Sony Xperia X Compact, la prova

Sony Xperia X Compact, la prova

Prezzo: 449 euro | Voto: 7,5
Maggiori informazioni: Sony

var galleryContent585a45ba8678c = {
“ID”: “164486”,
“title”: “Sony Xperia X Compact, la prova”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/12/21/sony-xperia-x-compact-prova/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”164498″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164497″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Ergonomia e affidabilità rimangono sicuramente i punti di forza del dispositivo. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191709/1480526228_Sony-Xperia-X-Compact-2.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164494″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Rispetto ai predecessori della serie Compact qui il materiale impiegato per la scocca purtroppo è la plastica. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191639/1480526198_Sony-Xperia-X-Compact-4.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164496″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il sensore per le impronte digitali è tra gli aspetti rimasti inalterati: è preciso e veloce, e la posizione è comoda. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191653/1480526212_Sony-Xperia-X-Compact-3.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164492″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “La fotocamera da 23 Mpixel non ha subito ridimensionamenti e si comporta molto bene. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191612/1480526170_Sony-Xperia-X-Compact-6.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164493″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “A differenza dei gadget più costosi della serie, su Xperia X Compact si perde la resistenza all’acqua. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191625/1480526184_Sony-Xperia-X-Compact-5.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”164491″,
“title”: “Sony Xperia X Compact”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il display è da soli 1280×720 pixel, ma non teme confronti con gli avversari più definiti. (Foto: Lorenzo Longhitano)”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191553/1480526152_Sony-Xperia-X-Compact-7.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”165350″,
“title”: “I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired”,
“url”: “http://www.wired.it/lol/2016/12/21/commenti-facebook-wired/”,
“timeago”: “3 h”,
“category_name”: “LOL”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lol/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165423,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi-139×139.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167368″,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“timeago”: “20 Dic”,
“category_name”: “App”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/app/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167369,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX–307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
}]};

Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l'ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)Sfoglia gallery7 immagini

Sony Xperia X Compact Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)

globalData.fldNumPhoto = ‘7’;

Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Dimensioni contenute e prestazioni più che soddisfacenti: è questo il mix sul quale fa leva l’ultimo smartphone Sony. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Ergonomia e affidabilità rimangono sicuramente i punti di forza del dispositivo. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Rispetto ai predecessori della serie Compact qui il materiale impiegato per la scocca purtroppo è la plastica. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Il sensore per le impronte digitali è tra gli aspetti rimasti inalterati: è preciso e veloce, e la posizione è comoda. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact La fotocamera da 23 Mpixel non ha subito ridimensionamenti e si comporta molto bene. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact A differenza dei gadget più costosi della serie, su Xperia X Compact si perde la resistenza all’acqua. (Foto: Lorenzo Longhitano)
Sony Xperia X Compact
Sony Xperia X Compact Il display è da soli 1280×720 pixel, ma non teme confronti con gli avversari più definiti. (Foto: Lorenzo Longhitano)

Da tempo ormai chi vuole uno smartphone potente e completo deve farsi spazio in tasca per farcelo stare: quasi tutti i produttori puntano su telefoni dai display con diagonali dai 5 pollici in su, e Sony è tra i pochi che ancora crede nelle potenzialità di un gadget potente ma tascabile. Xperia X Compact è l’ultimo prodotto dell’ormai storica serie di smartphone liofilizzati della società, che però a differenza di quanto avvenuto con i predecessori è caratterizzato da tagli strategici operati in alcuni ambiti.

Uno degli aspetti sui quali gli ingegneri Sony hanno lavorato per contenere i costi del telefono è sicuramente il design, penalizzato dalla scelta di utilizzare una scocca in plastica lucida anziché in vetro e alluminio. Le dimensioni contenute e la forma squadrata dagli spigoli smussati, oltre a rendere il telefono estremamente ergonomico, continuano a far sembrare Xperia X Compact un sobrio mattoncino, ma il materiale che lo riveste gli fa perdere tutta l’aura di oggetto di lusso che emanava l’elegante e pregiato Xperia Z5 Compact, trasformandolo in una calamita per ditate dall’aspetto economico.

Il display da 4,6 pollici è uno dei tratti distintivi del dispositivo. Realizzato con tecnologia LCD IPS, il pannello vanta una risoluzione di appena 1280 x 720 pixel: si tratta di un valore inferiore rispetto a quello di molti altri dispositivi, anche di prezzo inferiore, ma è meglio non lasciarsi ingannare da conteggi di questo tipo. Lo schermo di X Compact risulta eccellente per fedeltà dei colori, luminosità e angoli di visione, ma anche la leggibilità e la definizione dei contenuti sono molto buoni: la matrice di pixel è invisibile, documenti e pagine web restano consultabili tranquillamente e le immagini — sia quelle statiche che quelle in movimento — risaltano vivaci.

Il processore è l’altro aspetto oltre alla carrozzeria sul quale Sony ha tentato un’operazione di taglio dei costi: a differenza degli altri modelli Compact che montavano gli ultimi e più potenti ritrovati del settore, quest’ultimo smartphone ripiega su una meno potente CPU Snapdragon 650 che però è lo stesso all’altezza della situazione. Le app si avviano velocemente, animazioni e transizioni non perdono un fotogramma e i 3 GB di RAM che accompagnano il dispositivo bastano a tenere app aperte a sufficienza, faticando solo quando le app aperte in contemporanea superano livelli di utilizzo normali. I 32 GB di memoria interna espandibili tramite schede microSD e una batteria da 2700 mAh capace di tenere il gadget acceso fino a sera contribuiscono a rendere Xperia X Compact anche affidabile, ma in generale possiamo dire che la spending review operata sulle specifiche tecniche è riuscita, e lo smartphone non è solo versatile ma anche potente a sufficienza da soddisfare le esigenze della maggior parte degli utenti.

Se il telefono è reattivo e veloce quasi quanto un dispositivo di fascia alta però non è solo merito del processore, ma anche delle piccole ottimizzazioni che sono state fatte a bordo: il lettore di impronte digitali ad esempio è un tutt’uno con il tasto di accensione laterale e sblocca il telefono in un solo tocco veloce e preciso, inoltre è posizionato in modo che sia l’indice sinistro che il pollice destro possano raggiungerlo facilmente; l’interfaccia grafica finalmente è molto più fedele a quella originale di Android (qui è installata la versione 6, Marshmallow) e le dimensioni dello schermo rendono facile fare tutto con una mano sola senza il rischio di far volare in terra il telefono, un vantaggio troppo spesso sottovalutato.

Dentro a Xperia X Compact infine trova posto un comparto fotografico in linea con quello del fratello maggiore Xperia XZ. In particolare il sensore principale da 23 megapixel con obiettivo grandangolare f/2.0 è veloce nello scatto e nella messa a fuoco ed è in grado di regalare immagini dai colori fedeli e dall’elevato livello di dettaglio nella maggior parte delle situazioni. Le foto e i video catturati in realtà non sono tra i migliori in assoluto del panorama smartphone — al calare delle tenebre il rumore di fondo aumenta considerevolmente e in generale l’assenza di una stabilizzazione ottica si fa notare — ma su un dispositivo di queste dimensioni hanno ben pochi rivali; il tasto a doppia corsa dedicato allo scatto poi è un alleato prezioso per chiunque trovi nella fotografia da smartphone un modo per esprimersi.

L’ultimo telefono della casa giapponese non è dunque perfetto, ma nell’esperienza quotidiana è davvero piacevole da utilizzare. Discreto in tasca ed efficace in mano, ha tutte le carte in regola per soddisfare la grandissima maggioranza del pubblico alla ricerca di uno smartphone di queste dimensioni. Il problema — oltre a un look che può non piacere — è il prezzo, eccessivo per un prodotto di questa fascia: il mercato ormai abbonda di soluzioni più economiche in grado di superare l’offerta Sony sotto diversi aspetti, e l’idea di considerare la sua compattezza come una caratteristica per la quale pagare un costo aggiuntivo rispetto a gadget più ingombranti può non andare a genio.

Wired
Altoparlanti frontali doppi.

Tired
Non è resistente all’acqua come gli ultimi modelli della serie.

The post Sony Xperia X Compact, la prova appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Sony Xperia X Compact, la prova

WeTransfer, in arrivo novità importanti

WeTransfer, in arrivo novità importanti

WeTransfer image

Fare una cosa sola e farla bene. Questa è l’essenza di WeTransfer, uno dei tanti servizi di file-sharing disponibili online, una realtà che vanta crescite annuali in doppia cifra. Nata nel 2009 nei Paesi Bassi, la piattaforma conta oggi su più di 37 milioni di utenti unici al mese e poco meno di 100 milioni di trasferimenti mensili, che si traducono in una media di oltre 20mila TB di dati ogni trenta giorni. Disponibile in otto lingue (inglese, spagnolo, francese, tedesco, portoghese, turco e italiano oltre all’olandese), consente di inviare gratis file fino a 2 GB, mentre chi necessita di dimensioni maggiori può optare per la versione Plus che, per 12 euro al mese o 120 euro annuali, permette di inviare fino a 20 GB in una volta sola. Come funziona? In maniera elementare, perché basta inserire la propria email, quella del destinatario (anche più di uno), allegare il materiale desiderato e premere invio.

Agli italiani WeTransfer piace, tanto che oltre a essere nella top 10 dei paesi che usano di più il servizio, dall’Italia sono arrivate nell’ultimo anno più di 6 milioni di visite mensili al sito (prima è la Francia con 10,6 milioni di visite), con un fatturato raddoppiato nei primi due quadrimestri del 2016. Per capire la parabola della piattaforma, obiettivi e mosse future ho scambiato quattro chiacchiere con Ronald Hans, meglio noto come Nalden (soprannome che deriva dalla firma dei suoi primi lavori pubblicati sul proprio blogger attivo fino al 2012 prima di spostarsi su Nalden.net), co-fondatore e attuale coordinatore del team Design & Innovation di WeTransfer.

Nalden, co-founder WeTransfer

Semplicità e velocità sono due degli elementi cardini del servizio. Quali le altre peculiarità che spiegano il successo di WeTransfer?
“Non c’è un singolo fattore, ma una serie di scelte legate alla nostra visione. Siamo un’azienda tecnologica che non vuole scendere a compromessi, così non vogliamo che gli utenti che arrivano su WeTransfer debbano farne. Una mossa decisiva è stata scommettere sulla pubblicità a schermo intero, considerata da tutti una follia in un periodo in cui dominavano ancora i banner pubblicitari e noi pensavamo a come pagare lo stipendi ai nostri dipendenti” — oggi sono 75 nella sede di Amsterdam e 6 in quella di Los Angeles. “Noi odiavamo i banner, non ne avremmo mai cliccato uno, quindi non potevamo chiederlo di fare agli utenti. Grazie agli sfondi pubblicitari, dal 2014 siamo in attivo e il 50% delle attuali entrate arrivano dalla pubblicità a tutta pagina. Lavoriamo con alcuni dei migliori brand del mondo come Nike, Levis e Burberry e, soprattutto, molti utenti neppure si accorgono della pubblicità sulla piattaforma, nel senso che guardano e apprezzano le immagini senza collegarle al profitto che ne deriva”.

Oltre alla pubblicità di aziende, voi sostenete anche artisti emergenti: perché?
“Siamo nati come un servizio destinato alle persone creative, poiché è lì che affondano le mie radici e quelle degli altri fondatori (ndr, Bas Beerens e lo scomparso Rinke Visser), quindi è per noi normale sostenere registi, illustratori, fotografi, enti di beneficienza e startup. L’obiettivo è di stringere un legame profondo con il nostro pubblico, mostrando loro che siamo qualcosa in più di un servizio per lo scambio di file, supportando artisti e progetti non solo online. Così abbiamo acquistato credibilità e tanti nuovi utenti, creativi e non”.

Il settore del file-sharing è pieno di grandi player: in cosa vi distinguete?
“Il primo elemento è l’accessibilità, perché noi non chiediamo registrazioni o la creazione di un account per usare il servizio. Questo è un aspetto fondamentale, perché gli utenti vogliono solo comunicare tra loro nella maniera più rapida, quindi percepiscono che non ci sono artifici o secondi fini”.

Come si dividono gli utenti tra la versione gratuita e quella Plus?
“Non posso rivelare numeri precisi, però i nostri ricavi arrivano da pubblicità e abbonamenti Plus: 50% l’uno e 50% l’altro”.

Qualche settimana fa avete lanciato la nuova versione del sito: quali le novità?
“Siamo ripartiti da zero e in undici mesi ci siamo dati un look diverso migliorando l’esperienza d’uso dell’utente. L’interfaccia è più pulita, i colori diversi e c’è un nuovo logo, mentre i destinatari possono scaricare file separatamente. Gli utenti WeTransfer Plus hanno maggiori possibilità di personalizzare il profilo con l’immagine di sfondo, proteggere i materiali inviati con una password, scegliere la data di cancellazione entro la quale scaricare i contenuti,  memorizzare gli scambi e l’accesso all’archivio degli stessi. In linea generale, invece, la piattaforma ora è più veloce, più sicura e più affidabile”.

Una delle richieste più frequenti per migliorare il servizio è alzare la soglia dei 2GB per i trasferimenti gratis. Lo farete?
“Ho imparato sul campo che è meglio iniziare dal basso, offrire ciò che è possibile e sostenibile e poi magari andare oltre. Questo per dire che a breve annunceremo nuove funzionalità”.

Lo scorso anno avete ottenuto un finanziamento di 25 milioni di dollari: come li spenderete?
“Davanti alla rapida e costante crescita della società il round è stato un passo delicato ma necessario per evitare potenziali problemi futuri. La salute dei conti ci ha permesso di selezionare il partner più adeguato alle esigenze tra i vari che hanno mostrato interesse; l’intesa con Highland Capital Partners Europe (HCPE) è stata totale, perché oltre ai soldi ci offrono consulenza e competenze per salire di livello. L’obiettivo è migliorare il team, continuare a sviluppare e innovare la piattaforma e concentrarsi sul mercato statunitense”.

The post WeTransfer, in arrivo novità importanti appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: WeTransfer, in arrivo novità importanti

Huawei ha aperto un centro di innovazione in Sardegna

Huawei ha aperto un centro di innovazione in Sardegna

(Foto: Huawei)
(Foto: Huawei)

Dopo l’arrivo di Apple a Napoli con la creazione della prima iOS Developer Academy d’Europa, un’altra big del settore ICT ha deciso di sbarcare in Italia. Si tratta di Huawei, che pochi giorni fa ha inaugurato a Pula, in provincia di Cagliari, il suo Joint Innovation Center. Un laboratorio di innovazione dedicato a progetti di ricerca sulle sulle Smart Cities, che coinvolge il Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna, il CRS4. Dagli spazi del Parco Tecnologico di Pula, in provincia di Cagliari, Huawei e CRS4 collaboreranno con alcuni dei più importanti laboratori Huawei sparsi nel mondo.

(Foto: Regione Sardegna)
(Foto: Regione Sardegna)

D’altra parte, per bocca del suo Executive Director Italia, Daniele De Grandis, la multinazionale cinese da 60 miliardi di dollari l’anno aveva già manifestato in passato l’ambizione di poter superare i colossi Apple e Samsung. Non solo nel mercato degli smartphone. “Abbiamo un ecosistema di tecnologie che ci permette di mettere il piede in tanti settori”, aveva affermato De Grandis. E ora Huawei ha deciso di fare un ulteriore passo in questa direzione, investendo proprio nel nostro paese.

“La Regione Sardegna ha dimostrato di avere una sensibilità che altre realtà pubbliche non hanno avuto”, spiega Alessandro Cozzi, country director Italy Huawei Enterprise Business Group. “Huawei l’ha scelta come polo d’eccellenza per lo sviluppo di progetti Smart e Safe City – continua – e mira a creare nell’isola un ecosistema ICT aperto e collaborativo”. Obiettivo del progetto è rendere le città più intelligenti e sicure, migliorando la qualità della vita, oltre a portare sul territorio vantaggi in termini occupazionali.

(Foto: CRS4)
(Foto: CRS4)

Il progetto prevede inizialmente la realizzazione di un’infrastruttura sperimentale, prima in ambienti indoor e poi in alcuni quartieri di Cagliari. La sperimentazione per la gestione globale della sicurezza pubblica (Safe City), incluse le attività anti-terrorismo, la gestione delle catastrofi e l’assistenza sanitaria pubblica. E infine, lo studio dei sistemi e-LTE di nuova generazione, con possibilità di sperimentare nuovi standard 5G.

“Siamo entusiasti di questa collaborazione con Huawei – ha concluso Luigi Filippini, Presidente del CRS4, durante l’inaugurazione – poiché consentirà di sviluppare nuove soluzioni innovative che potranno essere sperimentate in Sardegna prima di essere diffuse nel resto del mondo”. La sfida è lanciata.

The post Huawei ha aperto un centro di innovazione in Sardegna appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Huawei ha aperto un centro di innovazione in Sardegna

I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired

I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired
var galleryContent585a45baa8a61 = {
“ID”: “165350”,
“title”: “I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/lol/2016/12/21/commenti-facebook-wired/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”165379″,
“title”: “Felicità”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120333/1480932213_14639679_10211733000784475_6467813673459399490_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120333/1480932213_14639679_10211733000784475_6467813673459399490_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120333/1480932213_14639679_10211733000784475_6467813673459399490_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165367″,
“title”: “Giudizi di merito”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120211/1480932130_13620353_10210638563984239_2142196370260205097_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120211/1480932130_13620353_10210638563984239_2142196370260205097_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120211/1480932130_13620353_10210638563984239_2142196370260205097_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165375″,
“title”: “Mi piace”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120301/1480932180_14484791_10211400896442074_5887859480660398134_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120301/1480932180_14484791_10211400896442074_5887859480660398134_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120301/1480932180_14484791_10211400896442074_5887859480660398134_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165382″,
“title”: “La”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120346/1480932224_14691073_10211496869281335_1766826033242297136_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120346/1480932224_14691073_10211496869281335_1766826033242297136_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120346/1480932224_14691073_10211496869281335_1766826033242297136_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165364″,
“title”: “Carcere”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120152/1480932111_13423987_10210395244981416_4465469700045510147_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120152/1480932111_13423987_10210395244981416_4465469700045510147_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120152/1480932111_13423987_10210395244981416_4465469700045510147_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165393″,
“title”: “Senza aprire”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120455/1480932295_Schermata-2016-11-24-alle-15.26.21.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120455/1480932295_Schermata-2016-11-24-alle-15.26.21.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120455/1480932295_Schermata-2016-11-24-alle-15.26.21.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165390″,
“title”: “Lì”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120441/1480932280_15056391_10211846469141113_2093157867676429670_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120441/1480932280_15056391_10211846469141113_2093157867676429670_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120441/1480932280_15056391_10211846469141113_2093157867676429670_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165402″,
“title”: “Maria, io esco”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.39.29.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.39.29.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.39.29.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165360″,
“title”: “Mr. Robot spiegato agli italiani”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120137/1480932096_13138920_10210061437676442_6250607558943410787_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120137/1480932096_13138920_10210061437676442_6250607558943410787_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120137/1480932096_13138920_10210061437676442_6250607558943410787_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165374″,
“title”: “Scale”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120304/1480932181_14470521_10211420179004126_2673363483312661048_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120304/1480932181_14470521_10211420179004126_2673363483312661048_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120304/1480932181_14470521_10211420179004126_2673363483312661048_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165371″,
“title”: “Musicisti e secchi”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120242/1480932161_14370006_10211225862826343_2508297033272826158_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120242/1480932161_14370006_10211225862826343_2508297033272826158_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120242/1480932161_14370006_10211225862826343_2508297033272826158_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165356″,
“title”: “Infame”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120104/1480932063_12813930_10209439955179768_7370573141559717927_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120104/1480932063_12813930_10209439955179768_7370573141559717927_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120104/1480932063_12813930_10209439955179768_7370573141559717927_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165363″,
“title”: “La vacca del capitalismo”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120142/1480932102_13321670_10210326902032885_3221698781882788250_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120142/1480932102_13321670_10210326902032885_3221698781882788250_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120142/1480932102_13321670_10210326902032885_3221698781882788250_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165376″,
“title”: “Qualcosa”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120305/1480932185_14522713_10211409452335966_5203794303497714501_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120305/1480932185_14522713_10211409452335966_5203794303497714501_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120305/1480932185_14522713_10211409452335966_5203794303497714501_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165397″,
“title”: “Referendum sull’olio di palma”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120507/1480932306_Schermata-2016-12-05-alle-10.04.40.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120507/1480932306_Schermata-2016-12-05-alle-10.04.40.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120507/1480932306_Schermata-2016-12-05-alle-10.04.40.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165396″,
“title”: “Buffoni”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120502/1480932302_Schermata-2016-12-05-alle-10.03.45.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120502/1480932302_Schermata-2016-12-05-alle-10.03.45.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120502/1480932302_Schermata-2016-12-05-alle-10.03.45.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165391″,
“title”: “Rettiliani”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120437/1480932276_15056457_10211864412429684_554826088389743335_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120437/1480932276_15056457_10211864412429684_554826088389743335_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120437/1480932276_15056457_10211864412429684_554826088389743335_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165394″,
“title”: “E=”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120451/1480932291_Schermata-2016-11-28-alle-09.52.11.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120451/1480932291_Schermata-2016-11-28-alle-09.52.11.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120451/1480932291_Schermata-2016-11-28-alle-09.52.11.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165378″,
“title”: “Pubblicità”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120328/1480932208_14633051_10211466600044623_7180459541256584253_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120328/1480932208_14633051_10211466600044623_7180459541256584253_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120328/1480932208_14633051_10211466600044623_7180459541256584253_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165373″,
“title”: “Senza mezzi termini”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120254/1480932173_14469675_10211428368648862_4228528535849158572_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120254/1480932173_14469675_10211428368648862_4228528535849158572_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120254/1480932173_14469675_10211428368648862_4228528535849158572_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165351″,
“title”: “Repetita iuvant”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120043/1480932038_1.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120043/1480932038_1.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120043/1480932038_1.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165400″,
“title”: “Ignoranza”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.34.52.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.34.52.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120531/1480932331_Schermata-2016-12-05-alle-10.34.52.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165392″,
“title”: “Wired contro Gq”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120442/1480932281_Schermata-2016-11-02-alle-11.26.55.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120442/1480932281_Schermata-2016-11-02-alle-11.26.55.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120442/1480932281_Schermata-2016-11-02-alle-11.26.55.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165389″,
“title”: “Lobby”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120426/1480932264_15032647_10211803855195791_7831548277614942891_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120426/1480932264_15032647_10211803855195791_7831548277614942891_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120426/1480932264_15032647_10211803855195791_7831548277614942891_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165359″,
“title”: “I bei tempi andati”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120122/1480932082_12931012_10209805126948834_5334903366033470333_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120122/1480932082_12931012_10209805126948834_5334903366033470333_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120122/1480932082_12931012_10209805126948834_5334903366033470333_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165395″,
“title”: “Chiaro”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120457/1480932297_Schermata-2016-11-28-alle-10.01.54.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120457/1480932297_Schermata-2016-11-28-alle-10.01.54.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120457/1480932297_Schermata-2016-11-28-alle-10.01.54.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165399″,
“title”: “Bufale”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120527/1480932326_Schermata-2016-12-05-alle-10.32.54.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120527/1480932326_Schermata-2016-12-05-alle-10.32.54.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120527/1480932326_Schermata-2016-12-05-alle-10.32.54.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165355″,
“title”: “Licenziamenti”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120107/1480932067_12805656_10209440077262820_4465195759974172124_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120107/1480932067_12805656_10209440077262820_4465195759974172124_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120107/1480932067_12805656_10209440077262820_4465195759974172124_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165365″,
“title”: “Unità di misura”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120207/1480932127_13516627_10210452931143534_7168575350314064002_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120207/1480932127_13516627_10210452931143534_7168575350314064002_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120207/1480932127_13516627_10210452931143534_7168575350314064002_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165386″,
“title”: “Parità”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120417/1480932257_14915709_10211781549478162_234368847432422205_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120417/1480932257_14915709_10211781549478162_234368847432422205_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120417/1480932257_14915709_10211781549478162_234368847432422205_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165372″,
“title”: “20 anni”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120240/1480932158_14370411_10211287911577523_5365255286635810898_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120240/1480932158_14370411_10211287911577523_5365255286635810898_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120240/1480932158_14370411_10211287911577523_5365255286635810898_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165352″,
“title”: “Affanguru”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120050/1480932050_941074_10209786201995722_2317671085651877181_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120050/1480932050_941074_10209786201995722_2317671085651877181_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120050/1480932050_941074_10209786201995722_2317671085651877181_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165377″,
“title”: “Darsi alla Cucina”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120323/1480932202_14633041_10211487209879856_7859987713365504894_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120323/1480932202_14633041_10211487209879856_7859987713365504894_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120323/1480932202_14633041_10211487209879856_7859987713365504894_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165401″,
“title”: “Pagina”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120536/1480932336_Schermata-2016-12-05-alle-10.38.59.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120536/1480932336_Schermata-2016-12-05-alle-10.38.59.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120536/1480932336_Schermata-2016-12-05-alle-10.38.59.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165398″,
“title”: “Hipsterismo”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120512/1480932312_Schermata-2016-12-05-alle-10.17.17.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120512/1480932312_Schermata-2016-12-05-alle-10.17.17.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120512/1480932312_Schermata-2016-12-05-alle-10.17.17.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165357″,
“title”: “Utero in affitto”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120110/1480932070_12814569_10209465184970497_7269879067587230054_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120110/1480932070_12814569_10209465184970497_7269879067587230054_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120110/1480932070_12814569_10209465184970497_7269879067587230054_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165358″,
“title”: “Complotti”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120126/1480932085_12928322_10209848441831679_2089669278526119017_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120126/1480932085_12928322_10209848441831679_2089669278526119017_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120126/1480932085_12928322_10209848441831679_2089669278526119017_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165388″,
“title”: “Titoli”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120420/1480932259_15032138_10211793716022318_1367283855380469691_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120420/1480932259_15032138_10211793716022318_1367283855380469691_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120420/1480932259_15032138_10211793716022318_1367283855380469691_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165387″,
“title”: “Nonna”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120415/1480932254_14955946_10211744745918096_262400106058085241_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120415/1480932254_14955946_10211744745918096_262400106058085241_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120415/1480932254_14955946_10211744745918096_262400106058085241_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165366″,
“title”: “Senza giri di parole”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120204/1480932123_13600159_10210630237256076_7688517714485557827_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120204/1480932123_13600159_10210630237256076_7688517714485557827_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120204/1480932123_13600159_10210630237256076_7688517714485557827_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165380″,
“title”: “Like”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120339/1480932219_14642129_10211477260111118_5930917500536891468_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120339/1480932219_14642129_10211477260111118_5930917500536891468_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120339/1480932219_14642129_10211477260111118_5930917500536891468_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165369″,
“title”: “Heidi e l’iPhone 7”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120217/1480932135_14199318_10211159842295871_7322594682207789682_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120217/1480932135_14199318_10211159842295871_7322594682207789682_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120217/1480932135_14199318_10211159842295871_7322594682207789682_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165361″,
“title”: “La CIA”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120135/1480932094_13315438_10210237585760034_4881670665291060870_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120135/1480932094_13315438_10210237585760034_4881670665291060870_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120135/1480932094_13315438_10210237585760034_4881670665291060870_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165383″,
“title”: “Hipster”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120352/1480932231_14716047_10211557080146569_5019319889999508398_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120352/1480932231_14716047_10211557080146569_5019319889999508398_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120352/1480932231_14716047_10211557080146569_5019319889999508398_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165385″,
“title”: “Problemi intestinali”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120403/1480932242_14915669_10211722671006237_9182287687052663509_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120403/1480932242_14915669_10211722671006237_9182287687052663509_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120403/1480932242_14915669_10211722671006237_9182287687052663509_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165384″,
“title”: “Temini”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120357/1480932236_14720489_10211543915977473_3149894367357737809_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120357/1480932236_14720489_10211543915977473_3149894367357737809_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120357/1480932236_14720489_10211543915977473_3149894367357737809_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165381″,
“title”: “Senza parole”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120344/1480932223_14681817_10211578176313960_5722912301050367589_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120344/1480932223_14681817_10211578176313960_5722912301050367589_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120344/1480932223_14681817_10211578176313960_5722912301050367589_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165354″,
“title”: “Molestie”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120102/1480932061_12743796_10209385199490910_6636835244370491079_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120102/1480932061_12743796_10209385199490910_6636835244370491079_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120102/1480932061_12743796_10209385199490910_6636835244370491079_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165370″,
“title”: “Tanto per dire”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120224/1480932142_14264071_10211665490976772_4688334808426198948_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120224/1480932142_14264071_10211665490976772_4688334808426198948_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120224/1480932142_14264071_10211665490976772_4688334808426198948_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”165353″,
“title”: “Giornalisti veri”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120047/1480932046_1907609_10209527689853080_1787889053802870693_n.png”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120047/1480932046_1907609_10209527689853080_1787889053802870693_n.png”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05120047/1480932046_1907609_10209527689853080_1787889053802870693_n.png”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”164486″,
“title”: “Sony Xperia X Compact, la prova”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/12/21/sony-xperia-x-compact-prova/”,
“timeago”: “2 h”,
“category_name”: “Smartphone”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 164498,
“width”: 1920,
“height”: 1136,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167368″,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“timeago”: “20 Dic”,
“category_name”: “App”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/app/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167369,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX–307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167227″,
“title”: “I 10 migliori scienziati del 2016”,
“url”: “http://www.wired.it/scienza/lab/2016/12/19/10-migliori-scienziati-2016/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Lab”,
“category_link”: “http://www.wired.it/scienza/lab/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167361,
“width”: 960,
“height”: 654,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19174317/1482162188_Schermata-2016-12-19-alle-16.42.33-307×307.png”
}
}
}
}
}]};

Sfoglia gallery50 immagini

Felicità

globalData.fldNumPhoto = ’50’;

Felicità
Felicità
Giudizi di merito
Giudizi di merito
Mi piace
Mi piace
La
La
Carcere
Carcere
Senza aprire
Senza aprire
Lì
Maria, io esco
Maria, io esco
Mr. Robot spiegato agli italiani
Mr. Robot spiegato agli italiani
Scale
Scale

Tre anni fa, più o meno in questo periodo, catalogammo i commentatori dei nostri articoli in 15 categorie, dall’hater al puritano, dal tifoso al complottista, confessando una certa predilezione per la categoria degli artisti, composta da utenti che commentano solo con meme e foto.

Quest’anno abbiamo deciso di fare un piccolo bilancio dell’anno che sta per concludersi, selezionando i 50 migliori commenti ricevuti sulla nostra bacheca.

Buone vacanze anche a voi che ci volete bene.

The post I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired

I migliori personaggi di serie tv del 2016

I migliori personaggi di serie tv del 2016
var galleryContent585a45babecac = {
“ID”: “166255”,
“title”: “I migliori personaggi di serie tv del 2016”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/play/televisione/2016/12/21/migliori-personaggi-tv-2016/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”166364″,
“title”: “JJ DiMeo, Speechless”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13211523/1481656523_jjdimeo.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”155346″,
“title”: “Luke Cage”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Un supereroe nero era quello di cui il 2016 aveva bisogno”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/09/29212032/1475169631_luke-cage.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166365″,
“title”: “Genny Savastano, Gomorra”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Persona orribile, personaggio grandioso”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212011/1481656810_genny.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166367″,
“title”: “Alicia Florrick, The Good Wife”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “L’avvocato ispirata a Hillary Clinton ci saluta dopo sette stagioni”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13212907/1481657346_alicia.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166427″,
“title”: “Dolores Abertnathy, Westworld”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “L’androide più vecchio di Westworld ha ancora molto da dire”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105612/1481705771_dolores.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166368″,
“title”: “Cesei Lannister, Game of Thrones”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Questa è stata la stagione di Cersei, è inutile negarlo”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213428/1481657667_cersei.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166433″,
“title”: “BoJack Horseman”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il cavallo antropomorfo più umano di molti umani”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14110151/1481706110_bojack.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166369″,
“title”: “Kate Pearson, This is Us”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Un personaggio che non ha paura di affrontare la questione”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/13213706/1481657825_kate.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166431″,
“title”: “Lenny Belardo, The Young Pope”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Il giovane papa con pensieri molto poco giovani”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105928/1481705967_youngpope.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”166429″,
“title”: “Eleven, Stranger Things”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “Nessun personaggio ha segnato il 2016 quanto lei”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/14105759/1481705878_eleven.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”164486″,
“title”: “Sony Xperia X Compact, la prova”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/12/21/sony-xperia-x-compact-prova/”,
“timeago”: “2 h”,
“category_name”: “Smartphone”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 164498,
“width”: 1920,
“height”: 1136,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/11/30191726/1480526244_Sony-Xperia-X-Compact-1-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”165350″,
“title”: “I 50 migliori commenti sulla pagina Facebook di Wired”,
“url”: “http://www.wired.it/lol/2016/12/21/commenti-facebook-wired/”,
“timeago”: “3 h”,
“category_name”: “LOL”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lol/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi.png”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165423,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/05125022/1480935018_esticazzi-139×139.png”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167368″,
“title”: “Retro City Rampage DX, il GTA per Android”,
“url”: “http://www.wired.it/mobile/app/2016/12/20/retro-city-rampage-dx-gta-per-android/”,
“timeago”: “20 Dic”,
“category_name”: “App”,
“category_link”: “http://www.wired.it/mobile/app/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX-.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167369,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19195651/1482170211_Retro-City-Rampage-DX–307×307.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”167348″,
“title”: “Il negozio più piccolo del mondo è a misura di topo”,
“url”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/2016/12/19/il-negozio-piu-piccolo-del-mondo-e-a-misura-di-topo/”,
“timeago”: “19 Dic”,
“category_name”: “Design”,
“category_link”: “http://www.wired.it/lifestyle/design/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 167367,
“width”: 960,
“height”: 394,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/19182029/1482164429_Negozio-topi-evidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertenteSfoglia gallery10 immagini

JJ DiMeo, Speechless JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente

globalData.fldNumPhoto = ’10’;

JJ DiMeo, Speechless
JJ DiMeo, Speechless JJ ha insegnato che la disabilità in tv può essere realistica e divertente
Luke Cage
Luke Cage Un supereroe nero era quello di cui il 2016 aveva bisogno
Genny Savastano, Gomorra
Genny Savastano, Gomorra Persona orribile, personaggio grandioso
Alicia Florrick, The Good Wife
Alicia Florrick, The Good Wife L’avvocato ispirata a Hillary Clinton ci saluta dopo sette stagioni
Dolores Abertnathy, Westworld
Dolores Abertnathy, Westworld L’androide più vecchio di Westworld ha ancora molto da dire
Cesei Lannister, Game of Thrones
Cesei Lannister, Game of Thrones Questa è stata la stagione di Cersei, è inutile negarlo
BoJack Horseman
BoJack Horseman Il cavallo antropomorfo più umano di molti umani
Kate Pearson, This is Us
Kate Pearson, This is Us Un personaggio che non ha paura di affrontare la questione
Lenny Belardo, The Young Pope
Lenny Belardo, The Young Pope Il giovane papa con pensieri molto poco giovani
Eleven, Stranger Things
Eleven, Stranger Things Nessun personaggio ha segnato il 2016 quanto lei

Se scegliere le migliori nuove serie tv del 2016 è complesso, scegliere i migliori personaggi è quasi impossibile. Il livello di scrittura televisiva è ormai così alto che moltissimi personaggi meriterebbero una menzione, specie se considerati nel loro contesto originale. Così, per scegliere chi doveva figurare in questa lista, abbiamo preso in considerazione i più iconici, quelli che hanno significato qualcosa, che hanno segnato un cambiamento, avuto archi narrativi particolarmente potenti o che, semplicemente, ricorderemo per parecchio tempo come un simbolo televisivo di quest’anno.

Ecco dunque i nostri migliori personaggi di serie tv del 2016.

10. JJ DiMeo (Speechless)jjdimeo

Speechless non è una serie di cui si sia parlato molto in Italia (anche se noi l’abbiamo inserita tra le migliori), ma la comedy della Abc ha provato che rappresentare le minoranze in tv non significa renderle per forza una tematica. Per questo JJ, il protagonista affetto da paralisi cerebrale della serie, è uno dei personaggi più significativi dell’anno: perché ci dice che un adolescente disabile affronta sì problematiche diverse da quelle dei suoi coetanei, ma è lo stesso un adolescente, non uno strumento al servizio del facile dramma.

9. Luke Cage (Luke Cage)luke-cage

La terza serie nata dalla collaborazione tra Marvel Studios e Netflix non ha convinto il pubblico quanto le precedenti, Dardevil e Jessica Jones. Ciò non di meno, Luke Cage (interpretato da Mike Colter) è stato il supereroe giusto al momento giusto. In un anno in cui la comunità afro-americana si è unita nel movimento Black Lives Matter per denunciare gli abusi della polizia, un supereroe di colore, che opera ad Harlem e veste una felpa nera col cappuccio, non è un supereroe qualunque. Qualsiasi siano stati i meriti e i demeriti della serie, Luke Cage è l’eroe dell’anno.

8. Gennaro Genny Savastano (Gomorra – La serie)genny

Dopo un eroe, un antieroe. I personaggi di Gomorra (che è stata eletta terza miglior serie straniera dal New York Times) sono entrati nel nostro immaginario con una potenza raramente raggiunta da una produzione italiana. Al di là delle possibili controversie etiche, stiamo parlando di figure magistralmente scritte, e Genny tra tutti è forse la più terribile e umana.

7. Alicia Florrick (The Good Wife)alicia

The Good Wife ci ha salutati quest’anno, dopo sette stagioni eccellenti. Anche Claire Underwood sarebbe potuta entrare nella lista, ma abbiamo scelto di omaggiare proprio Alicia per il suo lunghissimo percorso, sempre coerente e coraggioso, che ha fatto molto per la rappresentazione delle donne in tv. E poi, quale anno migliore per salutare (o scoprire) una donna la cui vita è ispirata a quella di Hillary Clinton?

6. Dolores Abernathy (Westworld)

Evan Rachel Wood non ha (finora) ricevuto grandi riconoscimenti per le sue capacità di attrice, ma inWestworld sembra aver trovato la sua dimensione. Androide alla ricerca del sé, chiave di volta del mistero della serie e donna che combatte per emanciparsi in un ambiente ostile e patriarcale a ogni livello, Dolores è il simbolo della serie rivelazione dell’anno, e certamente ci accompagnerà anche nella prossime – si spera molte – stagioni.

5. Cersei Lannister (Game of Thrones)cersei

Cersei non è un personaggio facile da amare. A differenza di Tyrion, Jon Snow e Daenerys – che, se vogliamo, sono più ruffiani con lo spettatore -, la regina Lannister non scende mai a compromessi. Spietata, arrivista, vendicativa, ma anche sofferente e complessa, questa è stata senza dubbio la stagione della sua rinascita, e per quanto qualcuno possa aver goduto della sua caduta, di certo nessuno è rimasto indifferente alla sua riconquista. Quella della sua incoronazione come Regina dei Sette Regni è senza dubbio una delle scene più memorabili della serie.

4. BoJack Horseman (BoJack Horseman)

Ne abbiamo già scritto, ma non abbastanza: BoJack è uno dei personaggi televisivi più intensi degli ultimi anni. Rinunciatario, alcolizzato, cinico e malinconico, autodistruttivo e pieno di rimpianto – questo cavallo antropomorfo a cartoni animati ha molta più vita della maggior parte dei colleghi reali, e più coraggio nel mettere a nudo l’animo fragile e contraddittorio del maschio moderno.

3. Kate Pearson (This is Us)kate

Raramente la tv ha dato spazio a personaggi in sovrappeso, se non per farne un uso in qualche modo comico. Kate è diversa. Da una parte è perfettamente caratterizzata come persona al di là del suo peso, ma dall’altra la serie sceglie di non negare il problema, affrontandolo il modo sensibile e umano. Non una mera questione estetica, quindi, ma il risultato di un percorso di vita che si snoda dall’infanzia all’età adulta, rivelando debolezze, piccole e grandi umiliazioni, esperienze, speranze. Un ottimo lavoro, che davvero, ci voleva.

2. Lenny Belardo (The Young Pope)

La serie del premio Oscar Paolo Sorrentino ha diviso il pubblico e la critica, ma che Lenny sia stato uno dei personaggi più vividi e originali di questo 2016, è difficile negarlo. Merito anche di un eccezionale Jude Law, che maneggia con disinvoltura la sceneggiatura verbosa e riesce a renderla intensa e divertente anche dove rischia di piegarsi sotto un peso eccessivo.

1. Eleven (Stranger Things)

Non ci sono dubbi, è lei l’eroina dell’anno. Se Stranger Things è stato (meritatamente) il fenomeno che è stato, il merito è anche del personaggio interpretato da Mille Bobby Brown. Questa meravigliosa ragazzina, che come niente incarna in sé tenerezza e potere, ci ha conquistati tutti, senza esclusioni. Bionda o rasata, in maglietta sgualcita o abito rosa, Eleven è Eleven, e noi la amiamo in ogni caso.

The post I migliori personaggi di serie tv del 2016 appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: I migliori personaggi di serie tv del 2016

Il futuro prossimo dell’intelligenza artificiale

Il futuro prossimo dell’intelligenza artificiale

4
Una scena di “Lo and Behold”. Photo courtesy of Magnolia Pictures

Intelligenza artificiale, automazione e robotica sono alcune delle questioni più pressanti sulla società contemporanea. Gli scenari futuri del lavoro, per esempio, saranno fortemente caratterizzati dalla pressione dell’automazione e non è più possibile considerare questi temi come questioni da fantascienza o da laboratori di ricerca sulla robotica. La questione centrale su cui è necessario interrogarsi è infatti il ruolo che sarà riservato all’umano in questi ambiti e come prevenire che le innovazioni che l’intelligenza artificiale incorpora esondino anche nella disruption del tessuto sociale contemporaneo e futuro.

Jerry Kaplan, fellow del Center for Legal Informatics della Stanford University, dove insegna anche presso il Dipartimento di Computer Science, è uno dei massimi esperti di intelligenza artificiale. Nel suo ultimo saggio, Le persone non servono, edito in Italia da Luiss University Press, affronta la questione da diversi punti di vista, e quello dell’automazione del lavoro in particolare. Due sono gli ambiti di sviluppo principali dell’intelligenza artificiae, scrive Kaplan nel suo libro: quello degli intelletti sintetici, cui fanno capo machine learning, network neurali, big data, sistemi cognitivi o algoritmi genetici, e quelli che possono essere definiti come robot o operai artificiali a tutti gli effetti, il risultato dell’incontro tra sensori e attuatori. Entrambi avranno un ruolo nel futuro, anche immediato, e la necessità impellente è avere strumenti per affrontare le tensioni che porteranno inevitabilmente con sé.

Abbiamo parlato con Kaplan dell’immediato futuro dell’intelligenza artificiale, spaziando dalle auto che si guidano da sole al lavoro che potremmo perdere perché diventati ridondanti.

L’intelligenza artificiale (Ia) spinge al limite il concetto di disruption che di norma viene fatto riferire all’innovazione tecnologica. L’impatto potenziale dell’Ia sulla società potrebbe essere paragonabile a quello avuto da Internet nel complesso. È d’accordo, o vede delle differenze?

“Internet è un mezzo di comunicazione, come già la carta stampata o la radio. Al contrario, l’intelligenza artificiale è una tecnologia che può essere compresa al meglio se considerata come la naturale continuazione degli sforzi storici di aumentare l’automazione. Si tratta di qualcosa di molto potente e che darà spazio a diverse applicazioni, ma il suo impatto non sarà generale come quello di Internet. Al contrario, l’intelligenza artificiale cambierà i modi in cui realizzeremo certe attività che al momento richiedono gli sforzi e le attenzioni degli umani. Ci renderemo conto del suo impatto per via di diversi momenti in cui ci troveremo a dire ‘wow, non pensavo che un computer potesse essere usato per questo‘”.

L’intelligenza artificiale cambierà il lavoro dalle fondamenta, un tema cui dà ampio spazio nel suo libro. Allo stesso tempo, però, pone anche delle potenziali conseguenze devastanti per la società, insieme a potenziali benefici evidenti. La regolamentazione può essere la soluzione migliore, al fine di evitare danni potenziali al tessuto sociale?

“L’Ia espone certamente a dei pericoli e sarà fondamentale tenerli in considerazione e affrontarli. Non si sostituirà, comunque, a qualsiasi forma di lavoro umano, questo avverrà infatti solo per alcune professioni e certi tipi di compiti specifici. Penso che i benefici saranno molto importanti, ma alcune applicazioni hanno, come quelle per la guerra, davvero il potenziale di essere devastanti. Quello che servirà sarà comprendere ogni singola applicazione e decidere caso per caso se occorrono limitazioni o regolamentazioni”.

In una frase fondamentale del suo libro lei dice che “l’automazione è cieca di fronte al colore del tuo colletto“. Tra tutte le professioni e i lavori che subiranno l’impatto dell’automazione dell’Ai, quali soffriranno di più e prima?

“Come linea guida generale, le professioni che saranno colpite di più saranno quelle che hanno obiettivi ben definiti e modi limitati e specifici di raggiungerli. Questo vale in particolare per quei lavori che richiedono coordinazione tra la mano e l’occhio, come guidare, fare giardinaggio o imbiancare. In questi casi è plausibile pensare di trovarsi disoccupati nei prossimi decenni. Ma ci sono anche molti lavori che riteniamo richiedano altissimi livelli di formazione e competenze che finiranno invece nella medesima categoria.

“Per esempio, molti ricercatori che si occupano di intelligenza artificiale pensano che il lavoro dei radiologi sarà automatizzato piuttosto presto. Allo stesso tempo, scrivere contratti semplici, come affitti o vendite di proprietà, può essere fatto da computer, utilizzando le tecniche di intelligenza artificiale. Molti altri lavori che, invece, richiedono competenze come risolvere problemi o un tocco personale non saranno automatizzati. Dal mio punto di vista, ad esempio, il settore infermieristico è al sicuro, così come gli agenti immobiliari, i concierge o i performer nel complesso”.

Una grossa parte del dibattito sull’intelligenza artificiale è ora incentrato sulle automobili che si guidano da sole, in particolare per quanto riguarda le implicazioni etiche. Pensa che ci sia troppo hype attorno a questo settore, mentre ad altri – con implicazioni forse più estese -, come le analisi big data automatizzate, sia invece data troppo poca attenzione?

“Penso ci sia invece troppo poco hype attorno alle auto che si guidano da sole. Queste vetture avranno un impatto ampissimo sulla società, paragonabile forse all’invenzione della ruota stessa. Ma ci saranno altre applicazioni dell’intelligenza artificiale altrettanto importanti, che implicheranno anche decisioni etiche, che ci faranno inevitabilmente chiedere se vogliamo davvero utilizzare le macchine per realizzare quelle funzioni. Dovremo essere ben consigliati al fine di identificare e comprendere gli effetti potenziali di questi programmi e queste macchine prima di dispiegarle. Sarà difficile rimettere il genio dentro la lampada”.

La fantascienza e serie tv come Black Mirror e Westworld stanno continuando a portare l’intelligenza artificiale nella cultura pop. Queste produzioni di norma trattano l’argomento seguendo i temi della distopia o della ribellione delle macchine contro gli umani che dovrebbero essere i loro controllori. Nel suo libro lei sostiene che l’antropomorfismo applicato all’Ia sia un problema per comprendere davvero cosa sia l’intelligenza artificiale. Siamo spaventati dalle cose sbagliate?

“Queste serie tv sono molto diverse. Molti episodi di Black Mirror sottolineano questioni reali attinenti ai lati oscuri dell’attuale information technology, esagerandole a volte per sollevare una questione. Show come Westworld o Humans, invece, sono solo fantasia. Mostrano come potremmo essere fregati da robot antropomorfi, ma l’idea per la quale le macchine potranno svegliarsi o rivoltarsi contro i loro creatori umani è realistica quanto le serie con gli zombie o gli alieni. Non dovremo preoccuparcene nel futuro prossimo”.

Si parla molto di automazione anche nell’informazione. Come giornalista, mi devo preoccupare?

“Assolutamente no, almeno fino a quando utilizzerà il suo senso comune e il suo miglior giudizio. In futuro, però, potrebbe finire a intervistare delle macchine, invece che me”.

The post Il futuro prossimo dell’intelligenza artificiale appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Il futuro prossimo dell’intelligenza artificiale

Perché la sicurezza informatica non è una questione di bianco e nero

Perché la sicurezza informatica non è una questione di bianco e nero

Anticipiamo qui un intervento scritto da Giovanni Bajo (Relazioni sviluppatori) e Gianluca Varisco (Cybersecurity), del team per la trasformazione digitale creato da Diego Piacentini.

——————————————–

Partiamo con questo post da un tema non facile da trattare, ma che è anche quello che ci sta più a cuore di tutti e che si è guadagnato il primo posto nel nostro manifesto (e se non l’avete ancora letto, potete ripescarlo nel primo post di Diego Piacentini sul Team per la Trasformazione Digitale):

Sicurezza e privacy sono i principi più importanti; mai, per nessuna ragione, scenderemo a compromessi

Ma tanto per iniziare, che cosa si intende per sicurezza nel mondo dei siti o dei software?

Sicurezza nel mondo del software

Negli ultimi anni, sentiamo spesso parlare di account rubati, password rivelate, carte di credito a rischio. Non esiste software che si possa considerare “sicuro”.

La sicurezza non riguarda dicotomie, non si misura in bianco e nero, ma si rivaluta sempre in ogni istante: un software che si considera sicuro oggi, potrebbe rivelarsi improvvisamente inadeguato, nel caso in cui qualcuno vi trovasse una vulnerabilità. Per questo esistono solo livelli di sicurezza, e quello di un software dipende da molteplici fattori come la tipologia dell’attaccante o il budget a sua disposizione.

Proviamo a pensare al software come una casa da proteggere. Un sistema di sicurezza potrebbe essere quello di utilizzare una porta blindata per difenderla e, certo, magari risulterebbe sicura contro un ladro armato di grimaldello. Ma che cosa potrebbe succedere contro un ladro munito di strumenti sofisticati o che possa addirittura entrare in casa vostra dalla finestra?

Identificare e risolvere problemi di sicurezza in qualunque software è dunque una pratica ordinaria e comune. In maniera più o meno consapevole, quando installate gli aggiornamenti del vostro browser o del vostro smartphone state risolvendo uno o più problemi di sicurezza. Questi aggiornamenti sono essenziali per rendere i nostri software resilienti ad attacchi informatici, senza i quali un attaccante potrebbe accedere ad importanti dati personali come password, email, SMS.

È per questo che le aziende stesse, sempre più spesso, rendono pubblici i dettagli relativi ai bug di sicurezza che vengono risolti in ogni successivo rilascio dei propri prodotti. Queste aziende non solo non nascondono tali bug, ma ne incentivano una “disclosure” responsabile da parte delle comunità dei cosiddetti “ethical hacker” (hacker “buoni”, white hat hacker, hacker etici). Quando questi programmi sono a pagamento, sono noti come “bug bounty”, e incentivano gli ethical hacker a inviare in modo privato le loro segnalazioni sui bug di sicurezza identificati in un software.

È come se la vostra banca offrisse un premio a chiunque riesca a intrufolarsi nel caveau, ma senza rubare nulla e raccontando poi come ci è riuscito

È molto meglio, e sicuramente conveniente, premiare un ethical hacker per il suo lavoro, migliorando la sicurezza del proprio software, piuttosto che infilare la testa sotto la sabbia e aspettare che “black hat hacker” (gli hacker “cattivi”) scoprano gli stessi problemi e li usino indebitamente per arrecare danno.

18app e un buon esempio di responsible disclosure
Qualche settimana fa un ethical hacker diciottenne, Luca Milano, ha segnalato alcuni importanti problemi di sicurezza presenti in 18app, il software che gestisce il bonus cultura di 500 euro assegnato ai nati nel 1998. Luca è stato rigoroso, corretto e professionale; seguendo tutte le buone pratiche di cui parlavamo, prima di pubblicare la notizia ha segnalato le vulnerabilità tramite responsible disclosure, inviandone cioè comunicazione al CERT competente, l’organizzazione incaricata di raccogliere le segnalazioni di incidenti informatici e potenziali vulnerabilità nei software provenienti dalla comunità degli utenti.

Sogei, la società del Ministero dell’Economia che ha sviluppato 18app, ha risolto in poche ore il problema e messo online una versione corretta. Non possiamo che fare i complimenti al CERT Nazionale, al CERT-PA, e a Sogei per avere agito così tempestivamente e con tanta efficienza, nonché ringraziare Luca per il lavoro svolto. Per avere maggiori dettagli, potete leggere l’articolo sul suo blog tecnico, pubblicato dopo la risoluzione dei problemi.

Un esempio virtuoso oltreoceano: Hack the Pentagon
La scorsa primavera, il Dipartimento della Difesa americano ha lanciato un esperimento chiamato “Hack the Pentagon”: un vero bug bounty su alcuni siti governativi, della durata di circa 30 giorni, durante i quali 1.400 hacker hanno inviato numerose segnalazioni, aiutando a risolvere ben 138 diversi problemi di sicurezza, per un totale di 75.000 dollari pagati in ricompense. Si pensi a quanto più sicuri oggi sono questi siti e di conseguenza i cittadini americani che li utilizzano, con un budget tutto sommato modesto per la pubblica amministrazione in questione.

Oltre al beneficio concreto ottenuto, il programma è servito anche a confermare la tesi che esistesse una comunità di hacker etici disposti a collaborare con il governo per migliorare la sicurezza della nazione. Citiamo qui di seguito due dichiarazioni di esponenti governativi americani, rilasciate al termine del programma.

Sapevamo già che personaggi incaricati da governi stranieri e hacker cattivi volessero attaccare e violare le nostre reti. Quello che non avevamo realizzato appieno prima di questo esperimento era quanto fossero numerosi gli hacker buoni che vogliono fare la differenza, aiutando a rendere i nostri cittadini e la nostra nazione più sicuri“, Ashton B. Carter, Segretario alla Difesa, USA.

Ciò che l’iniziativa Hack the Pentagon ha confermato è che esiste un gran numero di tecnici e innovatori che vogliono contribuire alla sicurezza della nazione, ma il quadro giuridico odierno impedisce loro di farlo“, Eric Fanning, Segretario dell’Esercito, USA.

Apprendiamo, inoltre, con piacere che il Parlamento Europeo ha appena varato e finanziato (il 1° dicembre scorso) un programma per migliorare la cybersecurity.

Un programma nazionale di responsible disclosure
Come Team Digitale, crediamo fermamente nella responsible disclosure come strumento principe per comunicare con la comunità di ethical hacker italiana e internazionale, perché la posta in palio è la privacy e la sicurezza di tutti noi e dei nostri dati personali. Riteniamo anche che sia giusto ricompensare chi, identificando un problema, lo comunica in modo tempestivo e privato, rimandandone la diffusione solo a quando il problema è stato risolto.

Un programma di responsible disclosure ha anche l’obiettivo di agevolare la rapida risoluzione dei problemi di sicurezza e minimizzare i rischi per la cittadinanza. La tempestività nel risolvere le falle risulta cruciale per ridurre la finestra temporale in cui i nostri software sono esposti agli attaccanti.

È per questo motivo che abbiamo intrapreso un percorso con il CERT Nazionale e il CERT-PA per definire e pubblicare una policy di responsible disclosure nazionale; stiamo contemporaneamente indagando lo scenario tecnico e normativo (inclusa la protezione legale di chi fa la disclosure) per verificare i presupposti per il lancio del programma. Valuteremo anche l’opportunità di sperimentare una forma di bug bounty.

Non tocca a noi riscrivere le leggi in materia, ma ci confronteremo con le istituzioni competenti per individuare il miglior assetto normativo possibile nell’interesse di tutti e con il Garante per la Privacy per essere certi che la privacy dei cittadini sia sempre protetta.

E non vogliamo farlo da soli: condivideremo le bozze di policy per poterne discutere con i soggetti interessati. Nel frattempo, se volete contattarci per parlare di questo tema, scrivete alla email disclosure.program@teamdigitale.governo.it, oppure lasciateci i vostri contatti in questa form e vi contatteremo noi appena saremo pronti.

Ringraziamo tutti gli esperti di sicurezza, blogger e giornalisti tecnici che hanno, in modo costruttivo, suggerito soluzioni dai loro blog e dalle loro testate.

Continueremo ad aggiornarvi su questo canale.

The post Perché la sicurezza informatica non è una questione di bianco e nero appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Perché la sicurezza informatica non è una questione di bianco e nero

Il 2017 della medicina personalizzata: dalla salute quantificata ai farmaci su misura

Il 2017 della medicina personalizzata: dalla salute quantificata ai farmaci su misura

salute1Algoritmi, big data, gadget indossabili, previsioni ad hoc. Ma anche farmaci realizzati su misura. Nel contesto di un’aspettativa di vita in progressivo aumento: nel prossimo decennio la popolazione del pianeta salirà infatti di un miliardo di individui, la metà dei quali avrà più di cinquant’anni. Queste e altre saranno le dinamiche della medicina del futuro. Ma già nel 2017 andrà in scena almeno una parte di quel passaggio dal cosiddetto “quantified self” alla “salute quantificata”. Vale a dire un salto di qualità attraverso il quale la montagna di informazioni che siamo oggi in grado di raccogliere grazie ai numerosi sensori da cui i nostri organismi sono ricoperti e a breve anche impastati troverà un senso per le terapie di cui avremo eventualmente bisogno.

Dovranno anzitutto essere, quelli che sovrintenderanno la nostra salute, dati facili da ottenere. Dunque viaggeremo verso una progressiva semplificazione nell’uso e nei software dei gadget indossabili. In seconda battuta dovranno essere affidabili – e alcuni studi degli ultimi anni hanno spiegato che non è ancora e sempre così, almeno non per tutti i braccialetti, sensori di battito cardiaco, contapassi, contacalorie e altri dispositivi – e infine in grado di essere dati in pasto all’intelligenza artificiale.

Questo significa anche, come i colossi farmaceutici sembrano aver capito, che la maggior parte dei ricavi arriverà nei prossimi anni dalle persone, cioè dalle loro esigenze specifiche. E che perfino i tradizionali ruoli medici sono destinati a un cambiamento di specialità come mai prima d’ora. Lo testimoniano la robotizzazione di diverse situazioni critiche come l’anestesia, la chirurgia mininvasiva o il robot origami del Mit di Boston che cura ferite, rilascia farmaci e rimuove corpi estranei.

Tuttavia uno dei fronti più promettenti, non fosse che per il boom delle startup dedicate specialmente negli Stati Uniti, è quello delle smart drug. Cioè dei farmaci intelligenti. Anche se le interpretazioni sono diverse. Nel primo caso si intendono le pillole versatili in grado di comunicare con l’esterno, come Proteus Health già sul mercato. Dall’altra ai cosiddetti nootropi, cioè sostanze che potenziano le capacità cognitive dell’essere umano, dal Ritalin all’Adderall. Un ambito estremamente scivoloso.

Infine, con smart drug si intende anche una diversa concezione della farmacologia basata sull’analisi del Dna verso una medicina di precisione che consenta di individuare la particolare variante di una malattia e curarla con ciò di cui già disponiamo o confezionando una sostanza nuova di zecca. Stampandola magari in 3d e procedendo dunque verso una sorta di vendita on demand del medicinale, prodotto nella quantità o con il bilanciamento personalizzato. Proprio come facevano e fanno, in un curioso ritorno alle origini, i farmacisti con le preparazioni galeniche. Solo che ora dispongono di macchine, dati e ricerche in grado di condurli a prestazioni superiori o a processi più rapidi. Si va insomma, anche in questo caso, verso l’attenzione al singolo e non a gruppi pur targetizzati di pazienti. Questa, almeno, l’ambizione. Che si porta dietro una quantità di problematiche, su tutte la medesima strada che un farmaco attraversa dalle prime sperimentazioni alle autorizzazioni per la sua diffusione sul mercato.

L’altro mondo che nel 2017 vivrà una svolta è quello delle protesi. In questo caso, all’incrocio fra neuroscienza, medicina rigenerativa, biologia sintetica e meccatronica il salto sarà anzitutto culturale. Verso un ribaltamento del concetto di disabilità. C’è uno spot, pluripremiato all’ultimo Eurobest, il festival europeo della pubblicità tenutosi a Roma, che racconta magnificamente questa dinamica: è Paralympics We’re the Superhumans realizzato da Blink Productions per la britannica Channel 4 in occasione delle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Ma in fondo basta sfogliare l’ultimo numero di Wired. A partire dalla copertina.

In questo senso, notizie simili si susseguono ormai da anni: dagli esperimenti della Fondazione Santa Lucia e dell’università La Sapienza di Roma su sistemi che correggano in tempo reale un’azione errata all’uso dei metamateriali, strutture apparentemente semplici che celano al proprio interno architetture periodiche grazie alle quali possono assumere qualsiasi forma. Quest’ultimi stanno segnando i trend della soft-robotic, delle protesi e dei dispositivi indossabili. Fuori dalla comunicazione, a una nuova generazione di ausili sta lavorando per esempio il Center for Extreme Bionics sempre del Mit. Il filone è quello che, certo non nel 2017 ma nel giro di qualche anno, punta a “controllare i processi biologici interni per riparare o sradicare le malattie”.

C’è dunque la possibilità che presto l’ospedale fornisca al paziente appena dimesso una confezione di farmaci realizzati appositamente per lui insieme a una serie di dispositivi che lo terranno in contatto costante con un pool di medici. In fondo è ciò che facciamo con Health di iOs o con altre applicazioni (da S Health di Samsung a Google Fit, senza contare i diversi programmi per la salute dei colossi hi-tech), al netto di un miglioramento della sensoristica e un’indirizzamento di quelle informazioni al nostro medico di base e non ai ricercatori della Mayo Clinic di Rochester.

Nello stesso tempo questa raccolta su larga scala, una scala mai vista e raggiunta da alcuno studio resa oggi possibile dai device che custodiamo nelle nostre tasche, intorno ai polsi o altrove, ci consentirà una serie di strategie predittive rispetto alle pandemie, il nuovo grande mostro contemporaneo con cui abbiamo familiarizzato dopo i traumi di ebola e zika. Mapperemo quelle in corso, favorendo un maggiore e più efficace scambio d’informazioni fra i ricercatori grazie al crowdsourcing, ma saremo anche in grado di prevedere dove possano esploderne di nuove. E predisporre quindi ogni misura utile per anticipare la deflagrazione del Big One: “L’Hiv è stato l’ultimo Big One – ha spiegato qualche mese fa David Quammen, divulgatore scientifico e autore del best-seller Spillover (Adelphi) – e anche se ci sono terapie che ormai funzionano bene, il contagio continua e nei paesi poveri si muore ancora. Il prossimo Big One verrà da un animale e sarà un virus con Rna a singola elica, virus che cambiano molto rapidamente”. Ci toccherà essere altrettanto rapidi.

The post Il 2017 della medicina personalizzata: dalla salute quantificata ai farmaci su misura appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Il 2017 della medicina personalizzata: dalla salute quantificata ai farmaci su misura

Che cosa è il solstizio di inverno

Che cosa è il solstizio di inverno

(foto: Getty Images)
(foto: Getty Images)

Il 21 dicembre (in Italia alle ore 10:44) è il momento del solstizio d’inverno, appuntamento che segna l’inizio della stagione invernale, almeno in senso astronomico. È il giorno dell’anno in cui il Sole a mezzogiorno sale di meno rispetto all’orizzonte e la notte più lunga del 2016 (altro che Santa Lucia).

Il solstizio è un fenomeno che accade due volte ogni anno, causato (così come gli equinozi) dalla diversa inclinazione dell’asse di rotazione della Terra rispetto al piano dell’eclittica (ovvero il piano dell’orbita su cui il nostro pianeta ruota intorno al Sole). Questa differenza causa nel corso dell’anno un moto apparente del Sole nel cielo terrestre, che nel nostro emisfero fa sì che raggiunga il suo punto di elevazione massima rispetto all’orizzonte in corrispondenza del solstizio d’estate (21 o 22 giugno), e quella minima nel solstizio d’inverno (21 o 22 dicembre).

In queste date si hanno quindi i giorni e le notti più lunghi, che segnano convenzionalmente anche l’inizio dell’estate (solstizio d’estate) e dell’inverno astronomici (solstizio d’inverno), ovvero i periodi dell’anno in cui il percorso apparente del Sole sale o scende rispetto all’orizzonte, che terminano rispettivamente con l’equinozio d’autunno e con quello di primavera. Attenzione, però, a non confondere le stagioni astronomiche con quelle a cui facciamo riferimento più comunemente, ovvero le stagioni meteorologiche, che definiscono invece i mesi più freddi e più caldi dell’anno.

Nonostante i solstizi ricorrano ogni anno con cadenza regolare (il 21 o il 22 di giugno e di dicembre), si tratta in realtà un artificio introdotto dai nostri calendari. La data esatta tende infatti a ritardare di circa sei ore ogni anno, ed è per questo motivo che sono stati creati gli anni bisestili, che servono proprio a recuperare il ritardo accumulato (24 ore ogni 4 anni) ed evitare che si crei una sfasatura tra il nostro calendario e le variazioni climatiche stagionali.

Ultima curiosità, il solstizio d’inverno cade proprio in prossimità del Natale. Un caso? Assolutamente no, perché la data era al centro delle festività pagane (probabilmente il Natalis Solis Invicti degli adoratori di Mitra) su cui si ritiene sia stato ricalcato il natale cristiano. Non si tratta comunque di un caso isolato, perché i solstizi rappresentavano un momento importante nel calendario di moltissime altre culture antiche. Come i Maya, che avevano previsto la fine del mondo proprio per il solstizio di inverno del 2012. Per fortuna, sembra si sbagliassero.

The post Che cosa è il solstizio di inverno appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Che cosa è il solstizio di inverno

La Camera dà il via libera definitivo alla Tav Torino-Lione

La Camera dà il via libera definitivo alla Tav Torino-Lione

tav
(foto: LaPresse)

La Camera dei deputati ha approvato oggi la ratifica e l’esecuzione dell’accordo con la Francia per l’avvio dei lavori definitivi della sezione transfrontaliera della nuova linea ferroviaria Torino-Lione.

Alla Camera, erano presenti in 391: 103 i contrari, contro una maggioranza a favore di 285 deputati e 3 astenuti.
Un verdetto favorevole era arrivato già in Senato, lo scorso 16 novembre. Nella camera bassa è arrivato quindi il via libera definitivo all’accordo siglato  il 24 febbraio 2015 e al Protocollo addizionale con annesso regolamento dei contratti, adottato a Torino lo scorso 7 giugno. L’iter era partito in Commissione lo scorso 25 novembre e si era concluso il 14 dicembre prima dell’approdo in aula.

Anche in aula netta la contrapposizione tra favorevoli e contrari all’opera e rimbrotti per i contestatori, in particolare i deputati M5S che hanno esposto striscioni contrari. Critico, su Facebook, lo stesso Luigi Di Maio che, prima ancora del voto, pur presiedendo  l’aula, si spingeva a parlare di ratifica vergognosa. Un sì convinto invece quello del Pd, secondo cui l’Accordo che “contiene le modalità operative per l’avvio dell’ultimo tratto dei lavori della nuova linea ferroviaria [….] recepisce molte delle osservazioni giunte dai territori. Infatti, il nuovo progetto limita a 32 chilometri la costruzione di nuove linee, preferendo ammodernare quella storica”.

In precedenza, sempre in giornata, la Camera aveva respinto la questione pregiudiziale di merito sulla ratifica.

The post La Camera dà il via libera definitivo alla Tav Torino-Lione appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: La Camera dà il via libera definitivo alla Tav Torino-Lione