CES 2017, Samsung presenta i nuovi smartphone Galaxy A

CES 2017, Samsung presenta i nuovi smartphone Galaxy A
var galleryContent586babbcab85f = {
“ID”: “168544”,
“title”: “CES 2017, Samsung presenta i nuovi smartphone Galaxy A”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/mobile/smartphone/2017/01/03/ces-2017-samsung-nuovi-galaxy-a/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”168548″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134623/1483443982_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134623/1483443982_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134623/1483443982_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168551″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134637/1483443996_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134637/1483443996_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134637/1483443996_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168547″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134618/1483443978_Samsung-Galaxy-A.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134618/1483443978_Samsung-Galaxy-A.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134618/1483443978_Samsung-Galaxy-A.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168552″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134642/1483444001_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134642/1483444001_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134642/1483444001_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168550″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134634/1483443993_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134634/1483443993_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134634/1483443993_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168549″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134629/1483443989_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134629/1483443989_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134629/1483443989_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168546″,
“title”: “Samsung Galaxy A”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134614/1483443974_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134614/1483443974_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03134614/1483443974_Samsung-Galaxy-A-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”165907″,
“title”: “CES 2017, 50 anni di Electronics Show in 50 prodotti”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2017/01/03/ces-2017-50-prodotti-50-anni/”,
“timeago”: “8 h”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 115872,
“width”: 1500,
“height”: 843,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168425″,
“title”: “10 film che compiono 20 anni nel 2017”,
“url”: “http://www.wired.it/play/cinema/2017/01/02/film-20-anni-2017/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Cinema”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/cinema/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic.jpeg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168433,
“width”: 2048,
“height”: 1170,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic-307×307.jpeg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”165633″,
“title”: “Thermoball, il piumino senza piume”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/2017/01/02/thermoball-piumino-senza-piume/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Outdoor”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165634,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168305″,
“title”: “I 10 personaggi più strani creati da Stan Lee”,
“url”: “http://www.wired.it/play/fumetti/2016/12/30/personaggi-strani-stan-lee/”,
“timeago”: “30 Dic”,
“category_name”: “Fumetti”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/fumetti/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168318,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

Sfoglia gallery7 immagini

Samsung Galaxy A

globalData.fldNumPhoto = ‘7’;

Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A
Samsung Galaxy A

Las Vegas — Samsung rinnova la sua fascia media con i nuovi Galaxy A, tre dispositivi che uniscono un prezzo abbordabile a doti fotografiche di tutto rispetto. Dotati di scocca certificata IP68 e quindi resistenti ad acqua e polvere (1,5 metri di profondità per un massimo di 30 minuti), i tre dispositivi, chiamati Galaxy A7, A5 e Galaxy A3 offrono, rispettivamente, un display da 5,7 e 5,2 pollici Super Amoled Full HD e 4,7 pollici Super Amoled, ma a 720p, mentre il sistema operativo per tutti è Android 6 Marshmallow.

I due maggiori offrono un processore octa-core a 1,9 GHz, 3 GB di Ram e 32 GB di memoria espandibile tramite microSD, l’A3 ha sempre un octa-core, ma a 1,6 GHz con 2 GB di RAM e 16 GB di memoria espandibile. Le batterie invece sono, rispettivamente, da 3.600, 3mila e 2.350 mAh, e la ricarica avviene tramite cavo USB-C. I primi due hanno anche la carica rapida.

Ma eccoci alla fotocamera, il fiore all’occhiello di questi nuovi A. L’A7 e l’A5 giocano il jolly proponendo un sensore da 16 megapixel (f/1,9) sia sulla fotocamera anteriore che posteriore, una scelta amata soprattutto da chi punta ai selfie, mentre l’A3 ha un più parco sensore posteriore da 13 megapixel (f/1,9) e frontale da 8 megapixel (f/1,9). I tre modelli saranno disponibili da febbraio e, sebbene si presenti abbordabile, il prezzo definitivo ancora non è stato dichiarato.

The post CES 2017, Samsung presenta i nuovi smartphone Galaxy A appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: CES 2017, Samsung presenta i nuovi smartphone Galaxy A

Ma davvero la scuola era così tremenda come mostra Il Collegio?

Ma davvero la scuola era così tremenda come mostra Il Collegio?

Metteteli in un vero collegio, il Convitto di Celana a Caprino Bergamasco, per immergerli nella rigidità e nelle convenzioni sociali dell’educazione anni ’60, ed ecco il nuovo reality show targato Rai 2 che ha debuttato lunedì 2 gennaio alle 21.20
Basato su un format francese, Le Pensionnat, e prodotto da Magnolia, il reality consiste di quattro puntate, commentate bonariamente da Giancarlo Magalli, il quale a scuola in quell’epoca ci è andato veramente, e, anche se non è diventato il nostro Presidente della Repubblica, è un’ottima voce narrante.

Ogni ragazzino – tutti tra i quattordici e i diciassette anni – viene spogliato di ogni effetto personale, gli vengono acconciati e tagliati i capelli secondo la moda dell’epoca, in un tripudio di treccine e chiome impomatate. Niente trucco, niente Internet, niente cellulare. Pasti preceduti da olio di fegato di merluzzo, sorveglianza rigida nelle camere, verdure da mangiare ai pasti e ovviamente una rigida educazione di stampo anni ’60.
Questo comprende scrivere con la stilografica (nessuno di loro lo sa fare), problemi matematici in lire (parola incomprensibile che i ragazzini capiscono a stento, con il risultato che tutti gli spettatori a casa si sentono di colpo vecchissimi), temi e dettati, con insegnanti severi e abbigliati in stile signorina Rottermeier  (hanno anche le bacchette, ma state tranquilli, solo per fare scena).

Schermata 2017-01-03 alle 13.30.31

Non solo, ecco in grande spolvero la famigerata Educazione Tecnica, materia ai più incomprensibile, che per chi alle medie ci ha avuto a che fare poteva voler dire qualunque cosa, da saper squadrare un foglio ad apprendere delle basi di informatica. Materia mitologica, negli anni’60 era rigidamente divisa tra maschi e femmine: i ragazzi potevano fare attività pratiche, costruire oggetti o imparare competenze basilari come collegare una lampadina, mentre alle femmine toccava il ricamo, l’uncinetto e la cura della casa.

In questa puntata i ragazzini costruiscono (male) degli sgabelli, e si divertono tantissimo, le fanciulle invece imparano le basi della puericultura, grazie a dei bambolotti e alla loro rigida sorvegliante (spezziamo una lancia verso i due sorveglianti: non perdono mai la calma, riescono a non ridere in faccia ai ragazzi che cercano in ogni modo e inutilmente di fregarli e fanno in modo che il collegio non vada a fuoco).

Ovviamente su Twitter sono già volate le accuse di sessismo, per questa divisione rigida delle lezioni, evidentemente ignorando  che un tempo, se eri donna, avresti avuto un libro di Educazione Tecnica completamente diverso dal tuo compagno di banco (spoiler: non sarebbe stato lui a imparare il punto croce).
I protagonisti, preadolescenti che sembrano tutti molto più vecchi della loro età anagrafica, vengono presentati uno ad uno con la propria famiglia. I genitori si vantano delle meravigliose capacità del loro pargolo e ne elencano i difetti quasi compiaciuti. I figli, nonostante siano nativi digitali, non ne escono benissimo, totalmente incapaci di adattarsi a una nuova situazione e quasi increduli di trovarsi fronte a figure autoritarie quali il Preside (il meno minaccioso mai visto) o l’insegnante di ginnastica che vuole che finiscano il cibo che hanno nel piatto.

Non mancheranno  pianti, crisi isteriche, punizioni terribili come dover leggere brani del libro Cuore (un plauso agli autori per cotanta perfidia), minacce di rivolte e vani tentativi di nascondere il proprio cellulare.
Alla fine della prima puntata, abbiamo già la prima ragazzina a ritirarsi, e le prossime preannunciano espulsioni, rivolte del corpo studentesco e uno scontro tra i professori e i riottosi alunni.
Nell’eterna diatriba tra scuola e genitori, l’unica cosa certa è che se un programma televisivo sta educando i tuoi figli, qualcosa non ha funzionato. Funziona invece il programma, che produrrà un sacco di polemiche tra chi è del partito O tempora, o mores! e chi invece sospira di sollievo perché un certo tipo di severità è definitivamente tramontato. Che parteggiate per Piton o per Cicerone, non vi resta che scoprire la prossima settimana quale alunno riuscirà a superare l’esame di terza media indenne e magari farsi ammettere a Hogwarts.

The post Ma davvero la scuola era così tremenda come mostra Il Collegio? appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Ma davvero la scuola era così tremenda come mostra Il Collegio?

Fuga dei giovani dalla tv, le nuove strategie di Italia 1 per riprenderli

Fuga dei giovani dalla tv, le nuove strategie di Italia 1 per riprenderli

Gotham-Netflix

Guardando la tv in questi primi giorni del 2017, viene da pensare che la concorrenza esercitata da una parte dai canali satellitari, dall’altra dalla streaming tv di Netflix, Infinity e la neonata Amazon Prime Video, abbia stimolato le emittenti free e generaliste del digitale terrestre a proporre un’offerta un po’ più innovativa e al passo con i tempi.
L’abbiamo visto ieri sera su Raidue con l’intrattenimento antropologico tra fiction e reality, anche se non pienamente riuscito, de Il Collegio, e su Raiuno con l’interessante viaggio nelle teche Rai di Walter Veltroni intitolato Gli Occhi Cambiano. Ma sopratutto si nota un certo  interesse per le serie tv, vero grande motore innovativo dell’intrattenimento degli ultimi anni.

Questa sera, ad esempio, su Italia 1 si potrà vedere in sequenza a partire dalle 21:00:
la prima puntata della seconda stagione di Supergirl,
il primo episodio della terza stagione di The Flash,
l’inizio della quinta season di Arrow,
la prima della seconda stagione di Gotham.
Una lunga maratona quindi con tutte le serie di punta della DC Comics (manca solo DC’s Legends of Tomorrow, in onda su Infinity), di cui due – Supergirl e Gotham – in anteprima assoluta in Italia (anteprima promossa da alcuni giorni con il claim “Vivi l’impossibile”).

poster

Se è vero che, in generale, la tv sta reggendo in termini di ascolti grazie alle fasce più anziane della popolazione, lo stesso non si può dire dei canali che si rivolgono al target dei teen e dei giovani, i quali disertano il trdizionale piccolo schermo:  secondo alcune elaborazioni condotte dallo Studio Frasi sui dati Auditel, il consumo televisivo in un anno è sceso del 15,6% fra i 15 e i 19enni e del 9,7% fra i 25-34enni che, come è piuttosto semplice dedurre, sono target molto interessanti per gli investitori pubblicitari.

Italia 1, la tv giovanile per eccellenza del pacchetto Mediaset, solo nell’ultimo anno ha registrato un -10,3% di audience nel giorno medio e un -12,3% nel prime time con relativi cali di share: questo deriva principalmente da una perdita d’identità della rete e dalla mancanza di una proposta innovativa eche verta su serie tv e cartoni animati. La serata del martedì di questi primi mesi e la programmazione di Dragon Ball Super di questi giorni sembrerebbero però degli incoraggiati segnali di un ritorno in carreggiata.

Staremo a vedere se gli ascolti daranno ragione a questa nuova proposta o se la fuga dalla tv da parte dei giovani verso YouTube e i social è ormai inevitabile.

The post Fuga dei giovani dalla tv, le nuove strategie di Italia 1 per riprenderli appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Fuga dei giovani dalla tv, le nuove strategie di Italia 1 per riprenderli

Le votazioni del M5S sono aperte: su cosa si vota e come

Le votazioni del M5S sono aperte: su cosa si vota e come

manipcIl popolo pentastellato è chiamato a raccolta, come sempre avviene, sul web. Per esprimere la propria preferenza è sufficiente collegarsi alla piattaforma Rousseau, il “sistema operativo del Movimento 5 Stelle” attraverso la quale gli iscritti dibattono, decidono e votano.

Sono due i quesiti sottoposti all’assemblea popolare, il primo è quello relativo al codice comportamentale per chi è coinvolto in indagini giudiziarie. Il secondo cita: “sei d’accordo con lo spostamento degli incentivi statali dalle fonti fossili all’efficienza energetica e alle fonti rinnovabili?”.

Un tema che guarda al futuro delle energie rinnovabili in Italia, argomento che non si esaurisce nei limiti dei cambiamenti climatici e della tutela dell’ambiente ma che è destinato a creare economia, impiego e valore per tutto il paese.

Possono votare tutti i cittadini che si sono iscritti al Movimento al più tardi entro il 30 giungo 2016.

The post Le votazioni del M5S sono aperte: su cosa si vota e come appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Le votazioni del M5S sono aperte: su cosa si vota e come

Donazione di organi, il silenzio-assenso diventa legge in Francia

Donazione di organi, il silenzio-assenso diventa legge in Francia

(Foto: Christopher Furlong/Getty Images)
(Foto: Christopher Furlong/Getty Images)

Dal primo gennaio in Francia è entrata in vigore una nuova normativa in materia delle donazioni di organi: tutte le persone possono diventare donatori, dopo la loro morte, a meno che non abbiano espresso il proprio rifiuto su un apposito registro. La nuova legge, in questo modo, permetterà di procedere all’espianto degli organi della persona deceduta anche se i familiari dovessero esprimere parere contrario.

Fino al primo gennaio, quando appunto la riforma del sistema sanitario francese è entrata in vigore, a meno che la persona non avesse espresso chiaramente il consenso o il rifiuto alla donazione dei propri organi, i medici francesi erano tenuti a consultare i parenti che, in quasi un terzo dei casi, si esprimeva contro la donazione. Da ora, invece, coloro che non vogliono donare tutti o alcuni dei loro organi dovranno iscriversi su un apposito “Registro del rifiuto” nazionale, disponibile anche online, oppure lasciare a un familiare un documento in cui si dichiara la volontà contraria alla donazione (finora 150mila francesi hanno già firmato).

L’obbiettivo della nuova legge è proprio quello di ridurre le liste d’attesa per il trapianto di organi. Nel 2105, infatti, erano circa 21mila i francesi che aspettavano un trapianto e lo scorso anno circa 500 persone sono morte prima di ottenerlo. L’Unione europea, infatti, ha sottolineato la mancanza di organi per il trapianto e il crescente numero di pazienti nelle liste di attesa di tutto il mondo: solo nel 2014, 86mila persone erano in attesa per le donazioni di organi negli stati membri dell’Ue, mentre in media 16 persone morivano ogni giorno in attesa di un trapianto.

Nel nostro Paese lo scenario è leggermente migliore: sono aumentati i trapianti e le donazioni, anche da donatori viventi. Secondo i dati di proiezione di ottobre 2016 del Centro Nazionale Trapianti l’Italia è ai primi posti in Europa: i trapianti eseguiti lo scorso anno sono stati 3.268, rispetto ai 3.002 del 2015, e si sono registrati poco più di 1200 i donatori rispetto ai 1.165 nel 2015.

The post Donazione di organi, il silenzio-assenso diventa legge in Francia appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Donazione di organi, il silenzio-assenso diventa legge in Francia

CES 2017, Chrysler Portal è l’auto elettrica dedicata a selfie e social

CES 2017, Chrysler Portal è l’auto elettrica dedicata a selfie e social
var galleryContent586b8754009ba = {
“ID”: “168528”,
“title”: “CES 2017, Chrysler Portal è l’auto elettrica dedicata a selfie e social”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/gadget/motori/2017/01/03/ces-2017-chrysler-portal-auto-elettrica-selfie/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”168529″,
“title”: “Chrysler Portal”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124116/1483440075_Chrysler-Portal-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124116/1483440075_Chrysler-Portal-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124116/1483440075_Chrysler-Portal-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168530″,
“title”: “Chrysler Portal”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124124/1483440083_Chrysler-Portal-.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124124/1483440083_Chrysler-Portal-.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124124/1483440083_Chrysler-Portal-.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168531″,
“title”: “Chrysler Portal”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124128/1483440088_Chrysler-Portal.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124128/1483440088_Chrysler-Portal.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03124128/1483440088_Chrysler-Portal.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”165907″,
“title”: “CES 2017, 50 anni di Electronics Show in 50 prodotti”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2017/01/03/ces-2017-50-prodotti-50-anni/”,
“timeago”: “5 h”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 115872,
“width”: 1500,
“height”: 843,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168425″,
“title”: “10 film che compiono 20 anni nel 2017”,
“url”: “http://www.wired.it/play/cinema/2017/01/02/film-20-anni-2017/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Cinema”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/cinema/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic.jpeg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168433,
“width”: 2048,
“height”: 1170,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic-307×307.jpeg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”165633″,
“title”: “Thermoball, il piumino senza piume”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/2017/01/02/thermoball-piumino-senza-piume/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Outdoor”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165634,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168305″,
“title”: “I 10 personaggi più strani creati da Stan Lee”,
“url”: “http://www.wired.it/play/fumetti/2016/12/30/personaggi-strani-stan-lee/”,
“timeago”: “30 Dic”,
“category_name”: “Fumetti”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/fumetti/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168318,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

Sfoglia gallery3 immagini

Chrysler Portal

globalData.fldNumPhoto = ‘3’;

Chrysler Portal
Chrysler Portal
Chrysler Portal
Chrysler Portal
Chrysler Portal
Chrysler Portal

Las Vegas — Ricordati di allacciare le cinture, e di fare clic. Alla conferenza stampa di apertura del Consumer Electronics Show, tra poche ore, FCA presenterà Portal, un nuovo concept automobilistico dedicato tutto a selfie e social. Firmato dal brand Chrysler, questo crossover offre tre file di sedili a cui si accede tramite porte scorrevoli. Ma le chicche sono altre: all’interno dell’abitacolo, infatti, abbiamo una selfie cam con riconoscimento facciale, per poter scattare autoritratti anche alla guida. In più, i sedili posteriori hanno display connessi, per condividere il viaggio sui social mentre un interfono semplifica la comunicazione all’interno della vettura.

Elettrica, Portal offre un’autonomia di 420 chilometri, mentre la carica rapida consente di guadagnare 241 chilometri con appena 15 minuti di corrente. Dalla sua, questo crossover è anche semi autonomo ma, come tutti i concept, non si conosce se e quando verrà prodotto.

The post CES 2017, Chrysler Portal è l’auto elettrica dedicata a selfie e social appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: CES 2017, Chrysler Portal è l’auto elettrica dedicata a selfie e social

I siti sono responsabili per i commenti dei lettori

I siti sono responsabili per i commenti dei lettori

Colouful speech bubbles

La Cassazione ha stabilito che i gestori dei siti, anche quelli non professionali, sono responsabili dei commenti lasciati dai lettori-utenti. Anche di quelli non anonimi, dove dunque ci sarebbe una traccia di identificabilità.

È esattamente il caso della sentenza 54946 pubblicata pochi giorni fa con cui il responsabile di un sito dedicato al calcio (Agenziacalcio.it) è stato condannato per un commento pubblicato nel lontano 2009 nel quale si definiva il futuro presidente della Figc Carlo Tavecchio, all’epoca alla guida della Lega nazionale dilettanti, un “emerito farabutto” e “pregiudicato doc”. Assolto in primo grado, il legale rappresentante della società che pubblica Agenziacalcio.it è stato condannato in appello e la sentenza è stata confermata dalle toghe del Palazzaccio. Il gestore del sito dovrà pagare 60mila euro a Tavecchio, per “concorso in diffamazione”: non ha rimosso il commento denigratorio.

Come molti osservatori hanno fatto notare, la decisione imprime l’ennesima svolta sul tema. Tuttavia da un paio d’anni – dalla sentenza del 2014 per il gestore del sito Nuovocadore.it – l’approccio della giurisprudenza nostrana sembrava almeno in parte mutato. Lo aveva testimoniato la vicenda di Massimiliano Tonelli, responsabile del sito Cartellopoli dedicato alla lotta contro i cartelloni abusivi a Roma, condannato a nove mesi di carcere per istigazione a delinquere in merito ad alcuni commenti pubblicati da utenti anonimi e assolto in secondo grado lo scorso novembre. Ad arricchire e complicare il quadro c’è infine un’altra sentenza, quella della Corte di Giustizia europea, che all’inizio del 2016 e analizzando il caso di un sito ungherese aveva stabilito come “condannare siti per i commenti anonimi violi la libertà d’espressione”.

La realtà è che una linea chiara (ancora) non esiste. Si procede appunto a colpi di sentenze e ce ne vorranno molte altre nel corso di un periodo ampio perché da queste si configuri una scuola di pensiero. Al momento, stando a quest’ultima deliberazione, per i gestori dei siti internet rischia di cambiare moltissimo. Tranne rare eccezioni i commenti dei lettori costituiscono infatti parte integrante del dibattito che sboccia intorno a un contenuto giornalistico. Basti pensare alla scelta del Guardian del 2015, che ne ha potenziato la centralità ma dove bisogna iscriversi per partecipare alla discussione.

Messi questi paletti, le strade potrebbero essere almeno un paio: sospendere del tutto la possibilità di lasciare commenti (Bloomberg Business, Re/Code, Reuters, Popular Science fra gli altri) o correre il rischio di una condanna per diffamazione o altri capi d’imputazione. Oppure moderare. E moderare significa investire. Cioè spendere soldi. E avere una precisa linea editoriale anche per quei contenuti che, volenti o nolenti, finiscono per far parte della cornice più ampia disegnata dal contributo iniziale, quello del giornalista.

C’è un altro elemento non da poco. Molti siti integrano nei loro commenti in calce agli articoli anche i contenuti generati sui social network. Anche quel tipo di commenti, laddove pubblici e dunque agganciati a un contenuto, sono passibili di questo tipo di trattamento? Faccenda mica da poco. Un conto è controllare un flusso interno massiccio ma ancora gestibile, un altro la montagna di bile riversata da migliaia di utenti sui social network.

Prima ancora di perdersi nelle strade della giurisprudenza, che in questo caso sembra aver sposato la linea politica dominante e un po’ scivolosa sulla “responsabilizzazione dei social e del web” tanto di moda a Montecitorio e dintorni, la questione è decidere se i commenti servono o no. E se servono – alla comunità, al traffico, all’arricchimento del confronto? – quali di essi sono davvero utili: quelli della community registrata alla piattaforma del sito; quelli dei social, senza rete; quelli di chiunque, senza alcun “ostacolo” e filtro che si frapponga fra l’impulsività del lettore e la pubblicazione di un commento.

Con la conversazione ormai del tutto traslocata sui social network, il dibattito potrebbe essere del tutto appaltato a Facebook & co. chiudendo i commenti in calce agli articoli e lasciandolo in esclusiva ai thread che si sviluppano sotto ai post delle pagine delle testate, senza integrarli sui propri siti. Così, tuttavia, si corre il rischio di spostare il confronto in un territorio ancor più spietato e senza regole. Perdendo del tutto il senso di un confronto costruttivo e vantaggioso anche (perché no?) per imparare a distinguere le bufale dal vero.

The post I siti sono responsabili per i commenti dei lettori appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: I siti sono responsabili per i commenti dei lettori

Questo kit di 48 accessori per GoPro costa appena 20 euro

Questo kit di 48 accessori per GoPro costa appena 20 euro
var galleryContent586b87541d4de = {
“ID”: “168511”,
“title”: “Questo kit di 48 accessori per GoPro costa appena 20 euro”,
“next_gallery_id”: -1,
“post_url”: “http://www.wired.it/gadget/foto-e-video/2017/01/03/kit-48-accessori-gopro-costa-20-euro/”,
“next_post_id”: null,
“is_ring”: false,
“type”: “”,
“type_code”: “”,
“images”: [{
“ID”:”168515″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122302/1483438981__0008_91SA04D9P-L._SL1500_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122302/1483438981__0008_91SA04D9P-L._SL1500_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122302/1483438981__0008_91SA04D9P-L._SL1500_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168514″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122255/1483438974__0007_71JGeXpdQJL._SL1200_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122255/1483438974__0007_71JGeXpdQJL._SL1200_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122255/1483438974__0007_71JGeXpdQJL._SL1200_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168520″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122324/1483439004__0003_71tY2cxjm3L._SL1200_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122324/1483439004__0003_71tY2cxjm3L._SL1200_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122324/1483439004__0003_71tY2cxjm3L._SL1200_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168519″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122320/1483439000__0002_718rMm54z1L._SL1500_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122320/1483439000__0002_718rMm54z1L._SL1500_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122320/1483439000__0002_718rMm54z1L._SL1500_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168518″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122313/1483438993__0001_61dd-b7B2aL._SL1200_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122313/1483438993__0001_61dd-b7B2aL._SL1200_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122313/1483438993__0001_61dd-b7B2aL._SL1200_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168517″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122309/1483438988__0005_81kPH7ZPXxL._SL1500_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122309/1483438988__0005_81kPH7ZPXxL._SL1500_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122309/1483438988__0005_81kPH7ZPXxL._SL1500_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168516″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122306/1483438986__0004_81d95hlFczL._SL1500_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122306/1483438986__0004_81d95hlFczL._SL1500_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122306/1483438986__0004_81d95hlFczL._SL1500_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
},{
“ID”:”168513″,
“title”: “Iextreme 48-in-1”,
“short_description”: “”,
“long_description”: “”,
“type”: “Generica”,
“big_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122250/1483438969__0006_81gIxidlhzL._SL1500_.jpg”,
“mid_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122250/1483438969__0006_81gIxidlhzL._SL1500_.jpg”,
“thumb_image_path”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/03122250/1483438969__0006_81gIxidlhzL._SL1500_.jpg”,
“is_video”: false,
“video_reference_id”: null,
“meta”: {
“links”: {
“gallery”: “”
}
},
“photographer”: “”,
“url_bollino”: null,
“orientation”: “”,
“price”: null
}],
“related”: [{
“ID”:”165907″,
“title”: “CES 2017, 50 anni di Electronics Show in 50 prodotti”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/2017/01/03/ces-2017-50-prodotti-50-anni/”,
“timeago”: “5 h”,
“category_name”: “Accessori”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/accessori/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 115872,
“width”: 1500,
“height”: 843,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/01/1452418897_IMG_2891-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168425″,
“title”: “10 film che compiono 20 anni nel 2017”,
“url”: “http://www.wired.it/play/cinema/2017/01/02/film-20-anni-2017/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Cinema”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/cinema/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic.jpeg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168433,
“width”: 2048,
“height”: 1170,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2017/01/02130125/1483354883_titanic-307×307.jpeg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”165633″,
“title”: “Thermoball, il piumino senza piume”,
“url”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/2017/01/02/thermoball-piumino-senza-piume/”,
“timeago”: “2 Gen”,
“category_name”: “Outdoor”,
“category_link”: “http://www.wired.it/gadget/outdoor/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 165634,
“width”: 1200,
“height”: 710,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/06095514/1481010913__0005_2U7Z_MME_alt2-139×139.jpg”
}
}
}
}
},{
“ID”:”168305″,
“title”: “I 10 personaggi più strani creati da Stan Lee”,
“url”: “http://www.wired.it/play/fumetti/2016/12/30/personaggi-strani-stan-lee/”,
“timeago”: “30 Dic”,
“category_name”: “Fumetti”,
“category_link”: “http://www.wired.it/play/fumetti/”,
“author”: null,
“image_count”: null,
“gallery_id”: null,
“squared_image”: {
“source”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza.jpg”,
“is_gif”: false,
“is_image”: true,
“attachment”: {
“id”: 168318,
“width”: 1050,
“height”: 590,
“file”: null,
“sizes”: {
“q-139-139”: {
“width”: 139,
“height”: 139,
“url”: “http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/12/30022140/1483057299_immevidenza-307×307.jpg”
}
}
}
}
}]};

Sfoglia gallery8 immagini

Iextreme 48-in-1

globalData.fldNumPhoto = ‘8’;

Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1
Iextreme 48-in-1

Se la risposta a tutte le domande è 42, i fotografi d’azione alzeranno il tiro fino a 48. Online è appena spuntato un kit di accessori dedicato alla GoPro che conta quasi 50 prodotti, un set enorme e immancabile nel nostro armamentario hi-tech.

Nel mostruoso pacchetto proposto da Lextreme troviamo davvero di tutto. Tra le chicche ecco l’imbragatura per tenere la fotocamera davanti al petto, le cinghie per il polso e la testa, il selfie stick pimpato e l’attacco a pinza per poggiare la camera praticamente ovunque.

Immancabile, poi, la borsa rinforzata per racchiudere il tutto e proteggere il tuo prezioso acquisto, come la manopola subacquea. Il bello è che questo kit bestiale non è compatibile solo con GoPro, ma con tutte le fotocamere che ne condividono gli attacchi a vite mentre il prezzo è stracciato: su Amazon infatti costa 20,39 euro.

The post Questo kit di 48 accessori per GoPro costa appena 20 euro appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Questo kit di 48 accessori per GoPro costa appena 20 euro

Samsung FlexWash + FlexDry, la lavatrice 4 in 1

Samsung FlexWash + FlexDry, la lavatrice 4 in 1

Samsung FlexWash FlexDry

È di Samsung, la prima lavatrice 4-in-1: i coreani la presenteranno domani al CES di Las Vegas, tra i prodotti della nuova linea di elettrodomestici. Nera lucida e molto curata nel design avveniristico, la FlexWash + FlexDry offre due lavatrici a caricamento frontale con sopra due asciugatrici a caricamento dall’alto in un unico sistema. Vale a dire che, a seconda delle esigenze, possiamo avviare due lavaggi con impostazioni diverse e due cicli di asciugatura, tutto contemporaneamente.

Samsung FlexWash FlexDry

Gli attacchi elettrici e dell’acqua rimangono unici come su una normale lavatrice, rendendo quindi facile l’istallazione. In più la FlexWash + FlexDry può essere controllata da smartphone, mentre la tecnologia MultiSteam di Samsung rinfresca gli abiti, li disinfetta e riduce gli odori.

The post Samsung FlexWash + FlexDry, la lavatrice 4 in 1 appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Samsung FlexWash + FlexDry, la lavatrice 4 in 1

Sherlock, il teaser trailer del secondo episodio

Sherlock, il teaser trailer del secondo episodio

Sherlock, lo show di Steven Moffat e Mark Gatiss che rivisita in chiave contemporanea le imprese del detective raccontato da Arthur Conan Doyle, è tornato con il primo episodio della sua quarta (e possibilmente ultima) stagione il giorno di Capodanno.

Che abbiate amato The Six Thatchers o meno, in ogni caso, altre due puntate sono in arrivo. E la seconda, The Lying Detective, ha già un teaser che potete ammirare in alto.

L’appuntamento è fissato per l’8 gennaio; noi italiani lo guarderemo su Netflix.

The post Sherlock, il teaser trailer del secondo episodio appeared first on Wired.

Leggi l’articolo completo: Sherlock, il teaser trailer del secondo episodio