intenti a fare cose differenti, e ognuno è una dimensione diversa della guerra, un modo diverso di affrontarla e un compito diverso in essa. Non mancano nemmeno i grandi classici del cinema di guerra anni ‘50/’60 come gli eroici sacrifici per la causa comune e i segnali da mandare al quartier generale a tutti i costi.

The post 5 film che hanno ispirato Rogue One appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: 5 film che hanno ispirato Rogue One

5 serie tv crime da recuperare durante le vacanze di Natale

5 serie tv crime da recuperare durante le vacanze di Natale

Naz è colpevole?

The Night of

Se state seguendo The Night Of su Sky Atlantic non potete fare a meno di chiedervelo. Questa serie tv in otto puntate, che il prossimo 8 gennaio potrebbe valere un Golden Globe a John Turturro e Riz Ahmed, oltre che vincere il premio come miglior miniserie, ha tenuto incollati allo schermo milioni di telespettatori in tutto il mondo. Le ragioni di un tale successo? L’essere un mix di generi che spaziano dal whodunit al crime-drama, passando per il legal-drama e toccando i confini del true-drama.

Ma se vi piacciono i crime-drama, le serie che si concentrano su omicidi e le indagini che ne conseguono, ci sono serie che non potete perdere per nulla al mondo. Quali? Ve ne consigliamo 5, perfette per un binge-watching durate le vacanze di Natale.

I segreti di Twin-Peaks

Strano ma vero esiste al mondo chi non ha ancora visto questa serie cult. Noi vi consigliamo di colmare subito la lacuna, e a chi l’ha già vista di riguardarla ancora una volta, per arrivare freschi e preparati alla nuova stagione prodotta da Showtimes, prevista per il prossimo anno.

La storia, ambientata nella cittadina immaginaria di Twin Peaks ruota intorno alle indagini per scoprire i colpevoli dell’assassinio di Laura Palmer, una delle ragazze più popolari della città, unica figlia del noto avvocato Leland Palmer. La serie negli anni ’90 divenne popolare in pochissimo tempo, e ad oggi è considerata storia della fiction televisiva.

Fargo

Si tratta di una serie antologica, cioè ogni stagione racconta vicende diverse, non consequenziali. Noi siamo puristi e vi consigliamo di vedere (o rivedere) la prima stagione, quella direttamente (e liberamente) ispirata al film dei fratelli Coen, di cui riprende le ambientazioni, e alcuni spunti della trama. Vincitrice dell’Emmy come miglior serie nel 2014 protagonisti sono Martin Freeman (il Watson della serie Sherlock) e Billy Bob Thornton, rispettivamente nei panni di Lester Nygaard, un assicuratore frustrato, e Lorne Malvo, un serial killer psicopatico. Un incontro fortuito tra i due coinvolge Lester in una serie di brutali omicidi. La giovane detective Molly Solverson dovrà risolvere il caso.

The Killing

Per molti è la vera erede di Twin Peaks, al netto delle componenti oniriche tipiche dello show di Lynch.
Questa serie originale AMC ruota per due stagioni intorno alla ricerca dell’assassino della giovane Rosie Larson, ritrovata nel bagagliaio di un auto sul fondo di un lago. Remake della serie danese Forbrydelsen, cattura lo spettatore e lo trascina sotto la pioggia battente e le atmosfere plumbee di Seattle, tenendolo con il fiato sospeso per 26 episodi totali.

Sarah Linden (la rossa Mireille Enos, protagonista anche di The Catch) è la detective che deve risolvere il caso, al suo fianco un collega con problemi di dipendenza, interpretato da Joel Kinnaman, e intorno a lei una famiglia distrutta e una comunità che sembra nascondere oscuri segreti.

True Detective

Anche questa serie antologica, anche di questa consigliamo il binge-watching della prima stagione, non che la seconda non sia valida (cosa che in realtà hanno affermato in molti, ma che ci trova in disaccordo), ma perché la prima è una delle serie più apprezzati degli ultimi anni, osannata da pubblico e critica.

Contando su un cast d’eccezione (ci sono Matthew McConaughey e Woody Harrelson) e una scrittura del mitico Nic Pizzolatto racconta la lunga caccia a un serial killer della Luisiana, durata ben 17 anni. Ma a fare la fortuna della serie è l’analisi psicologica dei protagonisti, alla ricerca di se stessi, oltre che del killer.

The Wire

Una delle serie crime-drama più complesse e profonde fino a oggi realizzate. Si tratta di un binge-watching impegnativo: sessanta episodi, cinque stagioni, ma tutte le grandi imprese iniziano un passo alla volta: partiamo dalla prima stagione.

Siamo a Baltimora (città americana con un numero di omicidi sette volte superiore alla media nazionale) tra droga, assassinii, emarginati, povertà e giochi di potere. È impossibile riassumere la trama in poche parole, questo racconto duro e realistico dell’America criminale, affronta un gran numero di questioni e caratteri, e per molti critici americani è “la migliore serie televisiva di tutti i tempi”.

The post 5 serie tv crime da recuperare durante le vacanze di Natale appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: 5 serie tv crime da recuperare durante le vacanze di Natale

La scienza dei regali di Natale: meglio esperienze che beni materiali

La scienza dei regali di Natale: meglio esperienze che beni materiali

Regali
(Immagine: Alain Jocard/Getty Images)

Da che mondo è mondo, Natale vuol dire (tra le altre cose) regali. E se foste in ritardo o ancora indecisi sugli acquisti, la scienza vi è appena venuta in soccorso: i ricercatori del Department of Management alla University of Toronto, infatti, hanno appena condotto uno studio scientifico su quali regali abbiano un impatto emotivo più forte su chi li riceve.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Consumer Research, ha svelato che le esperienze (viaggi, biglietti per concerti o eventi, massaggi, per esempio) hanno la proprietà di sollecitare risposte emotive forti e di rafforzare le connessioni sociali più di quanto non facciano, invece, i beni materiali.

“I regali che rientrano nella categoria delle esperienze”, spiega Cindy Chan, assistente alla University of Toronto e coordinatrice dell’équipe che ha condotto la ricerca, “connettono più intensamente le persone perché tendono a essere più evocative dal punto di vista emotivo: sollecitano una risposta emozionale forte quando vengono consumati – per esempio la paura per una passeggiata allo zoo safari, l’eccitazione per un concerto rock, il rilassamento per una spa”.

Per scoprirlo, gli scienziati hanno condotto quattro esperimenti diversi, chiedendo a gruppi di volontari quali fossero i regali che li rendono più appagati e soddisfatti nel breve e nel lungo termine: ne è risultato, tra le altre cose, che i regali materiali vanno per la maggiore (il 78% del totale, per la precisione) ma anche che, per l’appunto, i regali con conseguenze prosociali più significativi sono quelli che invece rientrano nella categoria delle esperienze.

“Nel comprare i regali”, conclude Chan, “ci si concentra troppo spesso solo sui gusti della persona che dovrà riceverli. È invece altrettanto importante avere come obiettivo il rinsaldamento delle relazioni tra chi dà e chi riceve. Se siete indecisi su quale tipo di regalo comprare, e volete che chi lo riceve si senta più vicino a voi, regalate un’esperienza”.

The post La scienza dei regali di Natale: meglio esperienze che beni materiali appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: La scienza dei regali di Natale: meglio esperienze che beni materiali

Samsung Galaxy S8 potrebbe arrivare ad aprile

Samsung Galaxy S8 potrebbe arrivare ad aprile

(Foto: Maurizio Pesce / Wired)
(Foto: Maurizio Pesce / Wired)

Il prossimo Samsung galaxy S8 arriverà in ritardo rispetto a quanto fatto quest’anno dal Galaxy S7. Lo preannunciano alcune indiscrezioni dalla Corea del Sud, secondo le quali il prossimo smartphone di punta dell’azienda coreana non arriverà come al solito a margine del Mobile World Congress spagnolo, ma nel corso di un evento staccato dalla tradizionale kermesse — non solo cronologicamente ma anche geograficamente, ovvero nel mese di aprile, a New York, come successe due anni fa per il lancio dell’S5.

Non c’è nulla di ufficialmente confermato, ma sembra che la società abbia deciso di riposizionare l’evento sul calendario per due motivi, entrambi relativi al disastroso lancio del Galaxy Note 7. Il primo riguarda le indagini sulle cause degli incendi che affliggevano il prodotto ora ritirato dal mercato, che ora sono giunte a conclusione, ma che si sono protratte oltre quanto inizialmente previsto. Il secondo è una questione di immagine: proporre un nuovo gadget sul mercato mentre è ancora vivido il ricordo dei Note 7 che vanno a fuoco può essere controproducente; per questo motivo sembra che Samsung voglia utilizzare i primi mesi del 2017 per ristabilire un rapporto di fiducia con il proprio pubblico, probabilmente attraverso offerte e campagne di marketing.

The post Samsung Galaxy S8 potrebbe arrivare ad aprile appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Samsung Galaxy S8 potrebbe arrivare ad aprile

Super Mario Run, Android è pieno di app false e cloni

Super Mario Run, Android è pieno di app false e cloni

(Foto: Lorenzo Longhitano)
(Foto: Lorenzo Longhitano)

Ogni volta che l’app del momento arriva in esclusiva sull’App Store snobbando il Play Store di Google è la stessa storia: gli utenti Android vengono a conoscenza del fenomeno, cercano l’app sul loro smartphone e per qualche motivo la trovano, ma si tratta di un fake. Il copione si sta ripetendo per filo e per segno con Super Mario Run, l’ultima app Nintendo che in poche ore di presenza nei negozi digitali di Apple sta disintegrando tutti i record e suscitando l’invidia irrazionale degli utenti Android.

È proprio di irrazionalità che si nutre il fenomeno: da Super Plumber Run a Super Marion Run, i cloni che promettono la stessa esperienza del gioco per iOS si sprecano, ma a trarre profitto dalla Mario-mania si stanno dimostrando anche guide strategiche raffazzonate col pretesto di poter inserire il titolo del gioco nel nome dell’app. Google ha già dichiarato di avere le antenne puntate sul proprio negozio in modo da stroncare sul nascere ogni tentativo di approfittare del successo dell’app Nintendo, ma è ragionevole supporre che gli ingegneri del gruppo non potranno stare istantaneamente addosso a tutti gli sviluppatori senza scrupoli.

Meglio dunque usare un po’ di buon senso e stare bene alla larga da qualunque app si spacci per la nuova hit dell’idraulico baffuto. Anche se non ha fornito notizie sulla data precisa, Nintendo ha già annunciato che Super Mario Run arriverà anche sugli smartphone Android: quando avverrà, la notizia non mancherà di fare immediatamente il giro del web.

The post Super Mario Run, Android è pieno di app false e cloni appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Super Mario Run, Android è pieno di app false e cloni