Alla Ford Social Home scocca l’ora del videogame party

Alla Ford Social Home scocca l’ora del videogame party

Alla Ford Social Home, nella casa milanese del brand automobilistico Ford, terzo e ultimo appuntamento del mese di febbraio con Wired Italia. Nello spazio Bou-Tek di via Gonzaga 7 va in scena un vero e proprio videogame party: per tutti, non solo per geek.

Dopo i maker e le fake news, lunedì 20 febbraio è tempo di lanciarsi in una dimensione più ludica ma sempre ad alto tasso tecnologico: quella dei videogame. Andare oltre, per accendere la fantasia del pubblico, è la spinta che anima l’industria videoludica: un business dove per fare innovazione non basta la tecnica, ma conta anche una grande creatività e la capacità di presidiare sul lungo tempo l’immaginario degli utenti.

Nella Ford Social Home, un luogo pensato per vivere le sfaccettature della contemporaneità, i partecipanti all’evento potranno ripercorrere insieme la storia del videogame, dagli albori ai successi recenti: prodotti che hanno letteralmente cresciuto milioni di persone e che spesso hanno compiuto con successo il salto nella dimensione cinematografica.

Da Pong ad Assassin’s Creed, sarà un vero piacere rivivere i migliori videogiochi della nostra vita e, via social, condividere ricordi, record e momenti esaltanti della serata. Nella Ford Social Home, con l’aiuto dell’associazione Retrocampus i partecipanti all’evento potranno provare videogiochi vintage come Tetris o Space Invader grazie a una decina di cabinati arcade presenti in loco. All’evento con Wired sarà presente anche Carlo Santagostino, giornalista videoludico e programmatore.

E interessante sarà anche il contrasto tra passato e presente, in un ambiente, quello della Ford Social Home, dove ogni particolare, dal design ai tool interattivi, si proietta nel futuro.

L’appuntamento è in via Gonzaga, il prossimo 20 febbraio: ingresso gratuito fino a esaurimento posti, qui per registrarsi:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-wired-ford-social-home-31706945327

Guardate, nell’attesa, i migliori momenti della serata dedicata al tema fake news e accorrete al prossimoappuntamento in programma.

var galleryContent58a2be6bb9cb0 = {
“ID”: “172164”,
“title”: “Alla Ford Social Home scocca l’ora del videogame party”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “https://www.wired.it/attualita/tech/2017/02/14/ford-social-home-videogame-party/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”172178″,
“title”: “Ford Social Home con Wired”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Nel secondo appuntamento allo spazio Bou-Tek di via Gonzaga si è parlato di fake news e come stanarle”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004737/1486680454_Ford-Social-Home-con-Wired.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004737/1486680454_Ford-Social-Home-con-Wired.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004737/1486680454_Ford-Social-Home-con-Wired.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172179″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004751/1486680470_FSH.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004751/1486680470_FSH.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004751/1486680470_FSH.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172180″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004808/1486680487_FSH2.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004808/1486680487_FSH2.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004808/1486680487_FSH2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172181″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004813/1486680492_FSH3.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004813/1486680492_FSH3.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10004813/1486680492_FSH3.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172182″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005228/1486680748_fsh-5.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005228/1486680748_fsh-5.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005228/1486680748_fsh-5.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172183″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005453/1486680892_fsh-22.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005453/1486680892_fsh-22.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005453/1486680892_fsh-22.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172184″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005835/1486681114_fsh8.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005835/1486681114_fsh8.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10005835/1486681114_fsh8.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172185″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010357/1486681436_sh59.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010357/1486681436_sh59.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010357/1486681436_sh59.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”172186″,
“title”: “”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010559/1486681558_sg.jpg”,
“mid_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010559/1486681558_sg.jpg”,
“thumb_image_path”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/10010559/1486681558_sg.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”170134″,
“title”: “McLaren 570S, la prova della supercar per il tran tran quotidiano”,
“url”: “https://www.wired.it/gadget/motori/2017/02/13/mclaren-570s-prova-supercar/”,
“timeago”: “13 Feb”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “https://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/17183229/1484670748_McLaren-Wired-18.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 170138,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/17183229/1484670748_McLaren-Wired-18-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”172024″,
“title”: “La salute mentale vista attraverso 10 fumetti”,
“url”: “https://www.wired.it/attualita/2017/02/11/legion-salute-mentale-fumetti/”,
“timeago”: “11 Feb”,
“category_name”: “Attualità”,
“category_link”: “https://www.wired.it/attualita/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/08233730/1486589847_legion-dan-stevens.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 172025,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/08233730/1486589847_legion-dan-stevens-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168985″,
“title”: “Ford Focus RS, la prova: 50 anni di sportività”,
“url”: “https://www.wired.it/gadget/motori/2017/02/09/ford-focus-rs-prova/”,
“timeago”: “9 Feb”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “https://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/06101446/1483690484_Ford_RS-WIRED-1.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168986,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/06101446/1483690484_Ford_RS-WIRED-1-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”171938″,
“title”: “Momodesign presenta il primo casco in grafene”,
“url”: “https://www.wired.it/gadget/motori/2017/02/08/momodesign-casco-grafene/”,
“timeago”: “8 Feb”,
“category_name”: “Motori”,
“category_link”: “https://www.wired.it/gadget/motori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/08121601/1486548955_Formato-Wired-1200×710.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 171939,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “https://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/02/08121601/1486548955_Formato-Wired-1200×710-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

Nel secondo appuntamento allo spazio Bou-Tek di via Gonzaga si è parlato di fake news e come stanarleSfoglia gallery9 immagini

Ford Social Home con Wired Nel secondo appuntamento allo spazio Bou-Tek di via Gonzaga si è parlato di fake news e come stanarle

globalData.fldNumPhoto = ‘9’;

Ford Social Home con Wired
Ford Social Home con Wired Nel secondo appuntamento allo spazio Bou-Tek di via Gonzaga si è parlato di fake news e come stanarle








 

The post Alla Ford Social Home scocca l’ora del videogame party appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Alla Ford Social Home scocca l’ora del videogame party

Il diritto d’autore motore dell’Italia che crea

Il diritto d’autore motore dell’Italia che crea

Filippo Sugar_1_credits Ph Marco Rossi_1600 pixel

“La garanzia per poter continuare a creare è la tutela del diritto d’autore che assicura la libertà di chi crea e il giusto compenso al lavoro autoriale, proteggendo la nascita e la vita delle opere immateriali. È uno strumento al passo con i tempi e che consente di generare nuova cultura nel rispetto anche del passato. Il nostro Paese vanta uno dei più consistenti patrimoni al mondo: quello dell’arte e della cultura. Abbiamo un dovere morale che è quello di tutelarlo e di farlo vivere e prosperare convogliando l’energia dei giovani nella creatività e nelle imprese, consentendo che alle loro creazioni venga riconosciuto il giusto valore”. Con queste parole, Filippo Sugar, Presidente di SIAE ha aperto a Milano i lavori per la presentazione della seconda edizione di Italia Creativa, lo studio realizzato da Ernest&Young con il supporto delle associazioni di categoria, guidate dal Mibact e da SIAE.

L’indagine ha analizzato per il secondo anno consecutivo i dati relativi all’Industria della Cultura e della Creatività in Italia ponendo inoltre l’accento sulle minacce per il settore e sulle opportunità di crescita ancora da sfruttare. Quest’anno, infatti, l’obiettivo dell’analisi è stato anche quello di evidenziare ad operatori di settore e istituzioni le principali opportunità di crescita dell’Industria Culturale e Creativa individuando le misure utili a contrastare i fenomeni che ne minacciano l’espansione.

Oggi, in particolare, per permettere al settore di continuare a crescere, l’obiettivo è combattere il value gap – ossia il divario tra quanto viene generato dai contenuti creativi in rete e quanto viene restituito a chi ha creato quei contenuti – e la pirateria per difendere una filiera dagli ampi margini di crescita. Secondo il rapporto, nel 2015 l’industria culturale ha fatturato 47,9 miliardi di euro, pari al 2,96% del PIL, con un tasso di crescita rispetto all’anno precedente del 2,4%, a fronte di un aumento del PIL italiano dell’1,5%. La filiera creativa ha occupato oltre un milione di persone, in aumento dell’1,7% rispetto al 2014. “Questi numeri collocano l’Industria Creativa e Culturale al terzo posto in Italia da un punto di vista occupazionale, dopo il settore edile e quello della ristorazione e alberghiero” nelle parole di Sugar, ma le stime effettuate da EY evidenziano che il valore economico odierno è pari solo a due terzi di quello che il settore potrebbe sviluppare se riuscisse a sfruttare le opportunità di crescita. Per Donato Iacovone, AD di EY in Italia, “il valore potenziale raggiunge i 72 miliardi di euro, con un valore ancora inespresso pari a circa 24 miliardi di euro”. Allarmanti, in effetti, i numeri dei già citati nemici del diritto d’autore quali value gap e pirateria. Non esistono stime esaustive, tuttavia le cifre si aggirerebbero attorno a un valore compreso tra i 4,6 e gli 8,1 miliardi di euro.

Sugar identifica nel valore potenziale dell’industria creativa circa 500mila posti di lavoro, specificando che un dialogo con le istituzioni italiane ed europee per delineare le linee guida della proposta di revisione normativa del mercato unico digitale è attualmente in fase di discussione e approvazione. Infatti secondo Jean-Michel Jarre, Presidente CISAC, la buona notizia è che proprio il problema value gap è stato finalmente riconosciuto dai legislatori e “l’Unione Europea ha deciso di affrontarlo attraverso la nuova Direttiva sul Copyright che è stata presentata lo scorso anno e che dovrebbe mettere fine alla mancata applicazione delle leggi sul diritto d’autore che svalutano l’utilizzo delle opere creative online. Se approvata sarebbe davvero un’ottima notizia per gli autori, che permetterebbe di far ripartire la crescita economica in questo settore. Dobbiamo sostenere con tutta la nostra forza questa proposta nel suo percorso legislativo al Parlamento Europeo quest’anno. Dopo di che dovremo guardare fuori dall’Europa e affrontare lo stesso problema nel resto del mondo”.

La necessità, per Sugar, è “far sì che il nostro passato ricco di gloria possa proiettarsi nel futuro, raggiungendo risultati artistici ed economici straordinari. Si tratta di una sfida che possiamo raccogliere e che possiamo vincere. Perché l’Industria Culturale e Creativa non è soltanto la punta di diamante del nostro Paese, ma è una risorsa economica strategica, in grado di fare da traino anche agli altri settori”. È per questa ragione che lo scorso 24 gennaio, alla presenza del ministro Dario Franceschini, 26 associazioni di categoria hanno presentato una lettera indirizzata al Governo in cui chiedono “un impegno nella protezione dei diritti dei titolari dei contenuti creativi e culturali in Europa”.

“Il nostro obiettivo” si legge nella lettera, “è far sì che in Italia si possa continuare a creare, contribuendo alla crescita dell’economia”. E proprio il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, in sintonia con Sugar, dichiara che “l’Italia da sempre dell’intreccio tra bellezza, arte e creatività ha fatto un tratto fondante della propria identità ed un elemento di forza. Scommettere su questa vocazione profonda è una delle chiavi per affrontare le sfide che abbiamo di fronte come sistema Paese. È fondamentale custodire e valorizzare l’inestimabile patrimonio che abbiamo ereditato dal passato senza però rimanere prigionieri di uno sguardo rivolto all’indietro. La cultura è qualcosa di vivo, dinamico, costantemente attraversato da nuovi fermenti e l’industria culturale e creativa ne rappresenta un tassello importante. Si tratta di un settore che continua a reinventarsi, a innovare nelle tecniche e nei linguaggi, a costruire frammenti dell’immaginario collettivo. Una filiera di eccellenza e allo stesso tempo un fattore strategico dal punto di vista economico, che genera occupazione più degli altri settori e può fare da traino, come emerge con chiarezza dalla seconda edizione dello studio ‘Italia Creativa’. Architettura, cinema, letteratura, musica, videogiochi, animazione, arti visive, editoria ma anche molti altri settori come ad esempio la moda e il design, esprimono quell’impasto di saperi e talenti che caratterizzano l’immagine dell’Italia nel mondo”.

The post Il diritto d’autore motore dell’Italia che crea appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Il diritto d’autore motore dell’Italia che crea

10 libri per sopravvivere a San Valentino

10 libri per sopravvivere a San Valentino

San Valentino è un atto di bullismo socialmente accettato. Si viene sommersi da cuoricini, cioccolatini, bigliettini, teneri orsetti di pezza e altre cianfrusaglie. Nelle vetrine dei negozi sono esposti solo cuori a profusione, tutti sembrano impazziti e colate di rosa escono dalle fottute pareti.

Per non diventare come la protagonista di Crazy ex Girlfriend, impazzita per amore, o non vegetare in solitudine in una serata in cui chiunque, anche il più repellente degli individui si professa carino e coccoloso, ecco dieci libri per sopravvivere alla melassa imperante di San Valentino. Se siete rimasti incastrati e dovete fare per forza fare un regalo, eccovi i consigli utili per cavarvela. Se siete tristi e vi rifiutate di essere sconsolati nella serata peggiore dell’anno, ecco degli utili compagni di viaggio.

Resistete, un altro romanticismo è possibile.

1. Sharaz-de, Le Mille e una notte di Sergio Toppi (Npe Edizioni)

Il primo volume della serie dedicata a Sergio Toppi ci porta nel gorgo de Le mille una notte e dei racconti di Sharaz-de. Ogni notte un racconto diverso, che le salverà la vita, fino alle prossima alba. Il cartonato, illustrato con il tipico tratto  di Sergio toppi , uno dei più riconoscibili nel panorama italiano, regala alla storia ancora più fascino e magia. Non regalate diamanti, sono i fumetti ad essere per sempre.

2. Il nido di D’Aprix Sweeney Cynthia (Frassinelli)

L’amore è pericoloso, ma la lussuria anche di più. Così, quando Leo, il maggiore dei quattro figli di una famiglia della media borghesia newyorkese, si gioca tutto per una giovane cameriera, il mondo dorato della famiglia Plumb va in pezzi. Una riflessione amara sul potere, il denaro e su quanto siano illusorie le nostre sicurezze e le nostre vite.


3. Quando amavamo Hemingway di Naomi Wood (Bookme)

Chi è più romantico di Ernest Hemingway? Lui ama il matrimonio, ci è cascato quattro volte. Come disse giustamente Sylvia Beach: “Il problema principale è che vuole sempre sposarle tutte”. Ed ecco, finalmente raccontata, la storia di Hadley, di Pauline, di Martha e Mary, tutte travolte in una Festa mobile perenne.

 

4. L’apparenza delle cose di Elizabeth Brundage (Bollati Boringhieri)

George Clare insegna in un college, ha una moglie e una figlia che lo aspettano a casa. Un giorno, al suo rientro, trova sua moglie uccisa a colpi di ascia, mentre sua figlia di tre anni è sola e piangente. Un thriller contorto, in cui a  un certo punto penserete di essere veramente lì, in quella parte di America, dove gli inverni sono veramente gelidi, non smette mai di nevicare e gli omicidi riafforano, come blocchi di ghiaccio che lentamente si sciolgono.

5.Un amore senza fine di Scott Spencer (Sellerio)

Niente ti può preparare al primo amore. Ad avere il cuore spezzato per la prima volta è David, che appicca un incendio davanti casa di Jade, la sua ex fidanzata, i cui genitori l’hanno costretta a lasciarlo, perché la relazione era troppo totalizzante per la sua giovane età. Da lì comincerà un’odissea, meravigliosamente descritta, che manda in frantumi il cuore e la mente di David. Capolavoro crudele sull’amore giovanile, sulla sua potenza e la sua capacità di distruzione.

6. Il porto proibito di Teresa Radice e Stefano Turconi (Bao Edizioni)

A volte l’amore, l’affetto o la vera comprensione si trovano nei luoghi più inaspettati, che siano un bordello o la casa di un ufficiale di Marina ormai disperso da tempo. Il giovane Abel, naufrago senza memoria, ritrova la felicità e dà un senso alla propria esistenza grazie ad incontri con donne differenti, che siano le tre figlie del Capitano, che vivono in quieta povertà o la bellissima Rebecca, una prostituta con vocazioni letterarie. Disegni splendidi per una storia malinconica, talmente ben realizzata che sembra quasi di sentirlo, l’odore di salmastro del mare.

7. The Paradox. Il mondo sospeso di Charlie Fletcher (Fanucci)

The Paradox è il secondo volume di una trilogia (il primo volume è Oversight, sempre per Fanucci) ambientata a Londra, nell’Ottocento. Una Londra di stampo fantasy, in cui convivono gentiluomini vittoriani, corvi, specchi magici, fantasmi e golem. Una specie di Dickens sotto acido, un romanzo intriso di atmosfere gotiche e oscure, di cui non potrete non innamorarvi.


8. L’estraneo di Ursula Poznanski e Arno Strobel (Giunti)

Immaginate di andare a fare la doccia, di uscire dal bagno e di trovare un estraneo in casa. Oppure immaginate di tornare a casa, dopo una lunga giornata di lavoro, e di ritrovare la vostra fidanzata appena uscita dalla doccia, che comincia a urlarvi contro, perché sostiene di non avervi mai visto in vita sua. Chi ha ragione? Chi sta mentendo? Un thriller psicologico, di quelli da leggere tutto d’un fiato perché si deve assolutamente venirne a capo.

9. Le cure domestiche di Marylinne Robinson (Einaudi)

Robinson è una delle scrittrici viventi americane più importanti e questo libro è stato giudicato uno dei più belli di tutti tempi dal Guardian , Ruth e Lucille crescono orfane, accudite da bizzarri parenti, nella casa che sorge nelle vicinanze di un lago limaccioso che in passato ha mietuto molte vittime. La loro crescita e la loro ricerca di una vita migliore vengono raccontate con delicatezza, con un linguaggio puntuale , dove le parole sono importanti e devono essere cura.

10. Il segreto di Black Rabbit Hall di Eve Chase (Rizzoli)

Anche un matrimonio da favola può finire e può arrivare una perfida matrigna. Questo libro è una favola oscura, ambientata tra oceano e brughiera, che dimostra che l’amore corrode. Oppure che può essere salvifico e portare a un lieto fine. Amber lotterà per avere entrambi, l’amore e il suo finale, in una casa di campagna enorme e sinistra, che contiene una truppa di fratelli scatenati, servitori fedeli, case costruite nei boschi e, sullo sfondo, la Cornovaglia più selvaggia.

The post 10 libri per sopravvivere a San Valentino appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: 10 libri per sopravvivere a San Valentino

Streaming Serie A, come vedere Lazio Milan su smartphone, tablet e pc

Streaming Serie A, come vedere Lazio Milan su smartphone, tablet e pc

Oggi alle 20.45 si gioca la partita Lazio Milan della ventiquattresima giornata della stagione di serie A 2016/2017. Se non puoi seguire la partita in tv, ecco come fare su pc e Mac, oppure via smartphone tablet.

Mediaset Premium trasmetterà in diretta tutte le partite casalinghe e in trasferta di Roma, Juventus, Milan, Inter, NapoliLazio, Genoa e Fiorentina. Sky trasmetterà tutte le 380 partite di serie A, 132 delle quali in esclusiva.

Se non puoi vedere le partite alla tv, hai a disposizione diverse alternative per seguire i match che ti interessano in diretta.

Per usare SkyGo sul tuo pc, Mac o device mobile devi essere abbonato da almeno un anno. Qui  trovi le app per iPhone, iPad, Android. C’è anche un’app per device Samsung e una per quelli Asus e puoi consultare l’elenco di tutti i device supportati. Nowtv, che fa parte dell’universo Sky, permette di godere dei match da qualsiasi postazione fissa e mobile, PlayStation e Xbox incluse.

Se sei abbonato a Mediaset Premium puoi utilizzare PremiumPlay, disponibile per iPad oltre che per pc e device mobili Microsoft con Windows 8.1 o versioni successive. Puoi farne uso anche da Xbox 360 e Xbox One, la lista dei device abilitati è corposa.

Tim, sponsor della Serie A e della Coppa Italia, ha un’applicazione ufficiale con cui, al costo una tantum di 9,99 euro, puoi seguire le cronache in tempo reale delle partite e vederne le azioni salienti e i gol. Se invece vuoi seguire solo poche partite c’è Serie Tim Tv, applicazione disponibile per dispositivi iPhone, iPad e iPod Touch(con almeno iOS 8), Android 4.0.3 o successivo e dispositivi Windows (dalla versione 8.1 in poi) e che può essere usata tramite rete dati e wi-fi. Il costo parte da 1,99 per seguire una singola partita.

Se preferisci le dirette radiofoniche c’è Radio1, servizio online raggiungibile da qualsiasi dispositivo connesso alla rete che esiste anche in versione app per iOs e Android. Se possiedi un device mobile Windows puoi usare invece Rai.tv con cui puoi ascoltare le diffusioni radiofoniche via web. Se possiedi un terminale Blackberry c’è anche l’ applicazione che fa per te. Non da ultimo ci sono gli aggiornamenti in tempo reale di Isoradio.

Sui social media il campionato si manifesta in diverse forme. Le tante testate giornalistiche non risparmiano informazioni, indiscrezioni, notizie dagli spogliatoi, formazioni ufficiali e risultati in tempo reale. Altrettanto fanno tifosi e appassionati che usano hashtag come #SerieA oppure #calcio per informare e informarsi. Qui invece puoi trovare i profili ufficiali delle squadre e dei calciatori. Tanti anche i profili tematici, tra i quali Italy Serie Ae Serie A Live.

The post Streaming Serie A, come vedere Lazio Milan su smartphone, tablet e pc appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Streaming Serie A, come vedere Lazio Milan su smartphone, tablet e pc

Arrivano le api robot di Black Mirror per l’agricoltura

Arrivano le api robot di Black Mirror per l’agricoltura

api
(Immagine: robotic pollen collector/Eijiro Miyako)

Piccoli robot potrebbero ronzare nei nostri cieli di qui a pochi anni, per aiutare le api e gli agricoltori a impollinare le coltivazioni. Sì, un po’ come nell’episodio Hated in the Nation di Black Mirror, sperando in conseguenze meno tragiche. La notizia questa volta arriva dal Giappone: un piccolo drone capace di impollinare artificialmente le piante senza danneggiarle. La ricerca, pubblicata dalla rivista Chem, è opera del team di ricerca di Eijiro Miyako, del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology (Giappone), che ha sviluppato questi droni comandati a distanza e dimostrato che sono in grado di impollinare con successo esemplari di lilium giapponese. Con la speranza che in futuro possano lavorare fianco a fianco con veri insetti impollinatori.

La moria di api e di altri insetti – frutto dei cambiamenti climatici, del disboscamento, dell’inquinamento e dell’uso massiccio di pesticidi – è una realtà in atto ormai da diversi anni. E non è un fenomeno da poco se si pensa che la sopravvivenza del 90% delle piante selvatiche e di tre quarti delle coltivazioni umane dipende dalla capacità degli insetti di portare il polline di fiore in fiore. Dunque quel che si rischia non è solo perdita di biodiversità – che già di per sé basterebbe – ma anche un impatto economico enorme.

Per questo gli scienziati si stanno ingegnando per trovare soluzioni con cui arginare il fenomeno. In questo contesto si colloca la ricerca del team giapponese di Eijiro Miyako che ha creato un drone largo 4 centimetri e del peso di 15 grammi in grado di essere guidato in volo da un fiore all’altro replicando in modo efficiente l’attività degli insetti impollinatori. Il piccolo robot, infatti, è stato rivestito di crine, soffici fibre di origine animale intrise di un particolare gel che facilita il trasferimento del polline dagli stami (gli organi maschili) di un fiore ai pistilli (gli organi femminili) di un altro. I ricercatori giapponesi hanno già portato a termine con successo alcuni test, verificando anche che l’impatto del drone sui fiori non ne danneggiasse le strutture.

Il prossimo passo secondo Miyako sarà migliorare la tecnologia del dispositivo per renderlo autonomo, cioè capace di volare sui campi da impollinare senza un controllo a distanza. Perché ciò sia possibile i droni dovranno essere dotati di un’intelligenza artificiale, di telecamere ad alta risoluzione e di gps.

Superfluo dire che ci vorrà del tempo. Secondo esperti comunque sostituire gli insetti con dei dispositivi artificiali, per di più così complessi e economicamente poco sostenibili, non è la soluzione al problema del decremento nelle popolazioni degli impollinatori. Potrebbe però rivelarsi uno strumento di supporto utile.

“Speriamo che in futuro i nostri droni aiuteranno a contrastare il problema del declino delle api”, afferma Miyako, “Ma soprattutto, le api e droni dovrebbero essere utilizzati insieme”.

The post Arrivano le api robot di Black Mirror per l’agricoltura appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Arrivano le api robot di Black Mirror per l’agricoltura

Stranger Things, le foto della seconda stagione

Stranger Things, le foto della seconda stagione

Stranger Things, la serie tv Netflix la cui prima stagione – disponibile dallo scorso luglio – è divenuta un vero e proprio fenomeno mediatico, tornerà ad Halloween come recentemente annunciato. Ecco, dunque, alcune immagini per ingannare l’attesa. Sfogliate la gallery in alto.

Nuovi personaggi, nuovi mostri, un disadattato Will Byers dopo l’esperienza nel Sottosopra, il ritorno della beniamina Eleven e tante altre citazioni anni Ottanta ci aspettano nei nuovi episodi di Stranger Things in arrivo il 31 ottobre.

E pare anche che Barb finalmente avrà giustizia.

The post Stranger Things, le foto della seconda stagione appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Stranger Things, le foto della seconda stagione

La diga di Oroville spaventa la California

La diga di Oroville spaventa la California

This long exposure photograph shows the Oroville Dam discharging water at a rate of 100,000 cubic feet per second over a spillway as an emergency measure in Oroville, California on February 13, 2017. More than 100,000 people have been evacuated from low-lying areas after erosion damaged the emergency spillway to Lake Oroville which is currently at 101 percent capacity. / AFP / Josh Edelson (Photo credit should read JOSH EDELSON/AFP/Getty Images)
(foto: JOSH EDELSON/AFP/Getty Images)

A decine di migliaia di persone in California è stato ordinato di evacuare, nella giornata di domenica, per un danno a un canale di scarico alla diga di Oroville. Un collasso dello sforatore di emergenza della diga esporrebbe infatti le aree interessate a un subitaneo allagamento, in virtù di un rilascio incontrollato delle acque del lago di Oroville, un bacino lacustre presente nello Stato.

Secondo quanto scrive il Los Angeles Times, la situazione resta precaria anche se, secondo i funzionari, il livello di allerta è più basso se paragonato a qualche ora fa, in quanto è sceso il livello d’acqua del lago. Il governatore dello stato, il democratico Jerry Brown, parla di circostanze complesse e in rapido cambiamento.

La diga di Oroville si trova a 75 miglia a nord di Sacramento ed è un vero e proprio fulcro per il sistema idrico dello Stato.

The post La diga di Oroville spaventa la California appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: La diga di Oroville spaventa la California

Compie un secolo “il più grande errore” di Einstein

Compie un secolo “il più grande errore” di Einstein

(Foto: Chung Sung-Jun/Getty Images)
(Foto: Chung Sung-Jun/Getty Images)

La costante cosmologica, “il più grande abbaglio” di Albert Einstein, compie un secolo. Introdotta esattamente nel febbraio 1917 per integrare le equazioni della teoria della relatività generale e per garantire che l’Universo fosse statico, la costante cosmologica fu poi giudicata dallo stesso fisico come “il più grave errore” della sua vita. Parzialmente riabilitata in anni più recenti, la costante cosmologica è oggi la chiave per capire l’energia oscura, il misterioso motore che si ritiene sia responsabile dell’espansione dell’Universo.

La costante cosmologica di un secolo fa non cessa di essere un grande rompicapo”, spiega all’Ansa Antonio Masiero, vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). “Sta avendo un’insospettata nuova giovinezza”.

La storia della costante cosmologica comincia nel 1916, quando Einstein si rese conto che le equazioni alla base della sua teoria della relatività prevedevano che l’Universo fosse in espansione. Un concetto in totale contraddizione con l’idea allora consolidata di un Universo stazionario e immobile. Per questo motivo, il fisico tedesco ritenne di dover prendere delle contromisure: nella teoria della relatività “c’era spazio per aggiungere un valore che non varia nel tempo. Così Einstein decise di introdurre una costante”, aggiunge Masiero, ovvero una grandezza che giustificasse il fatto che l’Universo non fosse in espansione. Nel 1929, tuttavia, l’astrofisico Edwin Hubble scoprì una relazione lineare tra le distanze delle galassie più vicine e la loro velocità rispetto alla Terra, dimostrando in questo modo che galassie si allontanavano progressivamente l’una dall’altra (è la cosiddetta legge di Hubble). Tale scoperta sconfessò immediatamente tutti i modelli fisici che descrivevano un universo statico e immobile e rese improvvisamente inutile il concetto di costante cosmologica come “stabilizzatore dell’universo”. Fu a questo punto che Einstein la bollò come “grave errore” e la eliminò dalle equazioni.

La riabilitazione risale agli anni ’90, quando i fisici accertarono effettivamente che l’universo si espande in modo accelerato. Ed è proprio qui che è stato di nuovo necessario ricorrere alla costante cosmologica, intesa come una forma di energia non rilevabile che permeerebbe effettivamente lo spazio, ma il suo ipotetico effetto antigravitazionale, anziché rendere l’universo stazionario, ne accelererebbe l’espansione. “A quel punto”, continua Masiero, si è deciso di reintrodurre la costante cosmologica per di spiegare l’espansione accelerata dell’universo. Questo non significa che ogni problema teorico sia risolto: ancora non si sa, per esempio, se la costante cosmologica sia effettivamente legato all’ipotetica materia oscura o alla cosiddetta energia del vuoto teorizzata dalla fisica quantistica. Un vuoto non fatto di nulla, ma di continue creazioni e distruzioni di particelle: un vuoto dinamico, al quale potrebbe essere associata un’energia”.

The post Compie un secolo “il più grande errore” di Einstein appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Compie un secolo “il più grande errore” di Einstein

Startup, i fiaschi più clamorosi: bruciati oltre 650 milioni

Startup, i fiaschi più clamorosi: bruciati oltre 650 milioni

Gente che lavora a un tavolo
foto: Startup Stock Photos

Le startup falliscono, e lo fanno per diversi motivi. Secondo una ricerca condotta dalla piattaforma Collapsed, i tonfi più notevoli delle neo aziende nel 2016 costano complessivamente 651.674.244 dollari. In base alla stima di Collapsed, gli investitori coinvolti nei principali 35 fallimenti sono in totale 206 (compresi Google Ventures, Andresseen Horowitze e Y Combinator).

La piattaforma monitora e analizza le cause che portano le startup a chiudere i battenti. L’intento è evitare, alle future realtà imprenditoriali, di commettere gli stessi errori. È nata il 22 gennaio dello scorso anno, dal londinese Aaron Kazah, un software engineer di soli diciotto anni. Al momento sono solo trentacinque le aziende prese in esame, un numero destinato a salire entro la metà dell’anno. Alcune startup non riescono a reggere la competizione: è in cima alla lista delle cause di fallimento con un 14%. A seguire: l’assenza di un modello di business sostenibile (11%); l’inadeguatezza del prodotto (11%); l’esaurimento di denaro contante (9%) e le questioni legali (9%).

La startup Quirky, che prometteva di realizzare le idee più brillanti degli inventori di tutto il mondo, è fallita, per esempio, nonostante abbia ottenuto il finanziamento più alto: 185.330.000 dollari. Nata nel 2009, ha chiuso nel 2015. Il motivo, in questo caso, è il fatto di non aver creato un modello competitivo. Come racconta l’Observer, le ambizioni dell’azienda erano troppo alte: realizzare non 2 o 3, ma almeno 40-50 prodotti rivoluzionari all’anno.

La startup Secret è un’app che consente agli utenti di connettersi tra di loro e di condividere informazioni. L’attività parte nel 2013 ma fallisce due anni dopo. Il fondatore ha bloccato il progetto perché la visione che aveva per Secret non corrispondeva più al suo sogno. Ad un certo punto, insomma, si è perso di vista l’obiettivo. Altra startup che ha chiuso i battenti è Skully, il casco che consente di stare alla guida in maniera più sicura: le sue caratteristiche principali sono infatti la connettività e la realtà aumentata, poiché si aziona senza che il guidatore debba distrarsi dal percorso stradale. Ha raccolto oltre 10 milioni di dollari. I fondatori hanno avuto però dei problemi con la gestione del denaro: alcuni dipendenti hanno dichiarato infatti che il budget andava a finire nei locali notturni, per fini ricreativi.

Frankly.me è una piattaforma di condivisione video con ampio spazio per i selfie. Nato nel 2014, ha raccolto 600.000 dollari. I fondatori hanno deciso di restituire il denaro agli investitori perché la loro idea, a loro avviso, non poteva trasformarsi in un prodotto di mercato. La newyorkese Karhoo è invece un’app che aiuta a confrontare i prezzi dei taxi e a prenotare il proprio viaggio a un importo fisso. Sorta tre anni fa, chiude dopo due anni nonostante avesse ottenuto un finanziamento iniziale di 40 milioni di dollari.  L’azienda era composta da circa 200 dipendenti presenti a Londra, Israele, New York e Singapore. Il problema, in questo caso, può essere ricondotto alla gestione dell’app: molti utenti hanno ottenuto delle corse gratuite inserendo semplicemente un codice promozionale. Il risultato: un debito di circa 30 milioni di dollari.

La piattaforma prevede il collasso di altre 250 grandi startup entro giugno di quest’anno. «Stiamo aggiungendo alla nostra lista, in media, una startup al giorno. Al momento sono solo 35 perché ognuna deve essere accuratamente controllata, dalla creazione alla chiusura e questo richiede tempo. Entro l’estate stileremo un rapporto conclusivo contenente i dati geografici, il numero dei fondatori e molte altre informazioni, di certo utili per chi decide di mettere su una startup» spiega Aaron Kazah, il fondatore di Collapsed.

The post Startup, i fiaschi più clamorosi: bruciati oltre 650 milioni appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Startup, i fiaschi più clamorosi: bruciati oltre 650 milioni

Come è nato il giorno di San Valentino

Come è nato il giorno di San Valentino

san valentino
(foto: getty images)

San Valentino è la festa che il 14 febbraio divide il mondo tra persone in coppia che festeggiano l’evento, persone in coppia che snobbano la festa e single (che si fanno da parte). Ma come nasce questo giorno di festeggiamenti dedicati agli innamorati, cui è dedicato un doodle di Google?

Pare che all’origine ci fosse il bisogno, intorno al quinto secolo, di mettere fine alla pratica dei Lupercalia, una festa pagana e che includeva rituali dedicati anche alla fertilità e che cadeva tra il 13 e il 15 febbraio. Per quanto riguarda invece il collegamento con San Valentino, mancano vere e proprie notizie attendibili, anche in assenza di una identificazione certa del martire.

Tuttavia, a Terni, dove San Valentino è il patrono, appare chiara l’identificazione con il vescovo e martire nato nella città umbra alla fine del II secolo. Valentino, secondo le ricostruzioni storiche, a Roma fu martirizzato e decapitato, e il corpo fu in seguito riportato a Terni lungo la Via Flaminia e sepolto su una collina fuori dalla mura della città. E quindi diversi episodi, che sconfinano nel mito, abilitano a pensare che fosse il protettore degli innamorati; uno su tutti la sua azione nel matrimonio tra Sabino, centurione pagano, e Serapia, una cristiana. Il 14 febbraio, quindi, cade il ricordo di San Valentino martire per la Chiesa Cattolica.

E il legame con l’amore e la coppia? Sembra che passi da un collegamento tra Cupido e San Valentino che il poeta inglese Chaucer compie in The Parliament of Fowls, (Il Parlamento degli Uccelli). Il poemetto, spiega l’enciclopedia Britannica, è una sorta di sogno-visione pensata per il giorno di San Valentino, che si rifà al mito secondo cui in quel giorno dell’anno gli uccelli scelgono davanti alla Natura il loro compagno. L’opera di Chaucer è stata spesso legata o pensata concepita per eventi di corte e si sa che la corte è quel luogo dove l’amore romantico trionfa.

The post Come è nato il giorno di San Valentino appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Come è nato il giorno di San Valentino